Maria e i suoi cinque figli | che non riesce a sfamare - Live Sicilia

Maria e i suoi cinque figli | che non riesce a sfamare

Le storie del disagio al tempo del Coronavirus.

Coronavirus
di
11 Commenti Condividi

PALERMO– Maria con i suoi cinque figli che non riesce a sfamare. E non ha ancora quarant’anni. Sono tutti con lei. Sono le bocche che deve sfamare e i cuori che deve proteggere con il suo grande cuore di mamma e non sa da che parte sbattere la testa.

Lavorava come donna delle pulizie, Maria, che abita in un basso nel cuore profondo di Palermo, quello che nessuno conosce e che viene sfiorato da qualcuno solo se ci sono elezioni in vista. Arriva il coronavirus. Tutto chiuso. Anche le case dei benestanti. Niente più casa, niente più donna delle pulizie.

E come farà Maria? Lei è molto credente, prega, va in chiesa. I cinque figli non mangiano soltanto, crescono, diventano grandi. Qualcuno cerca di dare una mano. Nella povertà c’è spesso generosità. Maria ha incontrato sulla sua strada i volontari della Comunità di Sant’Egidio che le procurano la spesa, l’aiutano, cercano di sostenerla, come fanno con altre persone e con altre famiglie che non sanno più dove sbattere la testa.

Come quella ragazza che vive con una parente disabile e dice ai volontari: “Non venite, non esponetevi”. Sono generosi, i poveri.

Così Maria sopravvive con i suoi ragazzi. L’altra sera voleva abbracciare i volontari per la felicità del pane e della pasta. Loro, cortesemente, hanno mimato un no dietro le mascherine. Non si può, c’è il coronavirus. Ma l’amore a distanza funziona lo stesso.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

11 Commenti Condividi

Commenti

    bravissimi i volontari, è chi dona alimenti x i bisognosi VERI…

    C’è qualche modo per far pervenire un aiuto con forniture alimentari per questa Signora? a prescindere da forme di adesione alle tante iniziative di solidarietà, comunque sapere che una mano d’aiuto può essere data a persone ben identificate sarebbe ancora più gratificante
    Grazie

    In principio si suonava, ora è sceso il silenzio.
    Da #iorustuacasa o sul lastrico solare, a Maria che sul lastrico si ritrova a campare.

    Onore ai Volontari, ma un paese serio dovrebbe avere servizi sociali che intercettino autonomamente tutte le situazioni di difficoltà provvedendo di conseguenza. Perchè nei paesi scandinavi o in Olanda, tanto per citarne alcuni, uno viene tutelato per iniziativa diretta dello stato da quando nasce fino alla morte mentre qui in Italia non solo questo non avviene malgrado tutti i miliardi che girano nei bilanci dello stato e delle regioni generati dalle tasse che paghiamo, ma deve essere chi è già debole e soffre a chiedere aiuto con il cappello in mano anche a politici che mostrano (finto) interesse solo per carpirne il voto. Tutti adesso parlano di un paese da rifondare dopo la pandemia, perchè non ripartire proprio dai servizi sociali del territorio?….

    che dire il SINNACO non ha bisogno di aspettare navi o genti da lontano per dimostrare alcunchè basta che guardi sotto il suo naso, è tanto difficile??

    Ogni volta che leggo questi articoli mi imbestialisco, siamo in piena crisi pandemica, in piena crisi economica, sanitaria, in piena crisi di tutto, però, si continua ad elargire denaro pubblico per i finti profughi, scaricati periodicamente nei nostri porti da questi vergognosi trafficanti di esseri umani che non si fermano dinanzi a nulla.

    In merito all’articolo di Roberto Puglisi e la sig.ra maria come e’ possibile farle pervenire direttamente generi alimentari? Chi bisogna contattare?
    Grazie

    E’ nei momenti difficili come questi che riusciamo a tirar fuori dal nostro cuore quello che forse non avremmo mai saputo di avere : la soliderarietà el’amore verso gli altri.Sarei felice di poter aiutare nel mio piccolo la signora Maria se solo sapessi come rintracciarla. Grazie

    ho chiesto la stessa cosa anch’io

    Se possiamo dare una mano alla signora Maria io e mia moglie siamo ben felici di poter dare ospitalità anche a 1 dei figli tutto a carico nostro per alleviarla in questa situazione noi siamo una coppia di marito e moglie abbastanza giovani da non farlo ho farla sentire a disagio il cuore e la generosità non si comanda se possiamo essere di aiuto noi siamo ben felici di dare una mano casa signora Maria la stimo perché nella sua povertà dimostra di essere ricca dentro di tante cose belle poi mi rivolgo ai suoi figli dicendo semplicemente proteggete la vostra mamma perché Donne così al mondo sono poche

    Comunità San Egidio 091 6118592 ho mandato email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.