M5S, giallo su un post di Paola Taverna contro Grillo e poi rimosso - Live Sicilia

M5S, giallo su un post di Paola Taverna contro Grillo e poi rimosso

La vicepresidente del Senato dà la colpa a un membro del suo staff
ROMA
di
1 Commenti Condividi

ROMA – E’ giallo su un post anti-Grillo pubblicato sulla pagina Facebook della vicepresidente del Senato Paola Taverna e poi sparito.

Il post “incriminato” era un commento all’intervista rilasciata al ‘Fatto’ di Domenico De Masi, in cui il sociologo racconta che Beppe Grillo gli avrebbe parlato della richiesta del premier Mario Draghi di rimuovere Giuseppe Conte dal Movimento. A questo proposito Taverna ha scritto su Fb: “Succedono cose inverosimili… Succedono cose inimmaginabili e spesso senza un perché. Beppe insieme a Gianroberto ci hanno regalato un sogno, un’alternativa valida ad un sistema politica marcio. Ora ci si chiede il perché… perché sta succedendo questo Beppe? Perché – rincara la vice di Conte – stai delegittimando il nostro capo politico. Il Movimento non è di tua proprietà, il Movimento lo abbiamo costruito tutti insieme mettendoci tempo, fatica e denaro. Questa volta Beppe ci devi dare delle spiegazioni valide a tutto questo. Noi siamo con Giuseppe Conte”.

Il commento anti Grillo, secondo quanto riportato dal sito Adnkronos, ha fatto il giro delle chat stellate prima di essere rimosso dalla pagina social della vicepresidente del Senato. “E’ un errore dello staff…”, dicono dal M5s. Raggiunta telefonicamente dall’Adnkronos, Taverna in lacrime assicura che è stato un errore, “ho allontanato l’autore dal mio staff, era un post destinato alla sua pagina personale… sono disperata”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Ma questa Paola Taverna sempre in auge ai massimi livelli delle istituzioni chi ha alle spalle? da chi è appoggiata? Negli anni settanta si sarebbe potuto ipotizzare servizi segreti deviati o altro ma adesso?……..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.