"Passaggi”, un progetto artistico in continua evoluzione - Live Sicilia

“Passaggi”, un progetto artistico in continua evoluzione

Quattro installazioni artistiche, otto mostre fotografiche, dodici artisti.
ARTI VISIVE
di
5 Commenti Condividi

CATANIA – Quattro installazioni artistiche, otto mostre fotografiche, dodici artisti. Sono i numeri del nuovo progetto espositivo “PAssaggi” che si svolgerà presso lo storico Corso San Vito di Mascalucia. “Una chiamata alle arti”, come la definisce il suo ideatore, Giuseppe Lo Faro. Dopo un periodo in cui la cultura ha dovuto rallentare, Ottagono si apre alle contaminazioni artistiche e diventa una tela urbana nella quale si mescolano pittura e fotografia, street art e nuovi linguaggi, protagonisti di una rassegna da godere ogni giorno. 

“PAssaggi’ nasce dal desiderio di recuperare una dimensione più immediata del rapporto tra gli artisti e il pubblico, tutto immerso nella quotidianità dei luoghi del territorio – spiegano i cugini Lo Faro – L’obiettivo è quello di sostenere artisti attraverso commissioni in cui siano liberi di esprimersi e il nostro sogno è che ‘PAssaggi’ sia solo l’inizio di un lungo cammino e si diffonda come azione di riscoperta del territorio conquistando pian piano tutta l’area porticata per riportare, nel nostro centro, quell’amore per le arti che ha sempre caratterizzato il nostro paese”. 

“L’anima del progetto, in questa fase, si sviluppa su quattro installazioni artistiche originali che coinvolgono gli spazi esterni di Ottagono e una mostra fotografica nella grande sala interna – commenta Benedetto Poma, direttore artistico del progetto – Ho accolto con entusiasmo questa nuova sfida poiché si tratta di una modalità espositiva e di fruizione delle opere sicuramente innovativa per il nostro territorio, ma che è già stata sperimentata e attuata con successo in tantissime città italiane e estere. Gli spazi e i luoghi interessati da ‘PAssaggi’ diventano dunque una tela urbana in cui si mescolano pittura e fotografia, street art e nuovi linguaggi. L’obiettivo è anche quello di far conoscere a un pubblico diffuso gli artisti che vi prenderanno parte, visto che in questa fase stimiamo un potenziale di 800 visitatori giornalieri”. 

Tra gli artisti che parteciperanno con le loro installazioni permanenti, ci sono Demetrio Di Grado con l’opera “Segni del tempo”, Sofia Orleans e il suo “Dentro ‘i nottambuli’” e lo stesso direttore artistico Benedetto Poma, che realizzerà il prospetto principale del locale. Protagonista della prima mostra fotografica, che rimarrà esposta fino al 17 agosto 2021, è invece Emily Gallè, con “Un Vulcano, differenti volti”. I lavori dei fotografi che parteciperanno al progetto verranno pubblicati in un catalogo che sarà realizzato a cura di Benedetto Poma. 

“Ringraziamo tutta la squadra che ha contribuito alla realizzazione del progetto, a partire dal professore Alessandro Salerno, coordinatore esecutivo di ‘PAssaggi’. Stiamo già lavorando ad una seconda fase, immaginando installazioni in tutta l’area porticata tra Corso San Vito e Corso Michelangelo – concludono i cugini Lo Faro – Sarà ancora una volta il direttore artistico Benedetto Poma a coordinare gli artisti per realizzare qualcosa di unico che sarà un omaggio contemporaneo al valore immenso dell’arte e del suo fluire”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

5 Commenti Condividi

Commenti

    Segno di una spiccata sensibilità verso un settore troppo spesso lasciato ai margini. Complimenti per l’iniziativa, verrò a trovarvi presto. Un abbraccio

    Quando l’arte contagia nuovi spazi è un grande piacere per gli occhi e per il cuore. Spero che questa iniziativa si evolva anche in altri luoghi. Abbiamo bisogno di tanta bellezza, oggi più che mai

    ho visto le foto esposte dentro il bar e sono rimasto molto colpito da quella con l’etna e i fiori lilla ma ho scoperto solo adesso che si tratta di mostre temporanee. bella idea!

    sona una fan sfegatata di hopper, quando passando con l’auto ho visto “i nottambuli” su tutta la parete del corso ho pensato di avere le allucinazioni!
    Idea geniale

    Mi piacerebbe sapere se è ancora possibile partecipare al progetto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *