Rapinatore latitante in manette | E si indaga su 50 centri scommesse - Live Sicilia

Rapinatore latitante in manette | E si indaga su 50 centri scommesse

Domenico Albanese, 48 anni, era ricercato dal dicembre scorso. Gli vengono contestate sei rapine nel Nord Italia. Caccia ai complici. E nel suo ufficio trovata la banca dati di un grosso giro di scommesse.

PALERMO - IN VIA LEONARDO DA VINCI
di
5 Commenti Condividi

PALERMO – Una sfilza di rapine nel Nord Italia. Un palermitano arrestato. E altri due ancora da rintracciare. È finito in un ufficio di via Leonardo da Vinci, a Palermo, la latitanza di Domenico Albanese, 48 anni. Era ricercato dal dicembre scorso perché deve scontare una pena, in continuazione con altre condanne, di quattro anni e undici mesi. Ha provato a fare il furbo con i “falchi” della Squadra mobile. Si è spacciato per un altra persona. Quando ha capito di non avere via di scampo, ha stretto la mano all’uomo che lo ha arrestato pronunciando la frase “complimenti”.

Tra il 2004 e il 2009 Albanese avrebbe messo a segno sei rapine ai danni di banche e uffici postali con sedi a Casal Maggiore, Aulla, San Damaso, Martignana di Po, Fucecchio e Cervia. Albanese faceva irruzione, assieme ad altre due persone, negli istituti di credito. Il suo tono era minaccioso. A volte faceva credere di essere armato, altre puntava delle forbici contro i cassieri e razziava il denaro. Bottino complessivo: oltre 160 mila euro.

L’inchiesta, però, non si ferma alle rapine. Un altro fronte investigativo si è aperto nel corso dell’irruzione dell’ufficio di via Leonardo da Vinci. Si tratta di un immobile nella disponibilità del cognato di Albanese dove quest’ultimo si era trasferito a vivere. All’interno non c’erano solo i suoi effetti personali, ma anche venti mila euro in contanti, una serie di documenti di identità, e alcuni personal computer. Una sorta di banca dati che collega una cinquantina di centri scommesse. Tutto regolare? È presto per dirlo. I poliziotti hanno iniziato a passare al setaccio la documentazione e le memorie dei Pc.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

5 Commenti Condividi

Commenti

    E chi sarebbe costui, la reincarnazione di Al Capone?

    E’ stato arrestato in un ufficio di via Leonardo da Vinci: e allora?

    La precisazione non dice nulla di interessante,adombra semmai,nei condomini l’aurea di preoccupato sospetto nei confronti di qualsivoglia immobile destinato ad uso ufficio.

    Ma negli uffici dell’assessorato dove prestava servizio come pip?

    ma che cavolate scrivono !!!!!

    cioe latitante e prendeva il sussidio ,,,,ce qualkosa che nn va in questo……

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.