Picchiato in una cella del carcere | La punizione dello "scintillone" - Live Sicilia

Picchiato in una cella del carcere | La punizione dello “scintillone”

Antonino Lauricella

Il racconto di Franco Lombardo, pentito di Altavilla Milicia.

PALERMO - IL VERBALE
di
0 Commenti Condividi

PALERMO – “Questo ragazzo ha cominciato a piangere”. Umberto Guagliardo, così racconta il pentito Francesco Lombardo, le aveva prese di santa ragione: “U Scintilluni, Tonino Lauricella, ha menato Umberto Guagliardo…”. Lauricella, boss della Kalsa che tutti conoscono con l’appellativo ‘u Scintilluni, aspettava la prima occasione utile per dare una lezione a Guagliardo. O forse il pentito si confonde perché potrebbe trattarsi di Salvatore Totino Lauricella, figlio del boss della Kalsa, della famiglia di Villabate. Resta il fatto ricostruito da Lombardo:  “Poi me lo ha spiegato Umberto che praticamente ha fatto delle cose senza essere autorizzato… una estorsione che aveva chiesto a stu ragazzo… dell’agenzia”.

La prima occasione utile si presentò in un luogo insolito. Insolito e controllato: “… nel carcere, mentre eravamo nella celletta che dovevamo andare al Tribunale… prima che ci fanno la perquisizione”.

Prima della perquisizione, dunque, Lauricella, che per un periodo è stato anche latitante, avrebbe picchiato Guagliardo in presenza di Lombardo, “Pietro Liga, Gino Di Salvo e altri che non ricordo”. Tutti in attesa nel 2013 di un processo che vedeva imputati boss e picciotti del mandamento di Bagheria.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *