Papa Francesco invia| Raspanti a Messina - Live Sicilia

Papa Francesco invia| Raspanti a Messina

Non si tratta di un trasloco. È, infatti, lo stesso prelato a rassicurare i cattolici acesi via Facebook: “No, non sono stato trasferito. Devo solo reggere Messina per un po', finché non gli inviino il vescovo”.

Il vescovo di Acireale
di
0 Commenti Condividi

ACIREALE – Monsignor Antonino Raspanti ha fatto il suo ingresso ieri nella diocesi di Messina – Lipari – Santa Lucia del Mela. Il vescovo di Acireale, giovedì 24 settembre, è stato nominato Amministratore apostolico ad nutum Sanctae Sedis della Chiesa peloritana. Lo ha deciso papa Francesco accogliendo la rinuncia alla Cattedra messinese di Calogero La Piana “per – si legge nel decreto – motivi di salute”. Motivi confermati sabato scorso in conferenza stampa dal diretto interessato, che ha voluto smentire le voci che collegherebbero la sua scelta a “false accuse su ammanchi di bilancio”. Sempre nella giornata di ieri, come scrive Il Giornale di Sicilia, il vescovo di Acireale ha incontrato l’ormai emerito di Messina prendendo possesso dei suoi uffici. Per Raspanti non si tratta tuttavia di un trasloco. È, infatti, lo stesso prelato a rassicurare i cattolici acesi via Facebook: “No, non sono stato trasferito. Devo solo reggere Messina per un po’, finché non gli inviino il vescovo”. Nei prossimi mesi, Raspanti farà dunque vita da pendolare. Con molta probabilità, bisognerà aspettare il 2016 per conoscere il nome del successore di La Piana. Intanto, restando sempre in Sicilia, è ancora aperta la partita per la nomina del nuovo di titolare di Palermo. Nel febbraio del 2013, l’acese Paolo Romeo aveva inviato le proprie dimissioni in Vaticano per raggiunti limiti di età.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *