"Comprata con i soldi dei Riina" | Tolta la casa alla nipote del boss - Live Sicilia

“Comprata con i soldi dei Riina” | Tolta la casa alla nipote del boss

Protagonista la figlia di Gaetano, fratello del capo dei capi. Due anni fa licenziata e riassunta.

4 Commenti Condividi

PALERMO – Due anni fa è tornata al suo suo lavoro che aveva perso per colpa del cognome. Ora a Maria Concetta Riina è stata sequestrare la casa in cui vive e che secondo i giudici sarebbe riconducibile al padre Gaetano, fratello di Totò Riina, e condannato per mafia. La decisione è della sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Palermo.

I legali di Gaetano e Maria Concetta Riina, gli avvocato Giuseppe La Barbera e Pietro Riggi, contattati da Livesicilia, annunciano battaglia: “La nostra cliente sta pagando due mutui, uno per l’acquisto della casa e l’altro per le spese del matrimonio, frutto di anni di sacrifici e duro lavoro come impiegata. Non si comprende cosa c’entri il padre”.

L’immobile si trova a Mazara del Vallo ed è intestato formalmente alla donna dal 2005. Valore dell’acquisto: 97 mila euro. In effetti è stata lei a stipulare un mutuo da 120 mila euro: il dato superiore al prezzo di vendita renderebbe sospetta l’operazione.

Secondo l’accusa, inoltre, tutto è avvenuto quando ancora Maria Concetta Riina viveva in casa con il i genitori. Non si era ancora sposata e non aveva un reddito tale da affrontare le spese di acquisto e di ristrutturazione. Una ristrutturazione di cui parlava Gaetano Riina durante i colloqui in carcere a conferma del fato che sarebbe stato lui a sborsare centomila euro per i lavori. Oltre alla casa finiscono sotto sequestro alcuni conti correnti. 

Maria Concetta Riina due anni fa ha vinto una battaglia legale ed è stata riassunta in una concessionaria di automobili. La parentela con un boss sanguinario non poteva giustificare il licenziamento. Neppure se si è una Riina. E così la donna, 41 anni, fedina penale immacolata, è tornata in servizio. Lo decise il Tar andando contro ad un’interdittiva della prefettura di Trapani.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    Ma questi giudici vengono dalla luna? Non l’ho sanno che uno chiede di più per far rientrare anche i lavori di ristrutturazione? C’è da scappare dalla Sicilia.

    Poi magari li faranno gestire al giudice Saguto………..

    Ma è una barzelletta? I giudici possono permettersi questo e tanto altro ancora, tanto quando poi alla signora fra non so quanti anni verrà restituito tutto e con tante scuse e tanti saluti, nessuno verrà chiamato a risarcire la quantità industriale di soldi pubblici sperperati in questa caccia alle streghe.

    Sicuramente,togliendo la saguto l’hanno rimpiazzata con un’altro uguale ma proprio uguale,con la stessa mentalita’……

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *