L'acqua e la legge della demagogia| Cronaca di una morte annunciata - Live Sicilia

L’acqua e la legge della demagogia| Cronaca di una morte annunciata

L'assessore Contrafatto mise in guardia sull'incostituzionalità. L'Ars e Crocetta tirarono dritto.

L'ultimo pasticcio
di
13 Commenti Condividi

PALERMO – Quella della riforma dell’acqua è la cronaca di una morte annunciata. La legge pasticcio votata dall’Ars è stata fatta a pezzi ieri dalla Corte costituzionale. Ma nessuno è rimasto sorpreso. Nemmeno la Regione.

Sì, perché quando due anni fa l’Assemblea regionale siciliana votò la legge dal sapore vagamente castrista, che sognava gestione diretta dei Comuni, tariffe calmierate a altre iniziative che tenevano lontano i privati dalle condotte, contro il dettame della normativa nazionale, l’assessore al ramo Vania Contrafatto, inascoltata Cassandra, aveva messo in guardia invano i deputati. Parlando apertamente di “legge incostituzionale”. Erano i giorni dello scontro interno al Partito democratico, con l’ala sinistra capitanata da Antonello Cracolici che dava battaglia in Aula, in prima linea Giovanni Panepinto (che oggi ritiene che la Corte abbia calpestato l’autonomia e le prerogative statutarie), nel nome dell’“acqua pubblica”.

Un pastrocchio ideologico figlio di un equivoco di fondo, cioè confondere l’acqua con le condotte. La prima è pubblica, in Sicilia come in tutta Italia, ma la gestione del servizio idrico, spiegava già nell’estate del 2015 l’assessore magistrato “è un’altra cosa ed è regolata dalle norme comunitarie”. Erano i tempi in cui Contrafatto sosteneva che la Regione si stesse assumendo prerogative non sue escludendo a priori i privati dalla gestione contro le norme comunitarie e statali. La Consulta in effetti l’ha letta allo stesso modo, distruggendo la legge regionale al termine del giudizio nel quale la Sicilia non ha neanche tentato di resistere, considerando la partita persa in partenza. E pensare che quando all’Ars qualcuno propose l’eccezione di incostituzionalità, un fronte trasversale con dentro pure i grillini si stracciò le vesti gridando allo scandalo.

Tra le parti bocciate dalla Corte costituzionale la norma che riduceva drasticamente la durata delle concessioni ai privati, quella che affidava alla giunta la possibilità di incidere sulle tariffe e l’affidamento delle reti agli enti locali. In sostanza tutto l’armamentario che già all’epoca Contrafatto e i renziani, tacciati più o meno apertamente di voler fare il gioco di affaristi e speculatori. “L’Ars a volte è un soviet. Se penso alla legge sull’acqua, ad esempio, gli imprenditori che vogliono investire nel settore idrico lo possono fare solo per nove anni”, commentava Davide Faraone un anno fa. Come il suo assessore faceva l’anno prima. Crocetta e l’Ars non se ne curarono. “Quando si vuole si può”, gongolò soddisfatto il governatore l’approvazione della legge. E pastrocchio ideologico fu. Con due anni persi aspettando la morte annunciata alla Consulta. Intanto, Contrafatto presentò una legge riparatrice. Che da agosto scorso ammuffisce attendendo ancora il via libera della giunta. Chissà che adesso, dopo la mannaia della Corte, non siano maturi i tempi per tirarla fuori dai cassetti.

 

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

13 Commenti Condividi

Commenti

    La Signora Contraffatto non avrebbe fatto meglio a svolgere il suo lavoro di magistrato per collaborare ad efficentizzare al meglio un settore che ha bisogno sempre più risorse umane e non invece collaborare il peggiore governatore di Italia per come le statistiche ci erudiscono.

    Ma ne facessero una, almeno e solo una giusta…dovrebbero nascondersi in eterno per la vergogna invece hanno il coraggio spudorato di riproporsi per le prossime elezioni

    Per fare una cosa “giusta” non esiste più alcun margine si vede… e infatti il sistema ingiusto è sul punto di crollare.

    Ma come può un magistrato della Repubblica stare a fianco di Crocetta in una giunta di governo? Inspiegabile

    Tutto ciò che è stato nel governo Crocetta si sta rivelando una pagliacciata, una presa per i fondelli per i siciliani.

    La legge sui rifiuti non si applica, la legge sull’acqua pubblica cassata dalla Suprema Corte ma cosa fanno 90 deputati giocano a tresette?

    Immensamente ignoranti!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    HHo raccolto migliaia di firme per il referendum, abbiamo vinto con il 98 per cento. Non daremo mai la gestione del servizio idrico ai private. Siete vergognosi

    Vorrei ricordare che tale legge “pasticciona e anticostituzionale” è stata approvata a larga maggioranza ( M5S e molti esponenti del centro destra compresi). Il problema non è solo il governo inadeguato ma anche un opposizione impreparata. Eppure questi signori, ben 90, sono i più pagati d’Italia e sono gli unici che si fanno chiamare “deputati” anche se hanno lo stipendio equiparato ai senatori. Ma nonostante ciò la presenza è stata scarsa infatti quest’anno si sono riuniti, mediamente, solo 5 volte al mese . L’unica cosa positiva sono gli avvisi di garanzia certamente più bassi rispetto alla passata legislatura, dove più dei 2/3 dei “deputati”risultava indagata.

    Ora parlano di autonomia siciliana? Dopo che per restare lì se la sono messa sotto i piedi ? Fai lo zerbino una volt e sarai zerbino per sempre. Puah

    E meno male che anche questa norma è stata votata da molti avvocati seduti all’Ars.Tra magistrati e avvocati non è possibile pensare alle numerose bocciature del Consiglio dei Ministri (tanto auspicato per sostituire il commissario dello stato). Che figura !!!

    Nulla da meravigliarsi…hanno sbagliato su tutto !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *