La figlia di un marinaio tunisino: "Mi sento discriminata" - Live Sicilia

La figlia di un marinaio tunisino: “Mi sento discriminata”

Rimpallo di competenze fra Italia e Tunisia. "Non ho parlato con mio padre"
MAZARA DEL VALLO
di
3 Commenti Condividi

MAZARA DEL VALLO – “Mi sono sentita sola: quando ho chiesto di poter parlare via radio con mio padre, dalla Farnesina mi hanno detto che dovevo rivolgermi al mio Paese, la Tunisia. Ma a Tunisi mi hanno spiegato che la questione riguardava la Libia e l’Italia. Mi sono sentita discriminata, incappata nel vortice delle competenze”.

L’ha detto Naoires, figlia di Mahmed Bel Haddada, uno dei sei pescatori tunisini sequestrati a Bengasi. Naoires era presente stamane alla cerimonia di consegna di un assegno, da parte di due imprendtori locali, alle famiglie dei 18 pescatori. Con lei c’era la figlia di un altro pescatore tunisino, che annuiva al racconto della ragazza. (ANSA).


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    Ormai per l’Italia è normale fare figure di quaquaraqua.. pure con una ragazza tunisina , possibilmente da una vita qua ….

    Ha ricevuto come tutti, il sostegno! Per il resto le chiacchiere non vanno in pancia e non la riempiono!

    La verità è che ormai in Italia tutti hanno diritti fanno eccezione gli italiani che non abbiamo diritti ne in Italia ne all’estero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *