Le date di Grillo in Sicilia | Snobbate Messina e Catania - Live Sicilia

Le date di Grillo in Sicilia | Snobbate Messina e Catania

Beppe Grillo

Il leader del Movimento cinque stelle sarà presente in Sicilia per il suo tour elettorale dall'1 giugno fino al 5 giugno. Si parte da Mascalucia e Siracusa per concludere a Menfi. Nessun appuntamento invece nelle più grandi città al voto.

il tour elettorale
di
16 Commenti Condividi

PALERMO – Nessuna tappa nelle grandi città al voto. Beppe Grillo sarà in Sicilia dall’1 giugno al 5 giugno per sostenere i candidati a sindaco della pattuglia pentastellata in corsa alle prossime elezioni amministrative.

Primo comizio per il comico genovese sarà a Mascalucia, alle ore 17 del primo giugno, dove sosterrà la candidatura di Agata Montesanto a primo cittadino. Alle 21 invece Grillo si sposta a Siracusa, dove in corsa per la poltrona di primo cittadino c’è Marco Ortisi. Domenica 2 giugno sarà la volta di Marina di Ragusa, a piazza Duca degli Abruzzi, alle ore 17. In serata Grillo si sposta nel piccolo centro ibleo di Acate a sostegno di Vito Cutrera. Il leader del M5S si sposta nell’Ennese il 3 giugno, di preciso a Leonforte, mentre il 4 sarà la volta di Riesi, in provincia di Caltanissetta. Mercoledì 5 giugno infine la chiusura della campagna elettorale a Menfi, dove il Movimento cinque stelle ha ottenuto un risultato particolarmente buono alle ultime regionali e potrebbe competere la poltrona di sindaco.
“La scelta dello staff – sostiene Giancarlo Cancelleri, capogruppo del M5S a Palazzo dei Normanni – è volta a far sì che Grillo visiti centri in cui non era mai stato. I mancati incontri a Messina e Catania? Non ci sono rimasto male. Credo dovremmo essere sempre grati a Beppe per l’impegno che mette in campo. Dobbiamo però imparare che a impegnarci in prima persona dobbiamo essere noi, non possiamo appoggiarci ai comizi di Grillo, serve sganciarsi da questa logica”.

Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

16 Commenti Condividi

Commenti

    ………… forse pensa che quelle due città non potranno essere conquistate. Meglio accontentarsi di qualche piccolo centro, sperando che si ripetano i risultati delle regionali. Che brutta fine per questo movimento! Avrebbero dovuto assumersi qualche responsabilità in più e non restare ad abbaiare alla luna.

    la rivoluzione e’ in pieno corso. Solo chi vuol essere cieco non la vede. La casta dell’informazione si difende come puo’…Gruber,Formigli e Gabanelli , pensando di avere lo scoop per i loro rispettivi prodotti arecano danni massicci, veri e proprio colpi d’ascia al debole fusto dell’M5S.

    …basti pensare che quando a reti ed edicole riunite hanno titolato “flop Grillo”,..si sono vergognosamente confrontate le politiche con le comunali. quando invece e’ chiaro che bisogna paragonare comunali con comunali. Ed il movimento e’ in netta crescita spendendo solo qualche spicciolo…non 700 mila e passa euro di alemanno…cioe’ nostri!

    E’ difficile questa rivoluzione specie in una nazione che tutto ad un tratto ha come sport nazionale ‘la critica al M5S’….

    E’ difficile…ma sta accadendo con buona pace di tutti i gufi felici e non…

    Marco ha ragione : la kasta vuol confondere le idee alla ggente,i confronti si fanno tra comunali 2008 e 2013.Allora a Roma il M5S è a +12% perchè nel 2008 stava a zero ( non si era presentato!).Quale partito può vantare un’avanzata simile? Non fatevi fregare dalla kasta dei giornalisti,fanno parte del GOMBLODDO!!!Sveglia !! La verità è che noi Siamo la ggente e il Potere ci temono…

    Contento tu, contenti tutti.Ma la Gabanelli è per caso quella che si era votata per le presidenziali? Anche lei ha tradito,che popolo sto popolo di traditori. Ah Marcu…svegliati !, prima che ti ritrovi nel paese delle meraviglie.

    Non avrei mai pensato di scrivere che Berlusconi è un politico democratico se paragonato a Grillo, che segue la teoria di Silvio: il problema è la stampa politicizzata. Il tempo del vaffa è finito e la gente ha capito che sono rimasti alla critica contro tutto e tutti. Basta vedere Parma e Pizzarotti.

    Grillo almeno va nelle piazze a parlare con la gente,chiunque gli puo’ parlare.

    Gli altri politici del Pd e del Pdl invece si nascondono e non si abbassano lo stipedio

    …ti sei stufato ma forse non hai chiaro chi e’ il padrone di RAITRE. Quale partito possiede questa rete attraverso la scelta dei vertici della RAI e dei vari direttori. Non so se ti e’ chiaro che tutti i giornalisti che vedi dentro quella bella scatola di plastica , e la Gabanelli non ne e’ esentata, sono letteralmente al guinzaglio e prima di poter dire ‘pio’ devono passare l’ordine a svariati livelli. …e ogni tanto il processo si inverte ed allora ricevono il testo preconfezionato di quel ‘pio’…

    forse ti sfugge che Pizzarotti nella sua Parma ( 100.000 abitanti ) ha ereditato un buco di 100 milioni di euro…..ma almeno il Pizzarotti, che tu critichi, ha denunciato alla magistratura e si è costituito parte civile e l’ex sindaco del pdl è stato arrestato e condannato a restituire, se non erro, 20 milioni di euro ( al ex sindaco la magistratura ha sequestrato tutto il suo patrimonio )…..dimmi qualche altro sindaco del pd o pdl che si è comportato allo stesso modo…nessuno perche si sono sempre parati il culo a vicenda in questo ultimo ventennio…

    …Come mai la tappa a Piazza Armerina , città di Venturino ma anche con un candidato sindaco del M5S, è saltata? Forse era troppo imbarazzante per Grillo?

    Non è che i partiti politici brillino di fulgida luce ma stai tranquillo Grillo se i Messinesi e i Catanesi non ti vedono non hanno perso niente perché è chiaro che il MV5S e i suoi componenti rappresentate il nulla. Andate a studiare in Sicilia c’è l’esperta Scilabra.

    Scusate io sono siracusana e capisco che Siracusa non raggiunga i 300.000 abitanti come Catania o i 600.000 abitanti come Palermo… però conta 120.000 abitanti e non propriamente “piccola” visto che qui ci deve campare tutta questa gente… non stiamo parlando di una quindicina di persone. E’ la quarta città per numero d’abitanti della Sicilia.
    Palermo e Catania hanno sempre avuto negli ultimi anni le redini del gioco in mano. Tutti i capi politici e i comizianti sono sempre venuti solo in queste due città, snobbando perennemente le altre 7 città siciliane.
    Dunque direi che questa strategia non è stata nè fruttuosa nè giusta.
    Io non so perchè Grillo abbia scelto Siracusa per la 3 volta, perchè questa è la sua 3 volta che viene qui, probabilmente avrà le sue ragioni. E non so nemmeno se ci considera un paesino da conquistare o un punto fermo da portare a casa… questo non lo ho ancora capito. Ma chiedo un pò di rispetto, almeno un minimo, se per una volta la politica s’interessa anche agli altri territori della Sicilia, che messi insieme sono molti più grandi e numerosi della sola Catania o Palermo.
    I siciliani devono rimanere uniti e non pensare a stupide smanie di protagonismo che non servono a nulla.

    Scusate qualcuno ha spiegato a Cancelleri che, Grillo non è in veste turistica che, viene a visitare centri in cui non era mai stato .
    Non viene il dubbio a Cancelleri che, forse Grillo vuole evitare qualche corrente…..d’aria?…. Magari sinistra …….per la salute

    ..in realta’, al di la’ della sicuramente non facile programmazione dell’ennesimo tour di un uomo unico (..cosa che viene liquidata come se fosse normale, come se fossimo abituati a vedere imprese titaniche di questo ordine , perche’ di questo si tratta ! ) il problema sta nelle infelici scelte editoriali. Per esempio, scegliere di titolare ‘snobbate’ piuttosto che un ‘favoriti i centri minori’ e’ un po l’immagine di come la stampa strumentalizza tutta la questione Grillo.

    …vuoi mettere l’appeal di ‘snobbate’ ? ed il consecutivo aumento di accessi?

    ..la stampa, tutta, che e’ il principale contributore alla formazione dell’opinione pubblica sta sfruttando e non sta per niente favorendo il cambiamento e L’Italia

    purtroppo m sa che i cieco sei tu, il confronto con le politiche si fa anche sulla base di chi avendo votato 5 stelle alle politiche non ha più votato per questo movimento per la mera figura fatta dai suoi esponenti a Roma imbavagliati e non dotati di capacità di parola, presenti solo per abbaiare alla luna….. sarete svegliati da brutte sorprese soprattutto in Sicilia

    cieco e’ chi confronta basi di dati non direttamente confrontabili.
    Non e’ che serve una laurea in matematica per capirlo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.