Interi palazzi, serre di droga, bar| I ladri di luce tornano alla carica - Live Sicilia

Interi palazzi, serre di droga, bar| I ladri di luce tornano alla carica

L'ultimo caso in via Brigata Aosta: quasi tutte le abitazioni erano collegate alla rete pubblica.

PALERMO
di
5 Commenti Condividi

PALERMO – Gli ultimi arresti risalgono soltanto a pochi giorni fa, con le manette scattate per due uomini che avevano allacciato l’impianto di energia elettrica del condominio alla rete pubblica dell’Enel. In via Brigata Aosta, nel cosiddetto “palazzo di ferro”, sono state in tutto trentanove le persone denunciate dai carabinieri, che hanno scoperto 42 alloggi su 72 collegati abusivamente.

Praticamente quasi tutto lo stabile, così come era già successo in alcuni palazzi nella zona di Pallavicino, di Tommaso Natale e di Brancaccio, dove negli scorsi mesi le forze dell’ordine, insieme ai tecnici dell’ente erogatore, hanno fatto scattare arresti e denunce. E così i ladri di luce tornano alla carica. Dopo il lieve calo di furti registrato nel corso degli ultimi dodici mesi – 150 contro gli oltre duecento dell’anno precedente – i controlli sono stati nuovamente intensificati e hanno fatto venire a galla i “furbetti” che non sborsavano nemmeno un centesimo per alimentare appartamenti e attività commerciali.

E’ il caso di due uomini residenti a Ciminna, nei quali appartamenti i carabinieri hanno scoperto due impianti realizzati artigianalmente che collegavano le abitazioni direttamente alla rete pubblica dell’energia elettrica. Nelle due case si trovavano elettrodomestici che venivano alimentati “a scrocco” ed è stato accertato che uno dei due arrestati, da ben nove anni non aveva un regolare contratto di fornitura elettrica. Così come il titolare di un bar nella zona dell’Arenella, finito nei guai dopo i controlli effettuati insieme ai tecnici che, anche questa volta, hanno accertato un danno economico per l’Enel di migliaia di euro.

E’ un monitoraggio a tappeto quello effettuato da carabinieri, polizia e guardia di finanza, con interventi quotidiani che hanno permesso di constatare la manomissione dei contatori, spesso “rallentati” con l’utilizzo di un magnete. E’ il caso accertato nel laboratorio di un artigiano nel centro storico, che negli scorsi mesi avrebbe sborsato il cinquanta per cento in meno proprio grazie a questo escamotage che aveva fatto ridurre notevolmente i costi in bolletta. Anche per lui è scattata la denuncia, oltre al sequestro del magnete.

Ma tra i locali più frequentemente trovati allacciati all’impianto pubblico di energia elettrica ci sono le serre di droga, curate fino all’ultimo dettaglio con tanto di sistemi di irrigazione ed illuminazione per ricreare l’habitat naturale delle piante di marijuanaE’ il caso della maxi piantagione scoperta dai carabinieri a Partanna Mondello la scorsa settimana, riconducibile ad un 42enne finito in manette per coltivazione e detenzione illecita di sostanze stupefacenti e furto aggravato. Più di quattrocento le piante trovate già in fase di essiccazione. La serra era corredata di tutto: lampade, reattori, impianti di condizionamento ed aspirazione, alimentati attraverso un sistema rudimentale che collegava la struttura alla rete stradale.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

5 Commenti Condividi

Commenti

    Il danno economico prodotto da questi parassiti e delinquenti e’ inevitabilmente conseguentemente riversato su coloro che pagano onestamente fino all’ultimo centesimo il costo del servizio usufruito. Pertanto tali “signori” vanno condannati a prestare opera gratuita agli Enti danneggiati al fine del recupero delle spese vive e riflesse e poi .. sorvegliato a vista in eterno.

    E non parliamo dei contatori truccati nelle abitazioni con uno shunt. Chi li trucca e li risigilla? Mah!!!

    no non tornano alla carica ci sono sempre stati.

    Quello che spesso si fa in politica viene fatto dalla società e viceversa. Oramai il degrado è, purtroppo, totale

    Visto l’elevatissimo numero di casi evidentemente c’è qualcosa che non funziona sia sul piano tecnico delle società elettriche, incapaci di applicare come in nord Europa dei sistemi che impediscano il funzionamento di apparecchiature mediante allacciamento abusivo, sia anche sul piano dei controlli preventivi da parte delle società dato che queste situazioni si scoprono sempre dopo e mai prima. L’amarezza semmai è constatare che chi ruba energia elettrica spesso non è un povero ma, come in certe zone, ha in casa sofisticati apparecchi di tutti i tipi e, tanto per non passare inosservato, parabole satellitari e pompe di calore in bella mostra nei balconi e magari pure un costoso mega suv posteggiato sotto casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *