Pd, Lupo nome nuovo per Palermo| Stallo M5S, a destra spunta Greco - Live Sicilia

Pd, Lupo nome nuovo per Palermo| Stallo M5S, a destra spunta Greco

I principali uomini in corsa per una candidatura a sindaco di Palermo

Partiti e movimenti in fibrillazione. Ecco le grandi manovre per conquistare Palazzo delle Aquile.

Verso le elezioni comunali
di
60 Commenti Condividi

PALERMO – La politica palermitana è in fermento. L’avvicinarsi delle Comunali ha messo infatti in fibrillazione partiti e movimenti, ha fatto scattare il toto-nomi sia per la carica di sindaco sia per il consiglio comunale, ha dato il via a una girandola di proposte e possibili alleanze. Un quadro complicato e complesso in continua evoluzione, con accordi praticamente già fatti che saltano nel giro di poche ore e con candidati consiglieri che non hanno ancora capito chi sia il cavallo vincente.

Al momento la campagna elettorale parte da tre punti fermi, che poi così fermi non sono: Leoluca Orlando, Fabrizio Ferrandelli e il M5s che non ha ancora ufficializzato il nome del candidato alla poltrona più importante di Palazzo delle Aquile. Orlando ha confermato ai suoi, fino a sabato scorso, che si ricandiderà a sindaco ma sono in molti, proprio fra gli orlandiani, ad avere più di un dubbio: il Professore potrebbe tentare il salto alla Regione, proponendosi come ultimo baluardo contro il ciclone Grillo, ma potrebbe anche accettare altri incarichi, al di qua o al di là dell’Atlantico, qualora le condizioni per essere rieletto dovessero farsi proibitive, nonostante l’appoggio della sinistra alternativa al Pd.

Passiamo a Ferrandelli. Ad oggi non è chiaro chi lo appoggerà, visto che i partiti attendono il referendum; anche lui però non vuole partiti, simboli o collegamenti con la classe politica attuale, preferendo presentarsi come un “grillino” ante litteram che si è dimesso dall’Ars proprio in polemica con centrodestra e centrosinistra, ma chiedendo sostegno sul programma.

Infine c’è il Movimento Cinque Stelle che a Palermo vive una fase di stand-by: le Comunarie non si sono ancora svolte e le polemiche interne non mancano, malgrado l’ordine di scuderia sia il silenzio. Eventuali esclusioni eccellenti potrebbero però riaprire le ferite, indebolendo l’immagine di un Movimento che ad oggi è l’unico in grado di intercettare la voglia di cambiamento di una parte consistente dell’elettorato, ma non aver presentato sul palco del Foro Italico i candidati a sindaco e consiglieri è stata sicuramente un’occasione persa.

E gli altri? Al momento nel centrosinistra la confusione regna sovrana. Il Pd vorrebbe proporre a Palermo la stessa coalizione che si presenterà poi alle Regionali, che quindi comprende l’Udc (o quel che ne rimane) e l’Ncd (al netto degli addii eccellenti), ma una decisione ufficiale non c’è, così come non si sa nemmeno se si faranno le primarie. Le voci di corridoio vogliono in rampa di lancio Giuseppe Lupo, vicepresidente dell’Ars vicino al mondo sindacale ed ecclesiale, capace di unire realtà diverse e all’apparenza lontane: un nome che metterebbe d’accordo tutti, ma che si concretizzerebbe soltanto se Orlando non scendesse in campo o se fosse espressione di una coalizione ampia e all’interno di un progetto di più ampio respiro. Nel Pd però si ragiona anche su altri nomi che compatterebbero il partito: qualcuno sussurra quello di Caterina Chinnici, magistrato ed europarlamentare, figlia di Rocco, ucciso dalla mafia, anche se l’ipotesi non sembra trovare troppi consensi. Nadia Spallitta, vicepresidente di Sala delle Lapidi, non ha fatto mistero di volersi lanciare alle primarie in rappresentanza delle professioni e del mondo femminile, mentre molti sono rimasti sorpresi dall’iniziativa di Rosi Pennino che la settimana scorsa, a Brancaccio, ha riunito il mondo del sociale in chiave anti-Orlando. Gli addetti ai lavori giurano che da anni non si vedeva una riunione così partecipata in un settore in cui non mancano solitamente rivalità e gelosie, ma all’appello non mancava praticamente nessuno: Rumore, questo il nome del nuovo soggetto, potrebbe insomma partire dal basso e convogliare il mondo delle associazioni e del terzo settore, mettendo alla fine d’accordo anche le correnti del Pd. Una prospettiva a cui molti guardano con interesse, vedendo nella Pennino una possibile candidata a sindaco.

Nel centrodestra, al momento, l’unica candidatura ufficiale è quella di Francesco Scoma, proposta da Forza Italia e che alcuni considerano concreta. Saverio Romano non ha mai detto a chiare lettere che si candiderà alla carica di sindaco, ma è innegabile che il suo nome sia fra i papabili. In molti fra gli azzurri e i centristi non nascondono la simpatia per Ferrandelli, ma il coordinatore cittadino Giuseppe Milazzo, intervistato la scorsa settimana da SiciliaSera, ha detto esplicitamente che finché il fondatore dei Coraggiosi avrà in tasca la tessera del Pd non potrà essere sostenuto dal centrodestra e che la coalizione delle Comunali dovrà riprensentarsi identica alle Regionali, mandando un messaggio non da poco a Ncd.

In campo c’è anche il nome di Francesco Greco, ex presidente di Amg ai tempi di Cammarata e oggi presidente dell’Ordine degli Avvocati e della Consulta degli Ordini professionali della Camera di Commercio di Palermo ed Enna. Insomma, un candidatura che sarebbe sostenuta dal mondo delle professioni e degli imprenditori ma che dentro Forza Italia (anche ai più alti livelli) incontrerebbe più di una resistenza: potrebbe essere però la carta da giocarsi, qualora non si chiudessero altri accordi. In campo dovrebbe esserci anche il movimento Siciliani Liberi del docente universitario Massimo Costa, che presenterebbe come sindaco il docente Ciro Lomonte.

La nuova legge elettorale, votata dall’Ars in estate, ha indebolito notevolmente il peso politico di chi, come Leoluca Orlando, ha sempre fatto il battitore libero, lontano dai partiti e dagli alleati. A questo bisogna aggiungere l’incognita rappresentata dal Movimento Cinque Stelle che tutti considerano un competitor di primo piano, ma che è difficile da quantificare visto che intercetta un voto di protesta che spesso sfugge ai calcoli che si fanno nelle segreterie.

Insomma, un quadro frastagliato su cui pesano altri due elementi: il referendum costituzionale e le Regionali. Il referendum, infatti, rappresenterà uno spartiacque di non poco conto: la vittoria del ‘no’ destrutturerebbe l’attuale panorama politico, con conseguenze a cascata dal piano nazionale a quello locale, favorendo la corsa di chi, come Orlando ma anche come Fabrizio Ferrandelli, si presenta slegato dai partiti e punta a un voto di opinione, cavalcando l’onda su cui si muovono i grillini; la vittoria del sì invece consoliderebbe la leadership di Renzi e soprattutto il Pd, dando nuovo smalto al sistema dei partiti che a quel punto proverebbero a vendere cara la pelle con nomi di apparato. C’è poi da considerare che, se verranno rispettate le scadenze naturali, in primavera si voterà a Palermo e a ottobre per la Regione: il che significa che l’esito delle Comunali inciderebbe profondamente sui possibili equilibri per la corsa a Palazzo d’Orleans.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

60 Commenti Condividi

Commenti

    Ferrandelli è sostanzialmente il nuovo Sindaco di Palermo

    Di certo la candidatura più credibile è quella di Ferrandelli. Vedremo il programma che rende centrale in ogni sua uscita ma di certo appare molto cresciuto e maturo negli ultimi mesi . Questa volta avrà il mio consenso ed il mio sostegno

    ferandeli difficilmente sarà Sindaco, per quanto si presenti bene, attivo e giovan, ma chiunque si presenterà con allé spalle i soliti vecchi tromboni ( di destra e di sinistra) e destinato a perdere.

    Destra e sinistra per vincere dovrebbero cancellare 20 nomi ciascuno dei loro vecchi dirigenti. ( scoma, cracolici, cascio, & co. Non li vuole più sentire nessuno)

    Sicuramente voglio aspettare di leggere il programma e vedere chi sarà il candidato del m5s, ma si può dire che Ferrandelli rappresenta un’ottima occasione per questa città. Ha dimostrato di non essere disposto a scendere a compromessi con le sue dimissioni e di saper ascoltare la città. Ho apprezzato molto il fatto che sia venuto alla festa del nostro movimento mentre un’intera classe politica non fa altro che offendere!!

    Povera Palermo – Povera Sicilia… nulla di nuovo all’orizzonte, sembra essere una dannazione.

    Per dignità sicuramente lo è!!!!

    In un clima di incertezze e di volontà di rinnovamento, l’unico che mi convince é FERRANDELLI, con una storia chiara pulita onesta, pronto a governare quel che resta di questa città. Ci vogliono onestà e competenza e l’una supporta ‘altra mentre i 5stelle gridano e non sanno da dove cominciare.

    Mamma mia cast da film horror. Come si dice in questi casi “megghiu tintu accanosciuto…”

    Caterina Chinnici…non si può sentire…ancora loro?…con tutto il rispetto per i loro parenti uccisi…

    Allo pseudo nuovo che avanza, al movimento 5 stelle che rappresenta confusione, approssimazione, opacità, voterò sicuramente Fabrizio Ferrandelli ed i coraggiosi. Voterò Ferrandelli principalmente perché è stato l’unico a dare un segnale di rottura con il vecchio concetto di politica divertendosi addirittura da deputato regionale, rinunciando a più di 10mila euro al mese, altro che annunci di riduzioni di stipendio grilline

    Io sono per il M5S, ma concordo con te,Quashai…Fabrizio ha da vendere dignità, educazione e rispetto per tutti…

    Sostanzialmente una battaglia a 3 per il Comune:Ferrandelli,Orlando ed il M5S.
    I partiti prenderanno solo batoste.Possono provare a salvare parte della loro compagine camaleonticamente,ossia con liste “civiche” collegate ai primi due.

    Fabrizio è un grande!!!

    Fabrizio…u tintu canusciutu mi sembra un pò esagerato…rimanere come siamo..no

    Io spero in un giovane competente e che conosce la città come Alessandro Aricò

    Tutti con il ciuffo sono!!! Omologati!

    Dipende da quanto si mobiliteranno i vecchi galoppini della politica palermitana, i procacciatori di voti che sanno muoversi nella “pancia” delle borgate palermitane.
    Se l’affluenza sarà scarsa vinceranno i grillini, ma se si mette in moto il voto clientelare,
    i 5 stelle o gli altri outsider riempiranno le piazze, ma sono destinati alla sconfitta.

    Ferrandelli “non vuole partiti, simboli o collegamenti con la classe politica attuale?” Ma se sono mesi che corteggia Forza Italia, portò pure il succo di frutta a Figuccia.

    Marco…l’intera classe politica è vastasa…

    Secondo me invece i partiti, grazie alla nuova legge elettorale approvata (mica sono stupidi) potrebbero favorire candidati come Ferrandelli che partono in oggettivo svantaggio sul voto di opinione rispetto a 5 stelle e Orlando. Il fatto che abbiano ripristinato l’effetto trascinamento delle liste infatti penalizza chi come i 5 stelle o Orlando (sempre che non trovi l’appoggio del PD) non potrà contare su liste numerose e forti al consiglio comunale.

    Ferrandelli è il più credibile! L unica occasione di rinascita x palermo! Conosce la macchina amministrativa, non è legato a sovrastrutture ed è quindi libero di agire scegliendo il meglio senza sottostare a logiche di partito, è giovane con idee giovani e voglia di fare ed è onesto!!e poi onestamente tutti di tutti gli altri non se ne può più !! Sempre gli stessi nomi che non hanno MAI fatto nulla!! Tranne i grillini x carità ma sanno governare? Se vediamo come governa la raggi direi di no! Hanno bisogno ancora di un po d esperienza! Dunque voterò Ferrandelli!

    Ferrandelli, l’ennesimo Crocetta.

    Spero davvero che la gente riconosca di aver sbagliato e che dia fiducia a Ferrandelli, a mio avviso l’unico degno di sedersi su quella poltrona che possiede l’entusiasmo, la passione e l’amore giusto per svolgere questo compito

    Il problema non è Ferrandelli ….. ma chi c’è dietro…..

    A mio avviso in molti ragionamenti vi è un errore di fondo.

    Sia a destra che a sinistra i vertici locali, sapendo che i loro nomi e le loro facce non li può più ne vedere ne sentire nessuno stanno cercando un nome ed un viso che non provochi il voltastomaco.

    Indipendentemente dal candidato, per es. Ferrandelli che tra tutti è quello che suscita più simpatia, avranno dietro a sostenerlo i soli Tromboni della politica, e questo la gente lo capisce subito, pertanto non serve solo un nome spendibile, serve anche un gruppo alle spalle che non abbia rovinato la sicilia (o Palermo) negli ultimi 20 anni; è questo il difficile da realizzare

    Il PD con UDC E NCD non si può sentire. Ci vuole faccia e coraggio ha proporre una triade del genere.E’ ancora più coraggio a votarli. Se Palermo vuole svoltare, o almeno tentarci, deve cambiare radicalmente, o sarà punto e accapo.

    Tra le liste civiche, al di fuori dei partiti, non dovrebbe candidarsi anche Tony Troja? Da mesi porta avanti la lista SiAmo Palermo. Non lo conosco, e dubito possa avere un grande seguito (se si candida secondo me registrerà pochissimi voti), ma è comunque un altro candidato. Chi ne sa di più?

    ps: le ipotesi di candidature indicate nell’articolo a mio avviso sono di bassissimo profilo. L’unico salvabile è Orlando, che malgrado tutto ancora dimostra un minimo di abilità politica. Mio malgrado credo avrà il mio voto, anche se avrei preferito proposte nuove e con capacità superiori.

    Chiedo scusa, perchè il mio commento non è stato pubblicato?
    Ho scritto più di due ore fa

    Perché non si può scrivere che qualcuno citato con nome e cognome ‘ha venduto l’anima al diavolo per…’. E’ una proposizione contraria alle nostre regole di continenza. Se vorrà rimandarlo depurato di quel passaggio, o con quel passaggio espresso in un’altra forma, lo pubblicheremo. Affettuosi saluti.

    Roberto Puglisi, la ringrazio di cuore per avere risposto alla sig. Claudia ma, anch’io vorrei godere di questo privilegio. Con questo intendo sottolineare che, i miei commenti possono essere tutt’al più polemici ma mai offensivi intanto, sono numerosi quelli cestinati.

    Prego. Ma sono i lettori a decidere se i commenti saranno pubblicati oppure no. Scrivendoli. Affettuosi saluti.

    Regole di continenza? io avevo scritto a favore del M5S, non mi avete fato l’onore di pubblicarlo….devo pensare che come la RAI anche voi siete di parte? NO ! Allora? Grazie

    Votare PD? Mai e poi mai. Conviene votare per il movimento cinque stelle. Renzi vattene!

    Vero.Ma resta il fatto che Ferrandelli si è dimesso dall’ARS rinunciando a piu’ di 2 anni di stipendio. Cancelleri & Co. se ne guardarono bene dal seguirne l’esempio.

    Troverà moltissimi commenti a favore dei grillini nei nostri articoli. Saluti.

    Si certo, Fabrizio è un grande, infatti è del pd, di sinistra. Ma mi faccia il piacere!

    Io voterò M5S

    Direi che ad oggi, tra tutti Fabrizio Ferrandelli è l’unico che è un passo avanti rispetto agli altri e che ha tutte le carte in regola per dire l’ultima parola.
    Se non altro per la correttezza e la coerenza dimostrata nel luglio dello scorso anno, esattamente il 19 luglio, giorno della commemorazione del Giudice Paolo Borsellino, quando in netta contrapposizione con il Governo Crocetta, decise di dimettersi e di ritornare a fare il suo lavoro, pur di non essere complice di un sistema rappresentato solo da poltronisti e politici inefficienti ed immobili.
    Anche i tanto “onesti” 5 stelle sono rimasti lì a fare opposizione(?), ed incollati alle comode poltrone senza concludere granchè.
    Ecco, Fabrizio Ferrandelli ha dato l’esempio sperando che anche gli altri 89 seguissero il suo esempio.
    Guardate se uno, e dico uno, lo ha seguito.
    Anzi peggio.
    Oggi chi sparava a zero sul Governatore Crocetta, occupa posizioni di prestigio facendo una grande bella figura di uomo credibile e da sostenere alle prossime elezioni…

    Cancellieri e compani però hanno fatto opposizione, loro dicono… ( vegetando e portando a casa lo stipendio )

    Ma Lupo chi?
    Ma non trovate vergognoso che Giuseppe Lupo continui le sue ascese pensando solamente alle poltrone! Risulta peraltro noto a tutti che lupo appoggerebbe il Sindaco uscente al di là della decisione del candidato unico del PD .
    Certo con la solita logica conviene tentare tutte le carte prima il comune di palermo, poi le regionali ed infine le nazionali ! Caro lupo vista le tua inefficienza, a partire dagli assessori di facciata che hai voluto mettere, dai beni culturali al turismo, sarebbe bene che anche tu facessi le valigie, siamo tutti stanchi! PS complimenti per lo spessore politico-amministrativo dei due assessori che hai proposto . A casa

    Cioè il PD fa il nome di Lupo, uno lontano un miglio dalla gente, tutto compostino, senza dare confidenza. Povero PD già non aveva dove andare e così sarà peggio!

    Il Pd torni a sinistra, rompa con Udc e Nuovo Centro destra (che non ci azzeccano niente con il Pci di Pio La Torre), recuperi il rapporto con la sinistra e i movimenti e appoggi Orlando.
    Soltanto cosi’ il Pd potra’ recuperare la sua anima e la sua base.

    Ferrandelli poteva essere il nuovo e io lo avrei votato, ma avendo attivisti che cercano di prendersi i meriti degli altri no!!
    Ferrandelli butta via i ciarlatani che ti circondano che vanno in giro a fare video di cosa fatte da altri attribuendo a te il merito e poi sarai da me votato

    Su Ferrandelli come persona nulla da dire.
    Ma forse votarlo come sindaco perchè é giovane e si è dimesso dall’ars mi sembra un po’ eccessivo.
    Le dimissioni a ben guardare sono state un atto di azzardo più che di coraggio..

    Orlando, nel bene e nel male, qualcosa ha fatto per la città. Non si puó dire che non si sia impegnato per la Palermo anche con molti, troppi che per interessi vari remano contro.

    È certo che Orlando poteva fare di piú, ma é anche vero che non ci sono tanti scienziati e statisti all’orizzonte…

    Sarebbe meglio non votare ne per il sindaco ne per il consiglio comunale, fare una gara internazionale per affidare l’incarico di amministrare la città, a pagamento ma con contratto da verificare ogni 6 mesi. Abbiamo bisogno di efficienza e capacità per risollevare le sorti della città.

    Lupo? ma è un refuso tipografico?

    Lupo proviene dal sindacato CISL, come D’Antoni, Marini, Pezzotta, Bonanni, Carniti, Baretta. Informatevi su quanto sia oggi la loro pensione da dipendente pubblico o universitario beneficiando della Legge Treu, sommate anche quella da parlamentare nazionale, o europeo, o regionale. Alla faccia dei lavoratori del settore pubblico o privato che ancora dopo 41 anni non possono andare in pensione e molti non supereranno le 1300/1400 mensili.

    Il suo amato “Orlando” chiunque abbia un minimo di amore verso questa città,non solo non lo voterebbe più ma non lo vorrebbe più vedere neanche in fotografia dopo i disastri che ha compiuto, altro che ricandidarsi! E del resto dopo più di 40 di politica attiva,sarebbe opportuno che si facesse da parte perchè anche lui, fa parte di quelle facce espressione del passato! Ovviamente,il discorso vale pure per il suo fido Assessore Catania! Arrivederci ed a mai più (ovviamente,sto parlando solo dell’ambito politico).

    meglio nino u ballerino

    La lotta sarà ristretta tra Orlando e la candidata grillina. Gli altri sono candidati deboli sconfitti in partenza, compreso il povero Alfio Ferrandelli Marchini sostenuto da Micciche e Figuccia. Mi dispiace per i poveri coraggiosi che con nomi falsi commentano gli articoli inneggiando il loro leader. I lettori non sono stupidi e non cascano in questi giochini che facevano anni fa i forzisti quando parlavano di Silvio.

    L’articolo e le parole di Ferrandelli mi sembrano chiare. Ferrandelli non è il candidato del Pd. Il pd candida lupo !!

    A me pare piuttosto il contrario, mi sembra che da fi arrivino continue voci di apprezzamento e che Ferrandelli sia stato chiaro. Ascolterà tutti, farà il suo programma e capirà , alle sue condizioni, chi ci vorrà stare.

    Dietro Ferrandelli c’è sempre Ferrandelli , stavolta non mi pare che il giochino possa funzionare

    Avv. Greco Sindaco subito!
    Finalmente un volto pulito in città!

    Egregio Dr. Puglisi,ho letto solo adesso la sua risposta ad alcuni utenti e visto che il problema è stato sollevato, mi permetto di dire la mia. Non importa che mi pubblichiate il commento in questione ma che almeno, venga letto dalla redazione come spunto di riflessione. Qualche mese fà,anzi,ebbi pure modo di dirlo personalmente ad un suo collega di redazione ma la risposta che mi diede fu un pò generica:insomma,non si volle sbilanciare forse per comprensibile rispetto verso gli altri colleghi. Ho constatato pure io, come stanno adesso facendo notare altre persone,che ci sono commenti che non vengono pubblicati nonostante non rechino affatto offese personali,accuse,insinuazioni o elementi discriminanti su razza,sesso,religione,etc… Quindi sarebbe opportuno che chi svolge il ruolo di moderatore sia sempre imparziale e non si lasci coinvolgere nel decidere se pubblicare o meno un commento,dalle proprie opinioni politiche o simpatie personali, altrimenti si ricadrebbe nella censura bella e buona. Aggiungo pure che le regole di continenza di cui ha parlato, non sempre in passato sono state rispettate appieno e le fornisco pure l’esempio: nella sezione sportiva,dove infatti non leggo e non scrivo più alcun commento perchè ne ero oramai nauseato,quando c’erano articoli sul Palermo o il Catania mi è capitato di leggere offese molto pesanti agli utenti o alle tifoserie ed alle città:se la regola c’è,allora dovrebbe valere sempre a prescindere dall’argomento trattato. Non intenda questo commento in senso polemico, ma solo come uno stimolo per far meglio. Con immutata stima,per il vs lavoro…

    Per Ferrandelli e per i mille nickname dei suoi sostenitori vale lo stesso motto di cinque anni fa: “sondaggi on-line pieni, urne vuote”.

    Ricordo male oppure alle ultime Comunali il Fermanelli si presentò con una lista civica, salvo poi accasarsi con il Pd per le Regionali?
    Scrivo questo per rispondere a chi si chiede chi c’e’ dietro il Ferrandelli, novello saltimbanco.

    IO NON VOTERO’ NESSUNO DI QUESTI PERSONAGGI E SPERO CHE LA MAGGIORANZA DEGLI ELETTORI FACCIA LO STESSO, DALLA PADELLA ALLA BRACE.

    Fermi tutti, è arrivato Palermo è bella…. lascia Palermo ai palermitani, tu e il buon professore che già l’ha distrutto abbastanza. (Itivinni).

    Non solo è arrivato,ma si è anche autovotato 5 volte magari utilizzando tutti i mezzi a propria disposizione oppure ha fatto votare qualche amico o familiare… Infatti,sappiamo benissimo tutti che il consenso che ha adesso Orlando,ha un valore quasi piatto!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *