Nestorovski replica a Trotta |Palermo, pari col Crotone - Live Sicilia

Nestorovski replica a Trotta |Palermo, pari col Crotone

I rosanero di De Zerbi impattano all'Adriatico contro i pitagorici. Vantaggio di Trotta al 23' e pari del macedone nella ripresa. Siciliani a quota 2 punti in classifica.

serie a
di
19 Commenti Condividi

PALERMO – Palla a terra, giocate sugli esterni e sopratutto gol. I primi segnali dell’idea di gioco di Roberto De Zerbi arrivano dall’Adriatico di Pescara dove il Palermo affidato alle cure dell’ex tecnico del Foggia trova un pari contro il Crotone in quella che è stata descritta come una sfida salvezza d’inizio stagione. A differenza della sfida persa contro il Napoli il primo tempo dei rosanero a Pescara non è per nulla bello (il gol dell’ex obiettivo di mercato rosa Trotta arriva al 23′ dopo un erroraccio difensivo di Rajkovic) mentre nella ripresa i siciliani entrano con uno spirito e sopratutto con una disposizione tattica diversa (si passa dal 4-3-2-1 al 3-4-2-1, ndr) con Nestorovski che può finalmente mostrare la sua qualità migliore mettendo a referto il suo primo gol in campionato. Ottime poi le prestazioni di Bruno Henrique e Aleesami che dopo poco tempo sembrano già elementi imprescindibili, e mercoledì c’è l’Atalanta a Bergamo.

LE FORMAZIONI All’Adriatico De Zerbi, che fa il suo esordio assoluto in panchina dopo la squalifica scontata nel turno precedente col Napoli, sceglie l’attacco più pesante con il contemporaneo impiego di Nestorovski e Diamanti insieme a Roland Sallai. In difesa Gonzalez torna a vestire il ruolo di titolare al fianco di Rajkovic mentre in regia tocca al brasiliano Bruno Henrique. Nel Crotone Nicola deve rinunciare anche a Tonev all’ultimo e risponde con il tridente composto da Falcinelli, Trotta e Raffaele Palladino. Una cinquantina di tifosi del Palermo assiepati in uno spicchio dello stadio ‘Adriatico’ che hanno scelto di seguire i propri beniamini, stessa cifra per i sostenitori dei pitagorici. Per il resto stadio semideserto per quella che si può considerare una sfida salvezza.

VANTAGGIO TROTTA Le due squadre si affrontano a viso aperto sin dalle prime battute con Falcinelli e Nestorovski che si presentano al tiro in maniera pericolosa. I rosa si fanno preferire per il possesso palla ma a passare in vantaggio sono i pitagorici dopo 23 minuti. Palladino imbecca perfettamente in area Falcinelli con Rajkovic che con un intervento molto deciso atterra sia l’attaccante che il proprio portiere Posavec. La palla prosegue la sua corsa nel frattempo con l’ex Sassuolo che viene anticipato nella ribattuta in rete dal compagno Trotta che festeggia il suo primo gol in rossoblu. Ad avere la peggio nello scontro precedente è Rajkovic che rimedia un taglio evidente sul naso e la sostituzione con Goldaniga. Il maxi recupero di sei minuti, per l’infortunio occorso a Rajkovic, chiude un primo tempo tutto sommato divertente.

FORCING ROSA Nella ripresa De Zerbi si gioca la carta Embalo richiamando Sallai in panchina con i suoi uomini che mettono sotto pressione i calabresi con un buon possesso palla. Diamanti e Nestorovski si presentano con buona continuità davanti a Cordaz con il Crotone che prova a colpire in contropiede con i velocissimi Falcinelli e Trotta supportati da Palladino. La pressione dei rosanero però, che cambia assetto passando al 3-4-2-1 con Gazzi in posizione di centrale difensivo, produce i frutti sperati e il pari arriva al 66’ grazie al primo gol in serie A del macedone Ilja Nestorovski. Il centravanti ex Inter Zapresic approfitta di un ottimo cross di Aleesami calciando di sinistro incrociando sul secondo palo dove Cordaz non può arrivare. Il pari galvanizza gli ospiti che continuano ad attaccare con criterio trovando ancora una volta con Nestorovski la possibilità di segnare con un tiro a giro e con Hiljemark che da fuori per poco non sorprende Cordaz. Il match si chiude su un 1-1 tutto sommato giusto nonostante i rosa possano recriminare per un secondo tempo giocato con maggiore personalità.

IL TABELLINO

Reti: Trotta 23′, Nestorovski 63′.

CROTONE: 1 Cordaz; 17 Ceccherini, 3 Dos Santos, 13 Ferrari; 28 Capezzi (Barberis 73′), 8 Crisetig, 6 Rohden, 87 Martella (66′ Sampirisi); 29 Trotta, 11 Falcinelli, 7 Palladino (80′ Stoian).  A disp: 5 Festa, 95 Cojocaru, 9 Nalini, 20 Salzano, 21 Cuomo, 24 Tonev, 99 Simy. All: Davide Nicola. 

PALERMO: 1 Posavec; 3 Rispoli, 12 Gonzalez, 5 Rajkovic (25′ Goldaniga), 19 Aleesami; 10 Hiljemark, 25 B. Henrique, 14 Gazzi; 23 Diamanti (85′ Andelkovic)), 30 Nestorovski, 20 Sallai (46′ Embalo). A disp: 68 Fulignati, 2 Vitiello, 15 Cionek, 18 Chochev, 22 Balogh, 24 Bouy, 28 Jajalo, 97 Pezzella, 98 Lo Faso. All: Roberto De Zerbi. 

ARBITRO: Domenico Celi (Bari). 

NOTE Ammoniti: Capezzi 45′, Crisetig 73′, Goldaniga 81′, Andelkovic 87′, Dos Santos 89′.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

19 Commenti Condividi

Commenti

    DATE TEMPO A DE ZERBI ED IL PALERMO GIOCHERA’ DA SQUADRA,ANZI DI PIU’ ,DA BELLA SQUADRA.RICORDO ANCORA L’ENORME IMPRESSIONE CHE FECE IL SUO FOGGIA A CATANIA L’ANNO SCORSO.POI CHE DIRE!!!!! DE ZERBI E’ SCUOLA CT…..

    Potevamo vincere. Vista qualcosa di buono in considerazione della mediocrità dell’organico. Margini di miglioramento ampi. E’ tutto da giocare il campionato. Chi dice che siamo già retrocessi sbaglia di grosso.

    Roberto prova a farli giocare a pallone. Sono passati molti anni da quando dovemmo scappare da Crotone, culla della civiltà la cui squadra che allora si chiamava Kroton. Fecero 4 goal. Da allora lo spartito non è mai cambiato. Solo il proscenio. Squadra femmina era, e tale è sempre rimasta. Roberto non ha Pastore o Cavani. Ha dei ragazzi che in molti non sono nemmeno portati per questo sport. Non potrà salvarli dalla retrocessione. Il resto, riguarderà i nuovi proprietari.

    Ottimo andamento x la retrocessione.

    Già retrocessi assolutamente no,ma se continua cosi si va in b.

    cambia spacciatore. leroina e tagliata malissimo e ti offusca la mente. un pu to contro una squadra di lega pro che gioca senza stadio e davanti a 1000 spettatori. se un punto a crotone dopo essere passati in svantaggio e’ un segnale di miglioramento allora chiudiamo il grone di andata con 10 punti. ti ripeto cambia spacciatore

    come no!! e tutto un monologo!! possesso palla avversario 80 per cento. tiri in porta nostri due a partita con palla alle stelle. e sopratutto un punto ogni quattro partite. una miglioramento incredibile. ma come darti torto. chiu scuru i menzannuotti un po fari.

    CROTONE PALERMO CHE E’ UGUALE A SCARSI CONTRO NEGLIE. E DEL RESTO TRA FUTURE RETROCESSE SI SONO SPARTITI IL PUNTO DELLA DISPERAZIONE CHE NON SERVE A NESSUNO. ADESSO SE SANTA ROSALIA PARTE PER BERGAMO E DEVIA QUALCHE TIRO INDIRIZZATO VERSO LA TANGENZIALE DI BERGAMO SI POTREBBE FARE UN PUNTO E POI PALERMO JUVENTUS NON E’ NEMMENO DA GIOCARE. 0 A 2 PRIMO TEMPO 0 A 4 FINALE CON TORELLO INCORPORATO. TOTALE 3 PUNTI IN SEI PARTITE!!!! MEDIA DA FANALINO DI CODA A GENNAIO. LA MATEMATICA NON E’ UN OPINIONE E SOPRATUTTO NON SBAGLIA MAI.

    SANTE PAROLE!!! SE FOSSIMO TUTTI CALCIATORI ANCHE NOI GIOCHEREMMO IN SERIE A CON UN PORTAFOGLIO A MANTICE E CON UNA VELINA SOTTO LE LENZUOLA. MA PURTROPPO PER ESSERE CALCIATORI CI VOGLIONO I PIEDI. E SE SONO QUADRATI COME QUELLI DEI GIOCATORI DEL PALERMO 2015/2016 (OFFENDO LA CATEGORIA A CHIAMARLI COSI’) ALLORA E FINITO IL CALCIO. IL CALCIO E’ MORTO. QUESTO E’ SCHIFO NON SPETTACOLO.

    Un punto contro il Crotone e da brocchi sono diventati campioni

    Se vuoi cento tiri a partita tifa per la Juventus. La squadra è meno che mediocre ma siccome hanno una maglia rosa nero io ci tifo e i miglioramenti checché ne dica tu ci sono stati. Per me tu hai visto un’altra partita. Sono abituato a vedere 38 partite e i conti si fanno alla fine. Si chiama sport, capisci questa parola? Dí piuttosto che tu e altri odiate il Palermo a prescindere perché siete ottenebrati dal fattore Zamparini. Io ho fiducia nel lavoro e credo e spero che de zerbi possa riuscire a fare qualcosa se Zamparini non lo caccia prima. Al catanese hai detto di cambiare spacciatore (che eleganza) a te dico semplicemente di cambiare squadra, di cambiare canale.

    EGREGIO LUIGI,IO NON HO OFFESO NESSUNO NE MI PERMETTO DI SAPERE COSA SNIFFANO O FUMANO GLI ALTRI.SO SOLO CHE LE SQUADRE DI DE ZERBI GIOCANO BENE E LUI E’ STATO UN SIGNOR GIOCATORE.SE DE ZERBI RIUSCIRA’ A DARE IL GIOCO CHE HO VISTO COL FOGGIA, IL PALERMO NE TRARRA’ GRAN VANTAGGIO.INOLTRE MI SONO VISTO LA PARTITA (NONOSTANTE IO SUPERTIFI PER IL CATANIA) E FRANCAMENTE QUALCHE GIOCATORE BUONO L’HO VISTO E QUALCHE BUONA COSA SULLE FASCE PURE.NON SONO PIU’ I TEMPI DI CAVANI O PASTORE E NON CREDO ,VISTO LA CARENZA DI DENARI,CHE QUESTI TEMPI TORNERANNO,MA NEANCHE QUESTE SCHIFEZZE DI GIOCATORI DI CUI SI PARLA.IO RESTERO’ SEMPRE TIFOSO DELLA MIA SQUADRA ROSSAZZURA,MA AL DI LA’ DI SIMPATICI SFOTTO’,RISPETTERO’ SEMPRE TUTTE LE SQUADRE DELLA MIA TERRA DI SICILIA…..MOLTO DI MENO QUELLE DEL NORD E QUEI TIFOSI SICILIANI CHE VENGONO A VEDERE E TIFARE JUVE,INTER E MILAN NEI NOSTRI STADI,OFFENDENDO LA TERRA DOVE SONO NATI E NOI CHE INCITIAMO ED APPLAUDIAMO I NOSTRI GIOCATORI.

    Hansi Müller ormai sei il mio idolo! Ma chi sei Pippo Baudo? A sentirti parlare pare che il calcio lo abbia inventato tu. Ma vedi di farmi il favore, con tutto il rispetto mi sembri un po’ patetico, scusa la franchezza, ora hai una claque di eccezione, addirittura il solito ottenebrato dal palato fine che a furia di odiare Zamparini ora odia anche il Palermo. i ragazzi che non sono portati per questo sport come li chiami tu non sono da meno dei vari Codispoti, Petrescu, Roy, kolivanov del tuo amato Zeman che forse neanche ricorderai. Io penso che bisogna avere rispetto per il lavoro di uno staff tecnico, (Ballardini, Iachini, De Zerbi, non fa differenza) al di là delle follie di un presidente da cinque anni indecente. Provate a emettere meno sentenze, ad aspettare e a imparare. Potreste andare incontro a brutte figure. Se amate questa maglia, ma in effetti non è il vostro caso.

    I ragazzi hanno lottato e si poteva vincere.
    De Zerbi deve abbandonare il 4-3-3 e tornare alla difesa a tre (modulo Iachini)
    In attesa del ritorno di Quaison e Traikoski (che non mi fanno impazzire ma sono meglio di Sallai, Balog eccetera) va schierato Embalo che almeno scatta in avanti o Bentivegna che almeno azzecca qualche dribbling.
    Vitiello è meglio di Goldaniga. RaiKovic invece è un signor giocatore.
    Il problema più grosso è che Diamanti è totalmente fuori forma fisica: cade sempre a terra e non tiene la palla.
    Frank Cascio è come me. Non ha soldi e non potendo comprare patteggia.
    Beddra matri. Fratelli rosanero compriamoci il Maalox.

    Da ammirare la buona volonta dei ragazzi, ma per restare in serie A non basta!!!!!

    Solo buona volontà. Shallai bravissimo ,Nestoroschi sempre cosi, bravo, Diamanti devi essere più preciso qundo tiri in porta, in allenamento ti ho visto fare cose incredibili dove sono andate a finire? Per il resto occorre rinforzare tantissimo Difesa e centro campo quasi assenti.Embalo deve concretizzare i tiri in porta perchè se si impegna e non si confonde è bravissimo.

    Per cocludere dico a Faggiano di insistere nel visionare e scegliere le liste dei giocatori svicolati.

    Una partita dove Rispoli è da considerare migliore in campo la dice lunga su quanto si è visto. Abbiamo guadagnato un punto contro una squadra dalle pretese più mediocri delle nostre con l’handicap di giocare in campo neutro, quando prendevano palla Trotta e Palladino per la nostra difesa era buio pesto e meno male che hanno inserito questo Stoian in ritardo il quale ci saltava come birilli. Non si può dire che non c’è stato impegno, ma non è neanche da De Zerbi trasformare un rospo in principino ; ora dopo questo punticino qualcuno dirà che siamo da C.L. e che non abbiamo bisogno più di una punta da doppia cifra per sbarcare il lunario. Mi chiedo dal cambio allenatore quanto questo è costato e se con la stessa cifra non si poteva ingaggiare un Macheda del momento, visto che sarebbe disposto a venire ed il suo ingaggio costerebbe la metà di quello di Gilardino. Ma ingaggiare uno svincolato non è gradito al friulano perchè non ha il sapore della scommessa dopo la quale ci può lucrare sopra.
    Questo punto guadagnato è solo legna in cascina per una eventuale futura rincorsa una volta che ci sarà il cambio di proprietà ed il nuovo che arriva vogia investire per non retrocedere.

    Sig. Lillo, lasci perdere. Alcuni “tifosi” del Palermo sono fatti così. Odiano perchè incapaci di riconoscere almeno il rispetto di chi va in campo e di chi lavora. Per questi zamparini è un alibi. Per criticarlo possono finalmente sputare sulla maglia. Mistificano i concetti di dignità e di orgoglio. Purtroppo è una caratteristica non rara. E’ tra l’altro il motivo per cui ci sono tantissimi strisciati in città.

    GRAZIE SIGNOR ELIO,HA RAGIONE DA VENDERE!!!!IO NON CAPISCO QUESTO GIOCO AL MASSACRO!!!!A CHI GIOVA?????PERCHE’ NON SUPPORTARE CHI GIOCA PER LA TUA MAGLIA??????MAGARI QUALCHE GIOCATORE NON ECCELSO ,SE AIUTATO DAL TIFO, POTREBBE DARE QUEL QUALCOSA IN PIU’ E RESTARE IN SERIE A E DIVERTIRSI TUTTI POTREBBE DIVENTARE POSSIBILE????INVECE NO!!!!!!!SOLO CRITICHE E CASINI!!!!PERCHE’ NON DOVREI VEDERE LE TRE GRANDI SQUADRE SICILIANE IN SERIE A E RIDERE E SCHERZARE CON GLI SFOTTO’ DURANTE I DERBY??????MA PERCHE’ DEVONO DIVERTIRSI SOLO A MILANO,TORINO,ROMA O GENOVA????UN APPELLO A QUESTO TIPO DI TIFOSI (AHIME’PRESENTI IN TUTTE LE SQUADRE):”SIETE PREGATI DI GUARDARVI LE PARTITE IN TV SE VOLETE,MA LASCIATE A NOI ,VERAMENTE INNAMORATI DEL CALCIO E DEI NOSTRI COLORI, LO STADIO”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.