Lunedì sciopero dell'Amat| I sindacati: "Mezzi insufficenti" - Live Sicilia

Lunedì sciopero dell’Amat| I sindacati: “Mezzi insufficenti”

Lo sciopero di quattro ore dei lavoratori dell’Amat , dalle 9:30 alle 13:30, è indetto dai sindacati di categoria, Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Orsa e Faisa Cisal.

l'azienda di trasporto pubblico
di
2 Commenti Condividi

PALERMO – Lunedì niente autobus per le strade di Palermo, almeno fino alle 13:30. La firma del contratto di servizio con il comune, il parco mezzi inadeguato, un servizio inefficiente, l’incertezza sul futuro dell’Azienda. Sono infatti queste le principali motivazioni dello sciopero di quattro ore dei lavoratori dell’Amat indetto dai sindacati di categoria, Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Orsa e Faisa Cisal che si terrà lunedì 9 settembre a partire dalle 9:30.

Il restante personale sciopererà le ultime quattro ore di servizio. “E’ innegabile – scrivono i sindacati – che fra coloro che dovrebbero operare per la riorganizzazione strutturale dell’Azienda, dal Presidente al Cda, al Direttore generale, l’unica cosa che registriamo è un allarmante immobilismo e come risposte solo chiacchiere e invece di rilanciare l’Amat con operazioni di trasparenza ed efficienza, si continua a perseverare in logiche clientelari e favoritismo, sempre a danno di chi giornalmente fa il proprio lavoro con impegno, dedizione e professionalità e con idee sulla riorganizzazione di servizio, che rispecchiano programmi già bocciati dalle parti sociali”.

I sindacati denunciano “macchine insufficienti nel numero e nella qualità, poco affidabili, rifornimento metano ancora dipendente dall’esterno malgrado le decine di appelli ripetuti ad ogni occasione, ma soprattutto un bilancio economico-finanziario incerto, non sappiamo infatti come verrà messo in equilibrio e da dove o da chi perverranno le risorse necessarie”.

“Dal contratto di servizio dipende buona parte delle risorse utili al sostentamento economico dell’Amat e conseguenzialmente dei livelli occupazionali e delle retribuzioni. Meno chilometri vuol dire meno denaro per pagare le retribuzioni e tutti i dipendenti. Con meno risorse, il rischio è non poter garantire la sopravvivenza dell’Azienda”. I sindacati concludono: “Lottiamo per ottenere un servizio di trasporto urbano degno di una città metropolitana, come crediamo e vogliamo sia Palermo. La realizzazione del tram, in cui crediamo fermamente, è ancora troppo lontana dalla realtà operativa, e pertanto la riorganizzazione aziendale deve prescindere da questo obiettivo”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    non se ne accorgerà nessuno…

    Palermo si propone come città della cultura! si è vero , della cultura mafiosa, il premio è assicurato, in ogni settore del pubblico servizio dobbiamo evidenziare l’incapacità del sistema a fare diventare Palermo una città normale, per noi la normalità è un lusso, dai servizi pubblici ,a quelli amministrativi ,vi è un disfacimento che ormai è culturalmente diventato fisiologico, l’ anormalità è diventata per Palermo la normalità, tutto ormai è il contrario di tutto quello che dovrebbe essere , siamo l’aspetto più normale dell’anormalità, e su questa triste consapevolezza che tutto non deve funzionare come dovrebbe, dall’amministratore al semplice operaio che diventa nel suo paradosso lo specchio dell’anormalità, pertanto possiamo sentirci normali perché anormali, diversamente tradiremmo noi stessi .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *