Non vuole pagare il ticket| Donna picchia una dottoressa - Live Sicilia

Non vuole pagare il ticket| Donna picchia una dottoressa

La vittima: "Non abbiamo alcuna tutela sulla sicurezza". Il direttore Asp: "Atto vergognoso".

SIRACUSA
di
0 Commenti Condividi

SIRACUSA – Una dottoressa in servizio alla guardia medica dell’ospedale Muscatello di Augusta è stata aggredita da una paziente. Il medico ha riportato diverse contusioni, giudicate guaribili in 10 giorni. Ad aggredirla con pugni e schiaffi una sessantenne che secondo una prima ricostruzione non avrebbe voluto pagare il ticket. La paziente sarebbe andata in escandescenze quando la dottoressa avrebbe chiesto spiegazioni in merito all’esenzione.

A difesa del medico è intervenuto un tecnico dell’impianto antincendio. Il direttore generale dell’Asp di Siracusa, Salvatore Lucio Ficarra, ha espresso “indignazione” per l’aggressione. “E’ vergognoso come ancora oggi si debba continuare ad assistere ad aggressioni e ad atti di inenarrabile violenza non soltanto verbali ma anche fisici all’interno delle strutture sanitarie – dice – nei confronti di medici ed infermieri nell’esercizio del proprio dovere, mentre garantiscono, senza risparmio di impegno e di fatica, la più adeguata assistenza a chi ne ha bisogno. Confido nell’operato dell’autorità giudiziaria, e ci costituiremo parte civile affinché atti così vili e vergognosi, siano puniti con condanne esemplari”.

“C’è rabbia e timore per non poter svolgere il lavoro in tranquillità. Non abbiamo nessuna tutela sotto il profilo della sicurezza”. Alessandra Carpinteri, 35 anni, medico, è a casa con un occhio nero e un’abrasione corneale per i pugni al volto e diversi ematomi per i calci ricevuti. La prognosi è di dieci giorni. E’ stata aggredita ieri mattina, intorno alle 11.30, mentre era in servizio alla guardia medica dell’ospedale Muscatello di Augusta. “La guardia medica si trova in una parte dell’ospedale un po’ isolata e nei prefestivi e festivi o di notte, non c’è molta affluenza di persone” spiega la dottoressa Carpinteri. “La paziente, una donna di mezza età, è arrivata lamentando alcuni disturbi, l’ho visitata e poi le ho prescritto la terapia. Lei mi ha detto che aveva diritto all’esenzione e a quel punto le ho chiesto di farmi vedere la certificazione – racconta Alessandra Carpinteri -. Mi ha detto che non l’aveva con sé, ed io le ho detto che non potendo accertarla non potevo inserire l’esenzione nella ricetta. A questo punto è andata in escandescenza, ha iniziato urlare ed a minacciarmi. Ho cercato di calmarla ma lei si è alzata in piedi, è venuta dietro la scrivania ed ha iniziato a colpirmi”. Il medico ha chiamato aiuto e si è riuscita a divincolare: “Ho aperto la porta per cercare una via di fuga ed ho bussato alla porta di fronte dove c’era il personale tecnico che ha bloccato la signora”. Nel frattempo sono stati avvertiti i carabinieri e la sessantenne si è dileguata ma è stata rintracciata a casa. “In passato sono accaduti altri episodi, ma solo scontri verbali, mai un’aggressione di questa gravità. Non abbiamo nessuno che ci tutela dal punto di vista della sicurezza: un pulsante di emergenza, un vigilantes o un servizio di guardiania. – conclude – Anche quando facciamo le visite domiciliari, nel cuore della notte, non sappiamo a cosa andiamo incontro”. (ANSA).


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.