Mistretta, arriva l'assessore | Le campane suoneranno a morto - Live Sicilia

Mistretta, arriva l’assessore | Le campane suoneranno a morto

La contestazione a Russo
di
15 Commenti Condividi

Alcune chiese di Mistretta (Me) lunedì prossimo, in occasione di una visita dell’assessore regionale alla Sanità Massimo Russo, suoneranno le campane a morto per protestare contro il piano di ridimensionamento dell’ospedale. L’iniziativa, alla quale hanno aderito i parroci, è stata promossa dal movimento “Effe 251”, che aveva già organizzato l’8 novembre scorso una manifestazione a Palermo. Lunedì i manifestanti si concentreranno nella piazza davanti al Municipio, dove l’assessore sarà accolto in silenzio con una forma di protesta alternativa. Nell’incontro tra Russo, il sindaco, il presidente dell’Asp di Messina Francesco Poli e la dirigenza sanitaria dell’ospedale saranno valutate le misure di rimodulazione dei servizi. Al primo posto c’é la soppressione del punto nascite perché registra un numero di parti inferiore agli standard concordati con il Ministero della Salute.

RETTIFICA Sebastiano Turco, del movimento Effe 251, ha precisato che le campane non suoneranno per la visita dell’assessore Russo ma per la morte delle istituzioni di Mistretta.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

15 Commenti Condividi

Commenti

    Posso dare un consiglio agli abitanti di Mistretta?
    Perchè non assoldate una banda musicale (gratuitamente) e chiedete di accogliere il maximo con la marcia la Sonata in si bemolle minore, opera 35, di Frédéric Chopin?
    Ne rimarrà entusiasta e gli sarà di buon auspicio per le sue prossime ed inevitabili dimissioni forzate!

    Ulteriore torta in faccia ….. certo non passa un buon momento l’assessore rosso, che ad onor del vero se la tira tutta.
    Alla prossimaaaaaaaaa ……. si dovrà votare prima o poi, ed il tempo passa.

    Russo, tecnico prestato alla politica, di sanità non capisce niente.
    Uomo nelle mani di due che hanno contribuito allo sfascio della sanità non solo siciliana ma anche nazionale:
    – Maurizio Guizzardi (clinica S. Rita Milano)
    – Francesco Poli (gestisce tutta la sanità messinese e catanese)
    Come può un uomo anche se nel pensiero corretto, gestire un servizio di vitale importanza se consigliato da queste due persone?
    Altro che silenzio, dovete svegliarlo.

    su twitter
    PugliLivesiclia: “Se quelli suonano le campane, suonerà le trombe?”

    Risposta:
    certo che si o quasi, se non lui che è un trombone?
    Ma finirà trombato…

    Io tocco ferro.
    E visto che i mistrettesi sono votati ai funerali l’ospedale potrebbe essere convertito in grande obitorio comprensoriale sovracomunale.
    In effetti la provincia babba ,ma ad alta densità di cultura pseudomafiosa, si è sempre distinta per imbecillità socio-politica e degrado amministrativo per via del fatto che molti politici del passato anche mistrettesi hanno accumulato quattrini a iosa perchè molti elettori che oggi si vogliono trasformare in becchini hanno sempre avuto il prosciutto avariato sugli occhi.

    ma gli abitanti di Mistretta non hanno nient’altro da fare nella vita????

    i preti, con tutto il rispetto, in una regione come la Sicilia spesso funestata da eventi luttuosi, dovrebbero astenersi da manifestazioni sinistre come questa annunciata.

    Dove passano loro, non cresce più l’erba.

    ma i parrini acconsentono a simili cavolate?

    Perchè,nonostante si stiano smantellando gli ospedali in un territorio,quello Madonita e Nebroideo,già flagellato dallo spopolamento e dalla carenza di *tutto*,molti commenti sono strafottenti e spiritosi?

    Quelli di Petralia hanno sfilato *pacificamente* per strada,quelli di Mistretta sono venuti a Palermo e *pacificamente* hanno chiesto di far suonare le campane a morto a nel loro Paese…

    Io sono nato a Palermo e ho 3 Ospedali raggiungibili in 20 minuti di macchina,ma sono vicino a chi per ogni bisogno dovrà farsi un viaggetto di un paio d’ore.

    Boh,se mi smantelli pure la sanità in un territorio che è solo l’ombra di quello che era cento anni fa (e ho detto tutto) protesterei anche io,qualcuno invece li prende per il c**o… :/

    il problema è che gli ospedali a rischio chiusura sono quelli considerati poco sicuri (secondo canoni nazionali, non certo di invenzione dell’assessore).
    Francamente, io preferirei farmi qualche km in più piuttosto che rischiare la pelle nell’ospedale sotto casa.

    Quoto @giodiben,

    come tanti Attila,
    distruggono tutto, pure il consenso popolare, anche…del MPA!

    Ma Lombardo lo sa che “CERTI PERSONAGGI” sul versante ionico
    gli fanno solo…perdere voti?

    In situazioni del genere potrebbero essere usate uova non più commestibili….

    E’ inconcepibile che un prete possa prestarsi ad una simile farsa.
    io lo boicotterei non andando più a messa in quella chiesa.

    Quoto @amigdala!

    Scusi, @amanda, ma credo che lei a Messa non ci vada frequentemente, se pensa che i preti devono stare fuori dal mondo.

    Russo non è più magistrato, non è tecnico di niente, è uno che ora fa solo il politico, e…lo fa male.
    Si spera che non offra anche a Sebastiano Turco una tessera di Team-sud…

    Russo è colui che si accompagna, e consegna la sanità ad INTERIM (da Catania a Messina), a un certo SOGGETTO, riconosciuto e unanimamente acclarato, tra i massimi RESPONSABILI del debito sanitario siciliano di ieri..chiamato oggi anche a chiudere gli ospedali.

    Bene le “doncamilliane campane a morto”, ma si dovrebbe anche complementare facendo un regalo a Russo:
    un “BEL PAIO di OCCHIALI” con lenti spesse, da miope,
    …per fargli vedere il malaffare che gli sta…così vicino!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *