L'omicidio di Massimo Pandolfo | Pollicino e Malagò in silenzio col gip - Live Sicilia

L’omicidio di Massimo Pandolfo | Pollicino e Malagò in silenzio col gip

I due fermati si sono avvalsi della facoltà di non rispondere.

Palermo
di
6 Commenti Condividi

PALERMO – Si sono avvalsi della facoltà di non rispondere Giuseppe Pollicino, 19 anni, e Giuseppe Managò, 36, fermati ieri per l’omicidio dell’imprenditore Massimo Pandolfo, ucciso il 25 aprile scorso a Palermo. Il cadavere fu trovato il giorno dopo al Teatro del Sole, in una zona periferica e appartata della città ridotta a discarica, con il cranio spaccato a colpi di pietra e il corpo squarciato da quaranta coltellate. Pollicino, interrogato dai pm Geri Ferrara e Claudio Camilleri, ieri aveva confessato il delitto e accusato Managò e un minorenne la cui posizione è ancora all’esame degli inquirenti.

Davanti al gip, che deve convalidare il fermo, Giuliano Castiglia entrambi hanno preferito non rispondere. Il giudice si è riservato la decisione sulla convalida e sull’eventuale misura cautelare in carcere. Pollicino avrebbe organizzato l’omicidio per punire Pandolfo che l’aveva violentato e voleva costringerlo a prostituirsi. Ai due i carabinieri sono arrivati grazie a una telefonata anonima che ha indicato gli autori del delitto: si è accertato dopo che a farla era stato il minorenne che ancora non è stato sottoposto a fermo. Per l’omicidio nei mesi scorsi è stato arrestato, ed è ancora detenuto, un sedicenne che aveva confessato l’aggressione. Pollicino lo scagiona, ma gli inquirenti dubitano che sia estraneo al delitto.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

6 Commenti Condividi

Commenti

    Preg.mi di live sicilia,
    Vi chiediamo se possibile di evitare i particolari sulle modalità dell’uccisione di questo nostro concittadino, la madre sicuramente leggerà e si squarcerà ancora il cuore immaginando gli atroci momenti di quella terribile notte. Vi ringraziamo per la Vostra sensibilità nei confronti di una mamma.

    Condivido caro lettore. .. ma non solo x la mamma. .ma anche x la moglie, il figlio, la famiglia tutta, e quel numero incredibile di amici che aveva Massimo e che ancora ora lo pensano e gli vogliono bene

    se se uno che VIOLENTA non merita rispettto

    Scusa ma non credi che anche i genitori del minorenne abusato e costretto a prostituirsi debbano essere riguardati?
    Io credo di si; non ho nulla contro gli omosessuali ma , se cosi stanno le cose, il nostro concittadino lo reputo alla stregua di un qualunque violentatore nonchè sfruttatore.

    D’accordissimo con te.
    Ognuno è libero di orientarsi sessualmente secondo le proprie inclinazioni, ma se violenta e sfrutta un minorenne per me è solo un delinquente

    CARO SALVO E ADELE, NON SAPETE, NON GIUDICATE, NON CONOSCETE,
    QUESTI MINORENNI O MAGGIORENNI CHE HANNO TRUCIDATO UNA MAGNIFICA PERSONA DIFFAMANO PER POTER DIFENDERSI DEL PIU’ ATROCE DEI DELITTI , UNA TRAPPOLA ATTA A DERUBARE E LA VITTIMA NON HA FATTO NESSUNA VIOLENZA L’HA SOLO SUBITA CON LA MORTE , SONO ALLA STAZIONE ANDATE LA SERA A VEDERLI E CON 10 EURO VI TIRANO IN INGANNO PER DERUBARVI, LEGGETE IL COMMENTO ‘ LA VERITA ‘ NELL ARTICOLO PRECEDENTE I FATTI SONO QUESTI E IL TEMPO NE DARA’ ATTO , LA VERITA SA’ VOI NO!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *