"Non diffamarono Cicero"| Irsap, assolti due dipendenti - Live Sicilia

“Non diffamarono Cicero”| Irsap, assolti due dipendenti

Il legale: "Legittimo diritto di critica".

LA SENTENZA
di
0 Commenti Condividi

CATANIA – “Il fatto non costituisce reato”. Con questa formula sono stati assolti a Catania Mario Rinaldi e Filippo Modaffari dipendenti, rispettivamente, del Consorzio Asi di Palermo e di Enna, imputati per diffamazione aggravata e a mezzo stampa dell’allora presidente dell’Irsap, Alfonso Cicero.

L'avvocato Ivano Natoli

Moddaffari è assistito dall’avvocato Alessio Ciancio Paratore Rinali da Ivano Natoli. L’accusa si riferisce a episodi avvenuti nel 2014 e si basa su indagini della polizia postale di Catania avviate dopo la denuncia di Cicero che nel processo si è costituito come parte civile con l’avvocato Annalisa Petitto.

Secondo la Procura, Rinaldi e Modaffari, nascondendosi dietro vari nickname di fantasia per non essere identificati, pubblicavano, a margine di diversi articoli di un periodico online, commenti denigratori sull’allora presidente dell’Irsap attraverso, scrivono i Pm, “l’utilizzo di espressioni denigratorie e dubitative, insinuazioni e l’attribuzione di fatti non veri”. I pm avevano chiesto la condanna a un anno di carcere, ma è arrivata la piena assoluzione. Solo la motivazioni spiegherà se sia passata la linea difensiva dell’avvocato Natoli, secondo cui si è trattato “di un legittimo diritto di critica”.   

“Leggerò le motivazioni della sentenza che allo stato non si conoscono. Valuterò la possibilità di introdurre un giudizio innanzi il Tribunale Civile – dice Alfonso Cicero, ex presidente Irsap – per ottenere il risarcimento del danno morale e d’immagine subito a causa delle propalazioni del Rinaldi e del Modaffari”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI
0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.