Incidenti e lotta all'alta velocità | Autovelox, elevate 28 mila multe - Live Sicilia

Incidenti e lotta all’alta velocità | Autovelox, elevate 28 mila multe

Raffica di sanzioni pure per chi guida utilizzando il cellulare: 461 gli automobilisti nei guai.

Palermo
di
12 Commenti Condividi

PALERMO – La lotta all’alta velocità e alla guida con il cellulare non si arresta in città. Sono più di 28 mila le multe recapitate agli automobilisti “beccati” da autovelox e telelaser negli ultimi sei mesi, quasi cinquecento, invece, quelle nei confronti di chi è stato sorpreso al volante con il cellulare.

I controlli disposti dal comandante della polizia municipale, Gabriele Marchese, sono partiti nel maggio del 2017, con un nucleo creato ad hoc, che si muove sulle strade palermitane in borghese: da allora le moto civette e gli agenti hanno colto sul fatto ben 461 automobilisti, intenti a guidare con lo smartphone in mano.

Una pessima abitudine che si è ormai trasformata in un fenomeno dilagante e in una delle principali cause di incidenti, spesso anche gravissimi. Altrettanto frequenti, anche in base alle statistiche nazionali, i sinistri provocati da chi preme troppo sull’acceleratore. A Palermo il maggior numero di sanzioni si registra nelle aree di ingresso alla città, ovvero i punti in cui gli automobilisti arrivano in velocità, perché provenienti dalle autostrade.

Nel dettaglio, da settembre ad oggi, sono state in tutto 28110 le multe recapitate a casa dei trasgressori. A parlare chiaro sono i dati dei box collocati in viale Regione Siciliana: all’altezza si in via Ernesto Basile, in direzione Trapani e in direzione Catania, sono scattate 5193 sanzioni. Nei pressi di via Principe di Paternò, su entrambe le direzioni, ammontano invece a 6518, mentre all’altezza del ponte di Bonagia le multe sono state, in sei mesi, 9774.

Nello stesso periodo di tempo, 685 infrazioni sono state rilevate con il telelaser, lo strumento di rilevamento della velocità a distanza con contestazione immediata. Altre 4940 sono state accertate con l’autovelox mobile. Il limite di velocità viene superato soprattutto lungo la circonvallazione, principale via di accesso alle autostrade e di ingresso in città  “Nella maggior parte dei casi – spiegano dal comando della polizia municipale – l’automobilista viene multato per aver superato i limiti di velocità da oltre 10 chilometri orari fino a 40 chilometri orari”. Trasgressori ai quali l’alta velocità è costata decine di punti in meno sulla patente: da settembre ad oggi, il nucleo Autovelox ne ha decurtati quasi cinquantamila. 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

12 Commenti Condividi

Commenti

    Un bel tesoretto a spese del contribuente.

    Questa categoria di Palermo, testarda fino a morire, si può convincere solo se le si tocca il portafoglio… Bene. proseguite!

    Penso che ancora sono pochissime le contravvenzioni elevate soprattutto per chi guida con i cell in mano. La proposta sarebbe quella di intensificare le pattuglie in giro per le strade, elevando multe oltre per chi chiama o mess con il cell mentre guida, anche per chi parcheggia in doppia fila, intralciando il traffico, o parcheggia in centro carreggiata, anche a due file (vedi Via Filippo Paruta), oppure per chi percorre le strade contromano (vedi Via Filippo Paruta , Viale Regione siciliana, anche per i motori e biciclette causando anche incidenti). Spesso si vedono anche ciclisti sulla corsia centrale di Viale Regione
    Siciliana, o biciclette che non rispettano i semafori.

    Il codice della strada ormai è disatteso da tutti anche dai pedoni. Palermo è la città dell’anarchia stradale.
    Solo incrementando le pattuglie e le multe le persone potranno (forse) osservare il codice della strada.

    Per chi parla al cellulare ritiro patente e rifare esami, senza multe.

    Ancora dopo anni ed anni, in via Altofonte dove c’è il CUS, si continua imperterriti a percorrerla a senso unico in contro mano, che è una cosa pericolosissima! Prima transitavano spesso delle pattuglie di carabinieri e polizia, ora chissà perchè nemmeno più l’ombra!

    Speriamo che questi soldi delle multe servano per sistemare le strade distrutte della nostra amata Palermo!

    Pubblicizzateli spesso questi dati,
    Sperando che colpendolo il portafogli
    La cosa si aggiunti
    Con i ricavati il comune dovrebbe acquistare altri autovelox

    Le regole giustamente vanno rispettate ma mi indigno quando vedo che chi deve controllare e vigilare è al volante che usa i telefonini o agli incroci che invece di dirigere il traffico passa il tempo a usare i telefonini. Chi li controlla? Anche loro dovrebbero essere multati.

    Ha perso una bella occasione per stare zitto.

    bene x le multe ma quante di queste vengono poi pagate. dateci almeno una percentuale almeno sappiamo di quanti soldi sono destinati a migliorare la viabilità dal comune di palermo. s’ammuccano pure quelli? spero di no

    Controlli necessari,occorre un maggiore controllo e una maggiore severità in “FAVORITA”dove gli automobilisti pensano sia un autostrada,non rispettano i divieti di accesso delle strade ,invadono le piste ciclabili mettendo a repentaglio la vita dei ciclisti e dei runner,parlano al telefonino
    Per evitare tutto questo basterebbe un divieto di sorpasso e un controllo maggiore da parte dei vigili urbani (sempre presenti in auto)facendo rispettare la segnaletica presente.

    Io ricordo che tanti anni fa, quando ancora le macchine erano senza cintura di sicurezza, venne varata una legge per la quale tutti dovettero adattare le auto.
    Perchè non imporre che in italia TUTTE le auto escano direttamente con il vivavoce incorporato, e che su quelle già in circolazione vengano istallati e omologati? come dovettero fare tutti per le cinture di sicurezza tanti anni fa? Cosi come, SE CI TENESSERO VERAMENTE i produttori di telefoni e di app come whatsapp, potrebbero mettere un blocco alla messaggistica, qualora si superi una certa velocità in movimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.