Magione, la gioia dei residenti | Ma gli ambulanti non mollano - Live Sicilia

Magione, la gioia dei residenti | Ma gli ambulanti non mollano

Chi abita nella zona compresa tra lo Spasimo e via Garibaldi apprezza i controlli serrati delle forze dell'ordine e spera che non torni il caos: "Eravamo esasperati da liti, risse e musica ad alto volume". Nel frattempo i venditori ambulanti restano sul piede di guerra: "Un padre di famiglia come dovrebbe campare?".

Palermo, dopo il blitz
di
32 Commenti Condividi

PALERMO – La prima sensazione è quella di una piazza restituita alla città. Poco dopo mezzogiorno ci sono due ragazzi che passeggiano con un cane al guinzaglio, un padre che gioca al pallone con il figlio, tre adolescenti stese al sole a pochi metri dalla lapide dedicata a Giovanni Falcone. Un uomo ha anche trovato riparo dal sole cocente dei primi giorni di agosto sotto la chioma di un albero e legge un giornale.

Piazza Magione si presenta come un posto totalmente nuovo rispetto a quello che fino a quindici giorni fa rappresentava il regno degli abusivi e delle irregolarità, in cui frigoriferi e banconi venivano posizionati sin dal primo pomeriggio. Basti pensare che durante i sei interventi coordinati dalla polizia sono venuti a galla allacci abusivi alla corrente elettrica ed individuati diversi magazzini in cui venivano custoditi abusivamente tavolini, ombrelloni, sedie, bevande e cibo.

E nel corso dell’ultimo Controllo Integrato del Territorio, la polizia ha individuato l’ennesimo gazebo collocato senza alcuna autorizzazione e al suo interno ha trovato trenta tavoli, centocinquanta sedie e numerosi accessori tra cui bruciatori, griglie, pozzetti frigo, pentole e ombrelloni. Tutto il materiale è stato sequestrato. Provvedimenti che fanno tirare un sospiro di sollievo a tutti coloro che abitano nell’area compresa tra lo Spasimo e via Garibaldi, che da tempo avevano segnalato disagi e conseguenti notti insonni provocate da musica ad alto volume o liti tra posteggiatori abusivi. Anche nel corso dell’attività delle forze dell’ordine le tensioni non sono mancate “ma è un primo passo verso la legalità a cui deve puntare questo quartiere”, dice Marianna Maggio, che abita in via Castrofilippo.

“Siamo felici di quello che la polizia sta facendo per mantenere l’ordine, era diventata un’area per selvaggi e le risse si verificano all’ordine del giorno. Non riuscirò mai a dimenticare una serata dello scorso anno in cui le urla attirarono l’attenzione di noi residenti: due gruppi di ragazzi si lanciavano delle bottiglie di vetro. Arrivarono le ambulanze, i carabinieri. Il caos totale”. Tra chi vive nelle palazzine a pochi metri dalla chiesa della Magione, c’è chi si schiera a favore degli ambulanti: “Vorrei precisare – dice Raffaella Rao – che qui nessuno ce l’ha con chi vuole lavorare onestamente. Sarebbe anche ben accetta la presenza di chioschi ed aree di ristoro nella piazza, ma tutto dovrebbe essere regolamentato, non si può vivere nella giungla. Anzi, ci rivolgiamo al sindaco e chiediamo che questa gente venga messa in condizione di portare avanti un’attività a norma”.

Ma per Toni Amato, venditore ambulante che abita alla Kalsa, tutto è sempre stato in regola. “Io ho sempre posizionato il mio apino in diverse zone della città, quando andavo via da qui tornavo a casa e l’indomani posteggiavo davanti alle scuole per fare i panini ai ragazzi. Come dovrebbe campare un padre di famiglia che non ha alternative? Adesso che le scuole sono chiuse non so dove mettermi. Dovrebbero selezionare chi può stare qui solo per qualche ora e poi spostarsi. La licenza da ambulante dovrebbe bastare”. “Ma che dobbiamo fare noi – gli fa eco un ragazzo sulla ventina – dovremmo andare a rubare? Qui in via della Vetriera ci sono tanti giovani disoccupati, come in via Schiavuzzo e in tutta la Kalsa. Un bancone qui in piazza era una speranza per tutti noi per affrontare la vita di tutti i giorni e appena finiranno questi controlli decideremo se tornare”.

“Si fissaru. Ci stanno facendo la guerra – dice Giuseppe Bommarito che fino a poco tempo fa vendeva bibite – e nelle piazze dove si spaccia non ci va nessuno. A cominciare da Ballarò per finire con il Capo e la Vucciria. Lì tutti senza controllo, soltanto noi dobbiamo dobbiamo pagare. Si vede che ci sposteremo nelle altre zone fino a quando ci saranno i controlli. Ma poi torneremo”. “Ormai non abbiamo più nulla da perdere – conclude la moglie – ci hanno tolto tutte cose, pure la dignità”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

32 Commenti Condividi

Commenti

    orlando dimetiti vergogna fai la guerra ai poveri tu si che il sindaco lo sai fare

    IL COMUNE ORGANIZZI UN’AREA ADIBITA PER FARE LAVORARE QUESTE PERSONE RISPETTANDO LE REGOLE,NON DOVREBBE ESSERE DIFFICILE.TUTTA QUESTIONE DI VOLONTà POLITICA,DA NON RINVIARE AL PERIODO ELETTORALE

    Anche io, da residente, pienamente d’accordo con la Sig.ra Raffaella Rao……….

    Un padre di famiglia come dovrebbe campare? Questa è la domanda in malafede di un abusivo. Risposta: rispettando la legalità! Il resto è mafia!

    In effetti meglio lasciarli lá ….basta blitz contro abusivi e delinquenti! Almeno non vengono a rubare nelle case dei cittadini onesti che vivono fuori da quei postacci del centro storico.

    ABUSIVI ARRANGIATEVI SOFFRITE.COME CAMPATE?PRENDETE IL PRIMO AEREO E ANDATE VIA DA PALERMO E LI LAVORERETE MA REGOLARMENTE NON RUBANDO AGLI ONESTI.

    perché in questa città pretendere di vivere secondo le regole provoca queste reazioni?

    Ehi abbbusivo,il solo fatto che ti allacci alla linea elettrica pubblica senza permesso ti rende ladro,quindi a niente vale il discorso “Ma che dobbiamo fare noi – gli fa eco un ragazzo sulla ventina – dovremmo andare a rubare?”
    Mi auguro un futuro migliore per tutte queste persone.

    Ma finitelaaaaaa. NON CI POTETE STARE LI.
    Lo volete capire, o NO?!?

    Di questa velata minaccia del “che devo fare? Andare a rubare?” non se ne può più. Il resto della popolazione come fa ad andare avanti? Sono tutti abusivi? Non credo proprio. Ci sono un sacco di commercianti che vanno avanti con coraggio e onestamente rispettando delle regole che sono state scritte per un motivo. E poi, aggiungo, la vendita ambulante NON E’ illegale di per se, gli ambulanti ci sono in tutto il mondo, ma per farla bisogna avere delle autorizzazioni e seguire una regolamentazione minima riguardo al decoro, agli spazi occupati, a come si tiene il cibo e al rumore che si produce e, soprattutto, pagare le tasse, come fanno tutti i commercianti onesti, per il bene della comunità. Ma purtroppo sappiamo che a Palermo il concetto di bene comune è una cosa sconosciuta ai più, specialmente a questi personaggi che pensano di poter arrivare lì con un furgoncino e fare quello che vogliono. Discorso a parte, ovviamente, per gli abominevoli posteggiatori abusivi, lì non c’è proprio nulla da fare, se non andare lì con le ruspe e rimuoverli continuamente.

    Il lavoro è un diritto di TUTTI se è fatto RISPETTANDO le regola e soprattutto rispettando gli altri. NON AVETE AUTORIZZAZIONI per stare li. Non avete autorizzazioni al suolo pubblico. Non emettete scontrini. In ALCUNI casi vi fottevate pure la corrente.
    Ma che VOLETEEEEEEE?!?

    Caro davide vorrei vedere se in questa situazione si trovasse tuo figlio o un tuo fratello,non parleresti cosi dovete misurare le parole ricordati che siamo tutti sotto lo stesso cielo e non parli con degli animali!

    Sindaco, questore, prefetto continuate questa battaglia di civiltà.
    Le persone normali non ne potevano più di vedere escrementi, di musiva a tutto volume, di illegalità e arroganza.
    Non si può pensare di “campare” distruggendo la vita altrui.
    Sono mafiosi. Gli è stato impedito di delinquere e ora cominciano con le minacce più o meno velate.
    Indagate su certi post e ve ne renderete immediatamente conto.
    Bisogna perseverare e fare sentire vicine le forze dell’ordine al tutte quelle persone che vogliono vivere in modo decoroso

    Per una volta che invece di tartassare di controlli chi lavora in regola, controllano gli abusivi, ovvero coloro che non solo non hanno alcuna autorizzazione ma che non pagano neanche un euro di tasse, ci lamentiamo? finché qualcuno giustificherà e proteggerà questa gente non andremo da nessuna parte e a farne le spese saremo solo i cittadini onesti. vadano a cercarsi un lavoro o esercitino un attività in regola. e non mi dica che non hanno i soldi perché per stare alla magione o in qualsiasi altro posto, pagano, ma non allo stato (ovvero a tutti noi) ma alla mafia. Basta!!!

    Addirittura gli abusivi si permettono di annunciare che torneranno?

    Cari Palermitani, sappiate che si può campare anche rispettando le leggi.
    Lo schifo e il degrado che ogni giorno vediamo nelle piazze non è la normalità. Prendete un aereo e andate a visitare una città civile. Non troverete posteggiatori abusivi, gazebi ingrasciati che vendono panini, Sporcizia e squallore.

    Che letamaio e’ diventata Palermo. Prima di tutto bisognerebbe cambiare le teste dei palermitani, ma è fantascienza.

    Ma questi non sono poveri. Sono disonesti!

    E questi scafazzati di abusivi, disonesti, evasori fiscali, ladri di corrente elettrica e responsabili di alimentare il lavoro nero, sarebbe lavoratori?
    Via da questa città!

    Ai tanti padri di famiglia, soprattutto giovani, che si arrangiano in tutti i modi pur di trovare occupazioni finte o comunque a rischio di una illegalità di cui quasi nessuno sembra avere coscienza, suggerisco di ritornare in agricoltura, una sana giornata trascorsa a zappare schiarisce la mente e favorisce nuovi progetti di vita.

    Sono solo chiacchere per non pagare le tasse! Poi con la scusa ca “a famigghia avi a campari” autorizzano l’illegalità! Io la chiamo Mafia, utilizzo di spazi comuni di cittadini onesti che pagano le tasse! Di contro, l’amministrazione comunale fa acqua da tutte le parti, iniziando con i Gazebi..! Pure a me piace mangiare le stigliola, un panino cunsatu, con la milza, con panelle e crocche, ect.., ma in questa maniera è scorretto, illegale e abusivo! Al nord ci sono ambulanti, ma sono tutti autorizzati, ognuno ha il proprio posto assegnato e il comune fornisce acqua, luce e pulizia! A livello turistico non c’è organizzazione a Palermo, tutto illegale e senza senso! Si potrebbe creare una nuova zona di venditori ambulanti tipici siciliani, con zona verde, magari vicino al mare, fatto sistemato,senza parcheggiatori abusivi, porterebbe sicuramente lavoro e turisti! Putroppo sono solo sogni! Infatti Palermo sta affondando di debiti e negozi che chiudono!

    Mi dispiace ma non ce la faccio ad avere pietà per queste persone dopo che, a causa anche di loro e della loro concorrenza sleale e scorretta, ho abbandonato la città seguito dai miei due altri fratelli…e lasciando una mamma sola. O tutti si rispetta le regole oppure è il caos.

    Le parole sono misuratissime e le condivido appieno. La città non ne può più dei panormosauri

    ma quanta gente che dice di essere legale …ma….anche i politici sono legali che ti fottono i soldi,anche i banchieri sono legali che rovinano la gente con l usura legalizzata-anche i grandi industriali sono legali che evadono le tasse per milioni di euro-anche le autorita militari sono legali ma intanto si prendono le mazzette e che hanno pure dei privileggi come case gratis e non pagano biglietti di tram cinema,stadio ec ec e dimenticavo tutte quei cittadini che avendo delle attivita si sono fatti dei beni con il sangue dei lavoratori e questi sono pure nella legalita-la verita e che gli altri sono illegali perche disoccupati o abusivi o mafiosi mentre chi sta bene perche e sazio e persona per bene-ma siccome il pesce puzza sempre dalla testa chi ha intelligenza capisce

    Non capisco perché debbano emigrare i cervelli e non gli abusivi che vivono nell illegalità non rispettando le regole di convivenza più elementari. Andate in America in Germania in Inghilterra come hanno fatto i nostri antenati…sono paesi ricchi dove chi ha buona volontà può vivere dignitosamente…del resto se non avete più niente da perdere…tanto vale..

    E quasi banale, semplicissimo, giustificare il proprio delinquere dicendo che c’è qualcuno ancora più delinquente (ammesso che sia così). A proposito dei politici voglio solo ricordare che sono al potere perché sono stati votati…
    Con gente come lei e già una fortuna che Provenzano e riina non siano presidente della regione e sindaco di Palermo. Meno male che gli altri sono diversi

    Un padre di famiglia per campare la famiglia rispetta le regole e chiede la licenza

    paliemmu tuttu abusivu……………………………………

    Ignoranza brutta bestia…questi qua manco sanno leggere figurarsi se sanno chiedere una licenza…però una cosa la sanno fare e pure molto bene: I PREPOTENTI!

    A palermo sono stati chiusi o stanno chiudendo molti negozi storici, molti bar e ristoranti che operavano da tempo. Per le troppe tasse ma anche per la concorrenza sleale di venditori abusivi, che non pagano tasse nè pagano i lavoratori. mi auguro che Orlando vinca la “Battaglia della Magione” e poi prosegua in questa azione di legalità. Perchè se nelle altre città, senza andare lontano, a Trapani, per esempio, non ci sono bancarelle nè venditori abusivi, vuol dire che non sono necessari alla economia di una città. La legalità garantisce tutti, la illegalità danneggia tutti, ad esclusione della criminalità organizzata, tanto organizzata da riuscire a “resistere” anche alle forze del’ordine. Alla Magione è stato distrutto il prato e alcuni ristoranti hanno messo fioriere per occupare abusivamente spazi pubblici. e così è avvenuto in molte strade cittadine. Non bisogna mollare. se ci si arrende alla Magione, sia consegna tutta la città alla malavita.

    Nessuno deve e può dare giudizi a queste persone. Spesso sono persone che per lavorare sono disposti a lavorare in nero. Pensate bene quante lunga la nostra burocrazia per chiedere autorizzazioni, e le tante tasse che stanno distruggendo i commercianti. Per restare sul mercato spesso devi trovare l’alternativa per campare o sei costretto a chiudere. Il Sindaco e tanti altri che ogni mese si vedono accreditare uno stipendio non comprenderanno mai la situazione di un padre di famiglia che per campare la sua famiglia fa di tutto. Non giudichiamo ma creiamo più alternativa di sviluppo economico e nello stesso tempo ci sara una sviluppo sociale. Lancio una osservazione al Sindaco Orlando, quando dice che le casse sono vuote i cittadini hanno fatto il loro dovere contribuendo alle tasse ora spetta a voi fare la vostra parte per voi si intende tutti quelli che ci governate. Diminuitevi gli stipendi e tutti i privilegi che avete, doppi incarichi, consulenze e tanto altro. Se iniziate qualcosa cambiare per esempio la rap quanto costa ogni hanno diminuire subito i compensi a questi amministratori. Iniziamo e dopo si noteranno i benefici. Per produrre bisogna creare una organizzazione di persone e nello stesso tempo ci vuole una competenza nello specifico per quello che si deve fare. Creare subito una legge che vieta il doppio incarico o consigliere comunale o consigliere regionale non si può essere produttivi al 100% con due incarichi. Chi dice di si forse non vuole il bene della collettività . Il comune ogni hanno rimborsa le assenze di coloro che anno il secondo lavoro. Questo non lo dicono . Questi soldi potrebbero essere utilizzati per altro. ( CHI PAGA ORLANDO!) Non giudichiamo ma in questo caso e il cane che si morde la coda. Giudichi ma tu che fai …….!!!!!! Orlando Li leggi i commenti non essere fiero lo sai che e la ultima tua esperienza politica. Ti aspetta una bella pensione dorata grazie ai tanti cittadini.

    fai i biglietti agli abusivi che non rubano agli onesti altrimenti cambi tu paese

    Abusivi: mettetevi in regola e pagate le tasse ed il suolo pubblico, nssuno vi disturberà state tranquilli. Bravo Orlando, finalmente si occupa delle persone oneste e civili che non ne possono più di questa vergogna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *