L'esercito delle badanti approda| nella formazione professionale - Live Sicilia

L’esercito delle badanti approda| nella formazione professionale

La denuncia della Cgil
di
3 Commenti Condividi

L’esercito delle badanti sta per essere inserito tra i banchi della formazione professionale in Sicilia. Lo rivela questa mattina l’edizione palermitana del quotidiano La Repubblica, che racconta dei 107 corsi di formazione che stanno per partire e che si rivolgeranno a 1.648 assistenti familiari, il tutto per un investimento di quattro milioni di euro. Ma i conti non tornano, fette più che cospicue dei finanziamenti sono finite nelle mani di pochi e la Cgil ha sollevato in una lettera all’assessore Andrea Piraino le proprie perplessità: “è del tutto evidente che qui, più che finanziare formazione, per assistenti familiari, corriamo il rischio di finanziare enti”.

E a dire il vero, i dubbi della Cgil non sembrano totalmente infondati, basti vedere che il 38% dei progetti vanno all’Anfe, ente di formazione con a capo Paolo Genco, nato a Salemi, nel trapanese.

Proprio nel trapanese infatti si concentra la maggior parte dei finanziamenti, mentre in altre zone, come Gela o Ragusa, pur in presenza di over 75 che avrebbero potuto usufruire dei servizi di assistenza domiciliare, non sono neanche stati presentati progetti.

Per questo motivo la Cgil ha chiesto la revoca del bando e delle graduatorie, pubblicate l’8 ottobre e firmate dalla dirigente Letizia Di Liberti. I sindacalisti della Cgil chiudono la lettera indirizzata all’assessore Piraino, con un’esortazione: “La invitiamo – scrivono – a marcare la discontinuità con il passato”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    I sindacati si fanno sentire solo quando hanno interesse, poi ………

    La porcata dei corsi di formazione continua e i sindacati sono in prima fila.
    Il consigliere regionale Centorrino ha deluso le attese e ha dato giustificazioni ridicole. Si sperpera quasta massa di denaro che potrebbe portare lavoro a centinaia di migliaia di giovani per soddisfare gli appetiti dei soli noti. Presidente Lombardo dove è finita la trasparenza e l’efficienza della Sua amministrazione? E’ questo il cambiamento?
    La protesta della CGIL ricorda il pianto di un bambino a cui hanno tolto la caramella di bocca.
    Per ultimo, chi è questo Sig. Genco tanto potente?

    i sindacati non dovrebbero più esistere.sono stati sempre la rovina dei lavoratori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.