L'indagometro all'Ars | sale a quota 15 - Live Sicilia

L’indagometro all’Ars | sale a quota 15

Tutti i parlamentari regionali indagati, imputati o condannati fra gli scranni del Parlamento siciliano.

Sala d'Ercole, l'indagine su lo sciuto
di
1 Commenti Condividi

L'elenco dei deputati sotto inchiesta all'Ars (clicca per ingrandire)

PALERMO – L’accusa è di truffa nell’ambito di un’inchiesta su falsi invalidi a Trapani. L’indagine della procura di Marsala che coinvolge il parlamentare del Partito dei siciliani, Giovanni Lo Sciuto, fa salire a quindici il numero di deputati all’Ars sotto inchiesta nella nuova legislatura. Nei primi giorni di luglio era toccato a un altro esponente del gruppo del Pds, Toti Lombardo, l’ingresso nell’indagometro di Livesicilia. L’accusa per il figlio dell’ex governatore siciliano Raffaele Lombardo, è voto di scambio nell’ambito di un’inchiesta condotta dai pm della Procura di Catania.

Pochi giorni prima, l’indagine a carico del parlamentare regionale del Pd, Franco Rinaldi, indagato per associazione per delinquere, peculato e truffa, nell’ambito di un’inchiesta della Procura di Messina sulla Formazione professionale aveva fatto toccare all’indagometro quota tredici. Dall’inizio dell’ultima legislatura LiveSicilia ha ricominciato a contare i deputati sotto inchiesta nel Parlamento siciliano: l’indagometro all’Ars della scorsa legislatura era arrivato a quota 29.

Fino a qualche settimana fa della lista faceva parte anche Salvino Caputo, condannato in via definitiva a un anno e cinque mesi per tentato abuso d’ufficio. Il deputato monrealese, però, è stato dichiarato decaduto dallo scranno di Sala d’Ercole e al suo posto si è insediato il suo successore a Palazzo dei Normanni, Pietro Alongi.

Le inchieste su Ciapi e Grandi eventi, che hanno portato alla scoperta di un presunto giro di mazzette e regali ai politici, di cui il manager della comunicazione Faustino Giacchetto è ritenuto il regista, avevano fatto finire nell’indagometro gli onorevoli Nino Dina (Udc), Francesco Cascio (Pdl) che era già presente per un altro procedimento, e Lino Leanza (Articolo 4), accusati di finanziamento illecito ai partiti. Al deputato eletto nelle liste del Pdl e poi transitato al Gruppo Musumeci, Santi Formica, è stato invece contestato anche il reato di corruzione. A Carmelo Currenti del Gruppo Musumeci, infine, è stata contestata nell’ambito della stessa inchiesta la turbativa d’asta.

Nelle puntate precedenti, l’ultima novità era rappresentata dall’assoluzione con formula piena, “perchè il fatto non costituisce reato”, del deputato del Pd Giuseppe Laccoto dall’accusa di tentato abuso di ufficio al Comune di Brolo.

Della lista, oltre all’esponente dell’Udc Pippo Sorbello, indagato per voto di scambio, e Antonello Cracolici, indagato per peculato nell’inchiesta sulle spese dei gruppi parlamentari, fanno parte otto politici. Le accuse sono di vario genere: si va dal concorso esterno contestato a Michele Cimino di Grande Sud, per il quale pende una richiesta di archiviazione avanzata dalla Procura, al voto di scambio per il quale è indagato Pino Federico del Partito dei Siciliani, mentre Francesco Cascio del Pdl e Giovanni Di Mauro del Pds sono indagati per un reato più lieve, l’omissione di atti d’ufficio nell’inchiesta sull’inquinamento acustico. Chiudono l’elenco Mimmo Fazio, condannato in appello a 4 mesi, sostituiti da una multa, per violenza privata, Giuseppe Picciolo, indagato per simulazione di reato e calunnia aggravata.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    RINALDI vai a casa!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *