Minorenni vandalizzano un bus| e seminano il terrore fra i passeggeri - Live Sicilia

Minorenni vandalizzano un bus| e seminano il terrore fra i passeggeri

PALERMO
di
13 Commenti Condividi

La Polizia di Stato ha individuato e fermato cinque giovanissimi palermitani che ieri sera hanno danneggiato un autobus Amat. Il “branco”, davanti ai passeggeri intimoriti, ha rotto la telecamera interna, la plafoniera posteriore, lo specchio retrovisore e hanno danneggiato la botola della presa d’aria, e hanno divelto la portiera che separa autista da passeggeri.

L’autista ha fermato il bus ini viale Croce Rossa e numerosi passeggeri hanno contattato, allarmati, il “113”. Due equipaggi di polizia hanno così sorpreso passeggeri e vandali appena scesi dall’autobus. I giovani sono stati fermati e identificati. Agli atti vi sono anche video ripresi col cellulare dai passeggeri.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

13 Commenti Condividi

Commenti

    E ora?
    Qualcuno ha detto recentemente che i ragazzini palermitani vandalizzano le scuole perchê il pomeriggio sono chiuse, mentre loro sono costretti fuori dai cancelli…
    E gli autobus?
    Forse sono gli stessi ragazzi e vandalizzano scuole, bus, auto posteggiate, giardini pubblici, monumenti e panchine di via Libertà, semplicemente perchè sono bastardi, impuniti e, comunque, giustificati sempre da qualcuno.

    Questo gruppo di giovani vandali non ha agito di sera, ma in pieno giorno, intorno alle 13,30, davanti agli sguardi terrorizzati dei passeggeri. La polizia ha operato con rapidità grazie soprattutto alla testimonianza di una signora extracomunitaria, credo africana che, nonostante un italiano improbabile, ha indicato uno per uno gli autori delle violenze, quasi inseguendoli sul marciapiede. Mentre molti altre persone voltavano le spalle e facevano finta di niente.

    Citta’ invivibile,pericolosa..bisognerebbe davvero usare il pugno duro.
    Invoco un regime militare

    “Molte persone voltavano le spalle e facevano finta di niente” serve, appunto, a spostare parte della responsabilità su queste persone indifferenti. Ma i passeggeri erano terrorizzati o no? C’era la Polizia? E allora cos’altro avrebbero dovuto fare le altre persone, saltare addosso ai teppisti che terrorizzavano i passeggeri?
    E il fatto di vandalizzare alle 13,30 anzicchè alle 18 o alle 22 cambia qualcosa?
    Ribadisco che i vandali vandalizzano e non hanno giustificazione alcuna.

    Invoco regime militare Tedesco anche x i politici.

    Se qualche cittadino avesse dato il meritato calcio nel sedere sarebbe stato denunciato, peggio ancora se a scuola fosse stata una maestra od un insegnante
    di media:arrestati

    il problema di fondo è un altro: questi “personaggi” non saranno puniti! ora io non invoco nè i regimi nè tantomeno sanzioni varie o assortite (anche se figli di miliardari risulterebbero nullatenenti) la pena dovrebbe essere una sola: servizio sociale obbligatorio. Hai danneggiato l’autobus bene come pena tre mesi di servizio al garage amat a lavare autobus dentro e fuori, ovviamente fuori dagli orari scolastici. Non lo fai? i mesi diventano sei, continui a non farlo? Lo faccio fare a tuo padre, tua madre, tua sorella qualcuno della famiglia lo trovo. In un utopica civiltà con questo genere di pene secondo voi quanti si divertirebbero a fare i vandali?

    rosario concordo con te ” Hai danneggiato l’autobus bene come pena tre mesi di servizio al garage amat a lavare autobus dentro e fuori, ovviamente fuori dagli orari scolastici. Non lo fai? i mesi diventano sei, continui a non farlo? Lo faccio fare a tuo padre, tua madre” e aggiungo non lo fanno loro via la patria potestà e chiusi in comunità in sardegna

    Non c’é rimedio..

    concordo parzialmente sul pensiero di Rosario, mi spiego meglio, se non lo fa il ragazzo il servizio civico lo dovrà fare qualcunaltro (familiare o parente), già di persè la scappatoia offerta è diseducativa, ma se anche fosse voi pensate che il familiare parente andrebbe a fare ciò che non fa il proprio congiunto ? Credo che con le buone o le cattive questi indurrebbero il refrattario ragazzino a fare quello impostogli, con le modalità che noi tutti possiamo immagginare (sculacciate, punizioni varie etc)le stesse che ipocritamente le leggi dello stato non consentirebbero essere applicate dagli educatori docenti e/o forze dell’ordine.

    Addebbitate ai loro genitori il costo della riparazione dei danni causati!

    li facciano lavorare per un periodo di tempo a lavare autobus e si facciano rimborsare i danni dai loro genitori!

    Non chiamateli palermitani, la loro è una razza apolide.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.