L'ultimo saluto a Guido Virzì| "Condottiero leale e coerente" - Live Sicilia

L’ultimo saluto a Guido Virzì| “Condottiero leale e coerente”

di ROBERTO IMMESI Grande folla alle esequie dell'ex deputato regionale. Presenti numerosi volti storici della destra siciliana ma anche parlamentari e sindaci di oggi.

i funerali
di
7 Commenti Condividi

PALERMO – Senatori, deputati, parlamentari regionali, sindaci, ex presidenti dell’Ars, volti storici dell’Msi e di An, esponenti della destra extraparlamentare ma anche militanti e tanta gente comune. La Chiesa della Santissima Trinità di Palermo, meglio conosciuta come Magione, stamattina era straripante per i funerali di Guido Virzì, scomparso due giorni fa.

L’ex deputato regionale, tra i volti più noti della destra siciliana e giovanile palermitana, per il suo ultimo saluto è riuscito nell’impresa di riunire le varie anime di una corrente politica che negli ultimi vent’anni ha finito col dividersi in rivoli e rivoletti. Una chiesa stracolma di amici di vecchia data, compagni di partito e avversari ma anche ventenni venuti ad omaggiare la figura di un politico di lungo corso. E c’erano proprio tutti: dai deputati Nello Musumeci, Salvo Pogliese, Riccardo Savona e Santi Formica al senatore Mario Ferrara, passando per chi uno scranno lo ha occupato in passato come Guido Lo Porto, Giampiero Cannella, Nino Macaluso, Alessandro Aricò, Dario Falzone, Filiberto Scavone e Nino Lo Presti. Una folla variegata in cui era possibile scorgere anche i volti anche dei sindaci di Mazara del Vallo e Ventimiglia di Sicilia Nicolò Cristaldi e Antonio Rini, del consigliere comunale di Palermo Mimmo Russo e di numerosi consiglieri di quartiere del capoluogo come Edoardo De Filippis, Giovanni Colletti e Francesco Paolo Scarlata, oltre ai vertici dell’Ugl. E ancora l’ex presidente del consiglio provinciale Marcello Tricoli, l’ex assessore Raoul Russo o gli storici volti della destra a Palazzo delle Aquile Mimmo Campisi ed Ettore Maltese.

“Guido era un vero battagliero, grintoso, che difendeva i suoi valori in modo aperto”, ha detto durante l’omelia il parroco, monsignor Gino Lo Galbo, che si è detto vicino alla vedova Patrizia e ai figli Riccardo e Pierfederico. Una vicinanza alla famiglia manifestata anche dalle decine di persone che, al termine della funzione, sono andate a omaggiare il feretro (con sopra le bandiere dell’Italia e di An) prima che venisse portato fuori. Un addio in cui non sono però mancati saluti romani, braccia tese, croci celtiche, fasci littori e persino il canto “Il domani appartiene a noi” e il triplice grido “Presente”.

“Era una bella intelligenza – ha commentato Musumeci – insofferente alle nomenclature di partito, il che si ha resi vicini alla fine degli anni Novanta nella corrente Orgoglio e futuro che si batteva per la regionalizzazione del partito. Nel 2005 io scelsi di andarmene, lui di restare fino allo scioglimento”. “La mia prima tessera della Giovane Italia me la diede lui – ha aggiunto Mimmo Russo – era un grande condottiero”.

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

7 Commenti Condividi

Commenti

    UOMO LEALE E NOBILE CAMERATA. R.I.P.

    con questi saluti romani!! siete patetici!!

    I soliti vergognosi saluti romani che ci riportano ad anni tragici per l’Italia. Guerra, distruzione e leggi razziali. Virzì è stato un uomo che ha lavorato dentro l’alveo democratico creato da coloro che hanno combattuto chi salutava con le braccia tese. Per questo ancora l’Italia non è una democrazia matura. VERGOGNA!

    credimi….futtitinni, un commento come il tuo per un uomo di tale spessore rispecchia chi lo enuncia.

    obtorto collo

    “Un addio in cui non sono PERO’ mancati saluti romani, braccia tese, croci celtiche, fasci littori e persino il canto “Il domani appartiene a noi” e il triplice grido “Presente”.”

    Caro Sig. Roberto Immesi, non capisco quel PERO’…
    Cosa la turba, il fatto che numerosi UOMINI abbiano reso omaggio a un loro amico nel momento dell’addio, un momento fatto di commozione tra PERSONE la cui vicinanza era dettata ANCHE E NON SOLO dall’essere e dall’appartenere a un qualcosa che solo il qualunquismo più becero puo’ etichettare e confezionare.

    Per tipologia, nomenclature varie e cataloghi fieristici esistono le etichette…esatto si, le etichette come quelle cvhe si applicano agli animali, NON AGLI UOMINI.
    R.i.p. Guido

    Tutte scene incomprensibili ai più.
    a coloro che non sanno che spessore ha una parola che si chiama onore, coerenza e lealtà.

    camerata virzì,
    Presente!

    La ringrazio per l’articolo su Guido Virzì. Non condividere, ma raccontare, rispettare e cercare di comprendere, è un esempio di buon giornalismo. In quella piazza c’erano tante persone che pensavano che fare politica fosse qualcosa di diverso dall’apparire, fosse avere ideali e cercare di rendere una società un po’ migliore di come l’abbiamo trovata. Fosse una politica un po’ demodè rispetto al berlusconismo (o al renzismo) imperante. Fossa l’anteporre il bene collettivo, il senso della comunità, al proprio interesse, anche a costo di pagare un prezzo a volte molto caro. Guido è stato sempre per tutti noi l’esempio di quel modo di fare politica, che poi è quel modo di essere coerenti con un ideale, una visione del mondo e della vita. Abbiamo passato decine di anni insieme, elaborando strategie o attaccando manifesti, ma sempre con lo stesso spirito. E fino all’ultimo, fino a quando la malattia non lo ha spezzato, non si è piegato. La Destra italiana, quella vera, ha perso un grande leader.

    Alberto Carrubba

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *