Mafia, sequestro ad imprenditore palermitano già condannato - Live Sicilia

Mafia, sequestro ad imprenditore palermitano già condannato

Il Tribunale di Palermo ha quindi formulato un giudizio di pericolosità sociale qualificata
LE INDAGINI
di
1 Commenti Condividi

PALERMO – La Direzione investigativa antimafia ha sequestrato beni e quote aziendali per mezzo milione di euro a Girolamo Enea, imprenditore edile palermitano, condannato dalla Corte di appello a 5 anni per associazione mafiosa.

Secondo l’accusa, Enea aveva fatto da cerniera tra i mafiosi e il boss di San Lorenzo, Salvatore Lo Piccolo, facendo giungere a quest’ultimo, latitante, le informazioni su tutte le vicende dell’associazione.

Il Tribunale di Palermo ritiene che Enea sia socialmente pericoloso. Del patrimonio sequestrato fanno parte immobili, terreni edificabili, il 95 per cento di un’impresa edile e un’altra intestata al figlio. Il valore dei beni viene stimato in 500 mila euro.

La proposta di sequestro è firmata dalla Procura della Repubblica e dal Direttore della Dia.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Costruite su questi terreni poligoni per l’addestramento dei militari nostrani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *