La benzina c'è, imputati in aula |per assistere alla requisitoria - Live Sicilia

La benzina c’è, imputati in aula |per assistere alla requisitoria

L'udienza era saltata per mancanza di carburante
di
0 Commenti Condividi

Questa volta la benzina c’era e gli imputati sono stati trasferiti al carcere di Trapani al palazzo di giustizia di Palermo per assistere alla requisitoria dei pubblici ministeri. Il processo è quello per le presunte infiltrazioni mafiose nel business delle pale eoliche. La settimana scorsa, infatti, l’udienza era saltata per un l’imprevisto: il carcere di Trapani aveva comunicato di non avere a disposizione i buoni benzina per rifornire il cellulare a bordo del quale dovevano essere tradotti i detenuti. A quel punto il giudice dell’udienza preliminare, Daniela Troja, aveva dovuto rinviare il processo che si svolge con il rito abbreviato. I sei imputati, tra cui Vito Martino e Giuseppe Sucameli, entrambi detenuti a Trapani, rispondono, a vario titolo, di reati che vanno dall’associazione mafiosa al concorso esterno, truffa, falso e corruzione. I pubblici ministeri Ambrogio Cartosio e Pierangelo Padova utilizzeranno almeno due udienze per la requisitoria, poi la replica dei difensori e la sentenza. (Ansa)


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *