Macelli clandestini, rifiuti speciali e allevamenti abusivi: i blitz dei Nas - Live Sicilia

Macelli clandestini, rifiuti speciali e allevamenti abusivi: i blitz dei Nas

L'attività dei militari nella provincia di Catania.
CARABINIERI
di
0 Commenti Condividi

CATANIA – Alimenti scaduti e rivenduti, maccellazioni e allevamenti abusivi, veterinari senza autorizzazioni e cittadini che violavano l’isolamento da Covid-19 per andare a fare il tampone in anticipo. Ma anche il guardiano di un cimitero che va a lavoro nonostante fosse positivo. Sono le scoperte fatte dai Carabinieri del Nas di Catania nella provincia.

Il primo dei controlli ha portato al sequestro di migliaia di confezioni di alimenti scaduti, trovati in un deposito dell’hinterland di Catania. I cibi venivano rietichettati e venduti sottobanco tramite ambulanti. Il sistema di “riciclo” di prodotti scaduti coinvolgeva anche altre province siciliane e ha comportato il sequestro di oltre venti tonnellate di merce pronta per essere reintrodotta sul mercato.

Nella zona di Acireale invece è stata scoperta un’attività di macellazione clandestina di ovicaprini all’interno di un fondo agricolo utilizzato anche come discarica di rifiuti speciali, i quali venivano bruciati e interrati insieme agli scarti di macellazione. L’operazione ha comportato il sequestro di decine di capi di bestiame, provenienti abusivamente da altri insediamenti e la chiusura di un rudimentale laboratorio caseario utilizzato per la lavorazione di prodotti lattiero-caseari, in violazione alle più elementari norme igienico-sanitarie.

Altra importante operazione a tutela della filiera alimentare è stata il sequestro di un insediamento zootecnico abusivo presso un fondo agricolo di Misterbianco ove venivano allevati suini neri mai sottoposti a controlli per la profilassi sanitaria e mai censiti all’anagrafe zootecnica, con grave rischio di diffusione di malattie infettive. Nel corso dell’operazione sono stati rinvenuti e sequestrati anche numerosi esemplari di fringillidi selvatici, prevalentemente cardellini, catturati illegalmente e tenuti in cattività in gabbie incompatibili con la loro etologia, nonché alcune testuggini non censite al CITES.

Sempre nel settore veterinario è stata condotta un’attività di controllo delle strutture che erogano prestazioni terapeutiche e curative a favore degli animali da compagnia e servizi di pronto soccorso veterinario. Nell’hinterland etneo è stato individuato un rifugio sanitario privo di nulla-osta veterinario che, per i trattamenti terapeutici agli animali, utilizzava farmaci veterinari, prevalentemente antibiotici e vaccini, scaduti di validità. È stato imposto il blocco della movimentazione in entrata ed in uscita degli animali.

Nel comparto sanitario numerose sono state le verifiche sul rispetto delle disposizioni per la prevenzione e contenimento del fenomeno pandemico, portando alla luce numerosi abusi. A seguito dei controlli presso i drive-in per tamponi Covid, sono state individuate e denunciate cinque persone che, violando la quarantena domiciliare, si presentavano anticipatamente per l’esecuzione del test, sovraccaricando il sistema organizzativo sanitario con elevato rischio di potenziale contagio.

Denunciato altresì il custode cimiteriale che per accedere al luogo di lavoro esibiva un referto analitico per tampone nasale falsificato. Deferiti inoltre all’Autorità Giudiziaria un infermiere professionale ed un’ostetrica perché trovati in servizio presso un ospedale dell’hinterland etneo, nonostante fossero destinatari di un provvedimento di sospensione dell’ASP, poiché non vaccinati. Durante i controlli alle strutture socio-assistenziali per anziani è stato scoperto un caso di abbandono di persone non autosufficienti presso una comunità alloggio del Giarrese, ove il titolare ospitava gli anziani omettendo la dovuta assistenza medico-infermieristica e socio-ricreativa.

Altre importanti attività nel campo della tutela sanitaria sono state: il sequestro, operato presso alcuni centri estetici, di apparecchiature elettromedicali ad uso professionale istallate abusivamente sia per l’impiego di applicazioni di termoterapia e crioterapia combinata, che per l’esecuzione di trattamenti fisioterapici e medico-estetici per i quali è prevista una specifica autorizzazione sanitaria e formazione professionale del personale sanitario preposto all’utilizzo.

Proficua è stata anche l’attività di contrasto a commercio di prodotti importati, tra i quali giocattoli, ritenuti pericoli alla salute per la tossicità e infiammabilità dei materiali o per il rischio di traumi e ingestioni accidentali. Sono state sequestrati, infatti, presso due grossisti di Acireale e Misterbianco, oltre 1.500 articoli carnevaleschi privi di marchio CE.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI
0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.