Neonato ricoverato: cure pagate | da un imprenditore milanese - Live Sicilia

Neonato ricoverato: cure pagate | da un imprenditore milanese

L'ospedale dei bambini

Una nota di speranza nella storia del piccolo ricoverato all'Ospedale dei Bambini, al centro di un'indagine su presunte sevizie. Un angelo della solidarietà si occuperà di lui.

Palermo
di
38 Commenti Condividi

PALERMO- Un imprenditore milanese ha annunciato che sosterrà tutte le spese per le cure del neonato di tre mesi ricoverato nel reparto di rianimazione dell’ospedale dei Bambini a Palermo con il cranio e gli arti fracassati che rischia di rimanere sordo e cieco. ”Mi ha detto che provvederà – dice il direttore sanitario dell’Ospedale dei bambini Giorgio Trizzino al Corriere della Sera che ha stabilito il contatto con il benefattore – da oggi per tutta la vita del piccolo al suo mantenimento. Pronto a trasferirlo a Milano. Offrendo quanto serve per la riabilitazione e per tutte le cure necessarie a una struttura pubblica o privata, a una associazione, un istituto, una casa famiglia. Come lanciando una gara a chi è disposto a fare il meglio per questo bimbo che nella disgrazia trova così una luce”.

Le sevizie al bambino sarebbero state inflitte dai suoi genitori che sono indagati dalla procura della Repubblica per tentato omicidio. Il tribunale dei minori ha tolto la patria potestà alla coppia. E il neonato è in lista d’attesa per essere adottato. L’imprenditore milanese, accorso in suo aiuto, per sua scelta rigorosamente anonimo, è stato altre volte impegnato a salvare i più deboli offrendo una casa ai senzatetto, saldando debiti, pagando affitti, assicurando cure costose.

Il bollettino medico e le prospettive
Rimangono stabili le sue condizioni ma non è ancora possibile sapere quando sarà dimesso il neonato di tre mesi ricoverato nel reparto di Rianimazione dell’Ospedale dei Bambini di Palermo con fratture al cranio e agli arti, provocate forse dai genitori che sono indagati. ”Non si possono fare previsioni, ma il piccolo non è in pericolo di vita”, spiegano i sanitari. Il bambino, che probabilmente rimarrà sordo e cieco a causa delle ferite, è stato affidato legalmente dal tribunale dei minori – che ha tolto la patria potestà ai genitori accusati di tentato omicidio – al direttore sanitario Giorgio Trizzino e ad un avvocato nominato d’ufficio. Quando verrà dimesso dal nosocomio sarà ospitato in una casa famiglia. Il percorso che potrebbe portare all’adozione del bimbo da parte di una coppia segue varie tappe ed è legato alle conclusioni del processo al quale saranno sottoposti i genitori se verranno rinviati a giudizio. Intanto nel reparto è scattata una gara di solidarietà nei confronti del piccolo che non ha alcun familiare che lo possa andare a trovare per il divieto imposto dai magistrati. Ed è anche per questo che la notizia della decisione di un imprenditore milanese di pagare le spese per la riabilitazione suscita commozione. Ci sono un medico e un infermiere che si sono dichiarati pronti all’adozione e sono arrivate alcune richieste per dare aiuto, ma l’offerta del benefattore ha acceso la vera speranza di un futuro per il piccolo. Ieri l’assessore regionale alla Salute Lucia Borsellino è andata a trovare il bambino e ha assicurato che la Regione farà ”tutto il possibile per sostenere le cure mediche al termine del ricovero”

(Fonte ANSA)


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

38 Commenti Condividi

Commenti

    benedetto uomo… la divina provvidenza esiste

    Una sola parola”GRANDE”.

    ….per fortuna non tutti gli imprenditori milanesi si chiamano Berlusconi

    L’inferno esiste anche in terra. Auguro all’uomo e alla donna che hanno seviziato il piccolo di patire pene maggiori. Poi mi chiedo ma perche aspettare che qualche anima pia intervenga da così lontano per aiutare questo povero bimbo. L’ imprenditoria siciliana dimostri il suo valore!!! Fatevi sentire!!

    il tribunale PER i minori

    ….ma noooo!!!!

    io sono anti berluscone ma mi sa che il benefattore è propio lui.

    …e se fosse proprio lui?…….

    Che ben venga qualunque tipo di sostentamento ed aiuto x questo piccolo angelo, ma perché non le istituzioni? Troppo impegnati a continuare a magnare sulle nostre spalle? VERGOGNATEVI

    anche i genitori vanno curati, forse la colpa è più di chi non ha segnalato i maltrattamenti. Bisognava allontanare il bimbo da quella casa. Spero che Dio compia un piccolo-grande miracolo per questo cucciolo d’uomo senza colpe

    ieri ascoltando un servizio al tg5 sentivo che nessuno sino a quel momento si era proposto di aiutare o adottare il bambino. Oggi leggo questa notizia… mi spiace però che ci abbiano pensato solo a Milano e non qui dove è accaduto questo insano e vile e pazzesco gesto di mancanza di amore per una creatura indifesa… io mi stavo informando… grazie a chi ci ha già pensato.

    Grazie di cuore a quest’uomo, ma dove sono gli imprenditori siciliani? Ah se potessi… Povero piccolo

    Ma che c’entra Berlusconi!
    In ogni cosa ci mettete sempre Berlusconi, anche quando non ci azzecca una mazza, come in questa tragedia!
    Vi appare ovunque ! Ma vergognatevi!
    Mah!

    Dove sono ???? Tutti a Milano, in Sicilia non ne sono rimasti.

    Dinanzi ad un dramma come questo vedo che si tira in ballo polemicamente il nome di Berlusconi…..chiunque sia un un grazie e come giustamente leggevo in un precedente post ma gli imprenditori siciliani? Auguri al bimbo di poter guarire e trovare, qualora fossero accertate le responsabilita’ dei genitori, una famiglia che gli sappia donare l’affetto di cui un bimbo ha bisogno.

    MILANESE HAI LE PALLE E UN CUORE SICILIANO DIO TI SARÀ GRATO.

    Genna, come lei saprà, non è la prima volta che commenta in questo sito, magari con altri nick. La invito a non creare nickname multipli e ad essere più cortese. Questo è un giornale siciliano, fatto da siciliani, che per una sicilianissima libertà di parola, danno spazio sia ai suoi commenti moderati che a quelli più farneticanti. Consideri almeno questa attenuante e sia più cortese, nonché meno ubiquo. Grazie dal coordinatore (palermitano e siciliano) di Livesicilia.it.

    ccnelcuore: non pensavo che il buonismo potesse arrivare a questo punto…secondo te ha piu’ colpa chi non ha denunciato i genitori che i genitori stessi? ma insomma, che deve fare uno secondo te per essere definito delinquente??? io li curerei cavandogli gli occhi e sfondandogli i timpani a entrambi, e poi lasciarli in mezzo alla strada dicendogli: “arrangiatevi!”

    A questa gente dovrebbero dare l’ergastolo. Questi due bastardi hanno rovinato per sempre la vita ad un povero essere che ha avuto la disgrazia di essere figlio loro. Dateli in pasto ai detenuti

    @ Roberto
    Curati da questa tua ossessione rischi di andare off- topic
    come in questo caso, e non ci fai una bella figura.
    Auguri al bambino e che il futuro cancelli questo suo inizio di vita drammatico

    Ci sono tante persone che hanno amore da dare e altre che non capiscono la benedizione di avere un figlio. Piuttosto che agire in questo modo, se proprio non avete un cuore partorite in ospedale, disconoscete il bambino in modo tale che una famiglia affettuosa possa prendersi cura di lui!!!E non date la colpa alla depressione. Quante famiglie non hanno di che vivere e sono piene di amore nei confronti dei propri figli. Grazie di cuore al generoso anonimo che si prenderà cura di questo piccolo angelo anche al posto di chi vorrebbe ma non può

    oggni ttanto una buona notizia

    si, però non ci credo che nessuno ha la possibilità di fare qualcosa

    Gaetano, non ho detto che i genitori non sono colpevoli, ma non credo al fatto che nessuno abbia visto o sentito qualcosa. Ti assicuro che avrei persino buttato giù la porta per portar via il piccolo da quelle mani

    Al tg delle 19:30 hanno detto che un medico e un’infermiera vorrebbero adottare il bimbo

    L’ho già detto e lo ripeto: ma questi cosidetti genitori non avevano a loro volta (visto che si sottolinea sempre che sono “molto giovani”) genitori, amici parenti..possibile che nessuno ha mai avuto un dubbio, un problema…già, ho letto che il nonno (ex primario quindi non certo un ignorante) cerca di sostenere un “problema genetico” del bambino…certo i segni di strangolamento non mi pare possano essere “genetici”, certo, non sono un medico..ma un’imbecille neanche!!!! Ma sacrificare una creatura di SOLI 3 MESI, anche alla seppur dovuta comprensione paterna mi pare un obbrobrio. Il bollettino medico dice che non è in pericolo di vita, bene, ma che vita avrà un bimbo che crescerà senza vista, udito, e molto probabilmente anche altre mancanze visto che è stato pesantemente offeso il cervello!!! Onore a chi lo sta aiutando, ma che si indaghi a fondo non solo sui genitori ma anche sui colpevoli silenzi.

    Il nonno del bambino sarebbe un ex primario? Se e’ vero allora non e’ un dramma della miseria ! Povero mondo che non rispetta l’infanzia, e dove stavano sti nonni? A giocare a burraco?
    Che il buon Dio gli salvi la vita e la vista! Buon Dio stupiscici, te ne preghiamo !

    adottare un bambino che avrà un gravissimo handicap, implica una vocazione al martirio che non tutti hanno. Io non lo farei mai. Tieni presente che, per ora, sull’onda dell’emozione, la vicenda tiene sveglia l’attenzione dell’opinione pubblica e dei media. Fra qualche settimana, o mese, nessuno parlerà più del bambino e i suoi gravissimi problemi diventeranno un affare che rigarderà solo lui e la famiglia che, eventualmente, deciderà di adottarlo. Forse le istituzioni si laveranno la coscienza con una pensione di invalidità ed una “bella” indennità di accompagnamento. Per il resto……patate bollite!
    Saluti
    Ennio Tinaglia

    Si, almeno così hanno detto in più TG, infatti la bufala della malformazione genetica l’avrebbe tirata fuori proprio il nonno ex primario. E non si è parlato mai di drtamma della miseria, la madre (!!) avrebbe solo dichiarato che poichè lei era depressa, del piccolo si occupava il marito che, però, anche lui depresso, FORSE lo ha picchiato per farlo stare zitto!!!!…….Poveri noi!!!!! Sono d’accordo con te, speriamo che che il bimbo possa avere una vita normale e tranquilla e che non sappia mai quale infernale BENVENUTO gli è stato dedicato al suo arrivo in questo mondo.

    @ennio
    La penso come Lei, ma riflettevo pensando ad un conoscente che non ha avuto la possibilità di fare questa scelta, perché l’ha dovuta subire. E l’ha accettata. Non solo. Adesso parla di dono, perchè nel frattempo la sua vita è radicalmente cambiata, e (lo dice lui) in meglio.
    Ho grosse difficoltà a comprendere tutto questo. Ma ovviamente lo ammiro.
    E rifletto sul fatto che, per fortuna, ci sono persone (sicuramente non tantissime) che non sono come me e quella “vocazione al martirio” la definiscono una scelta d’amore.
    massimo geraci

    Dovrebbe essere tentato omicidio x le due bestie ,dove sono ora? Ke dio benedica la persona ke si sta interessando di questo bebè ,tornando alle bestie saranno i soliti figli di papà concentrati solamente a stare fuori la notte x la movida bha

    ben vengano benefattori e benefattrici i bambini non si toccano

    genna, cosa c’entra la Siclilia?
    E colpa della Sicilia se ne ha passate tante?

    Un sincero apprezzamento per la sensibilità dell’imprenditore milanese ma, fatemi capire, se nessuno avesse pagato le spese, non lo avrebbero curato ???

    Debbo ammettere che dovevo continuare a cercare? Consolante ammissione di aver sbagliato.

    @Gattanera e soci: Berlusconi ? No! Lo conosco da 40 anni. Non ama l’anonimato. Sarebbe stata un’occasione ghiotta, alla luce delle sue vicende attuali. Sarebbe apparso anche sulla televisione di Carrapipi (semmai ce n’è una).

    genna spero che non lo portano via da qui che a milano sono già pronte due case famiglie x lui e da li nn uscira più … spero possa essere curato quì e adottato quì !!!!

    sempre x genna non ci sono solo al nord ospedali all’avanguardia

    io ho chiamato più volte x adottarlo ma non rispondono proprio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *