Lo spot di Cammarata | Bufera su Attilio Romita - Live Sicilia

Lo spot di Cammarata | Bufera su Attilio Romita

Polemiche su un servizio realizzato dal giornalista Rai. L'ordine siciliano all'attacco. Ma quello romano archivia la pratica.

Interviene l'Ordine
di
4 Commenti Condividi

Bufera su Attilio Romita, il giornalista del Tg1 che presta la sua faccia allo spazio autogestito del Comune di Palermo in onda su Trm, Telemed, Telemed2, Cts, Tgs, TeleOne, VideoOne, Antenna 1, TeleRent, TeleSud, TeleOccidente, Tvt e Tv7. Nella trasmissione, parte della strategia del sindaco in risposta alle polemiche degli ultimi giorni, Diego Cammarata illustra in un’intervista i risultati ottenuti dall’amministrazione comunale. Un’operazione costata oltre 320 mila euro sulla quale, adesso, si abbatte l’ira dell’Ordine dei giornalisti siciliano.
“Stiamo valutando la posizione di Romita”. Il numero uno siciliano dell’organo di autogoverno della professione è duro: “I giornalisti – spiega il presidente Franco Nicastro – dovrebbero preoccuparsi di rispettare le regole deontologiche, che impediscono di partecipare a trasmissioni frutto di una committenza a pagamento”. Per questo motivo, l’Ordine siciliano sta valutando se segnalare lo spot al proprio omologo laziale, al quale il pugliese Romita è iscritto dal 1982. Proprio per questo motivo l’ordine dei giornalisti di Sicilia non ha competenza su Romita e quello romano, dopo aver analizzato l’articolo, prodotto per una testata giornalistica regolarmente registrata, ha ritenuto di non dovere procedere.
Vietato far pubblicità. La Carta dei doveri del giornalista, uno dei documenti fondamentali della deontologia professionale, vieta infatti di partecipare agli spot a meno che essi non abbiano uno scopo umanitario, culturale o religioso. Il punto, però, è capire se il ruolo di Romita, che appare come intervistatore, sia quello del co-protagonista di una campagna promozionale o soltanto quello di cronista.
I precedenti. Proprio l’Ordine dei giornalisti del Lazio, presieduto da Bruno Tucci, è stato al centro di uno dei casi più eclatanti legati al rapporto fra cronisti e pubblicità: fece scalpore, nel 2006, la decisione di aprire un procedimento disciplinare contro Giulio Andreotti, apparso in uno spot della compagnia telefonica Tre. Il senatore a vita, infatti, è iscritto nell’elenco professionisti dell’Ordine laziale dal 1945: nei suoi confronti Tucci ha aperto un procedimento disciplinare, chiedendone la radiazione dall’albo.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    Ci voleva l’ordine dei giornalisti per capire la carognata dello spot.
    Ci dobbiamo chiedere da chi è stato pagato (era a pagamento)?
    Il perchè è stato mandato in onda in quelle tv regionali lo si dovrebbe chiedere a loro visto il contributo del comune a determinate tv rispetto ad altre e se nel contributo comunale, per cose comunali, rientri anche lo spot personale del sindaco che pubblicizza la sua faccia tosta in un contesto di presa per il “cool”.
    Stiamio a vedere se resterà solo fumo o se qualcuno gliela fa “pagare”.

    non è che questi 320 mila euro, pagati dal comune siano sempre la stessa trance relativa a contributi comunali a favore delle TV locali, nelle quali il gruppo TRM dei Rappa consuocero di Vizzini ha fatto la parte del leone? o questo costituisce altro valore aggiunto? in altra parte qualcuno lamentava la mancanza di Vizzini tra i possibili candidati sindaco. Questo potrebbe essere un buon motivo perchè lui non lo faccia, almeno a me così pare.

    Forse dirà che lo ha fatto a scopo UMANITARIO… Sono certa che nessuno oserà dargli torto, a quel punto…!

    Cammarata spende 320.000 € per fare propaganda politica, quando per mesi il comune non è riuscito a trovare 300 € per riparare il meccanismo della fontana Pretoria, che è rimasta all’asciutto in piena stagione turistica. No comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.