Convegno Pd all'ospedale Cervello | "Questa è campagna elettorale” - Live Sicilia

Convegno Pd all’ospedale Cervello | “Questa è campagna elettorale”

L'evento, a 9 giorni dal referendum, è organizzato dal gruppo dell'Ars. Presente la capogruppo Anselmo (e il padre), Gucciardi e Digiacomo.

21 Commenti Condividi

PALERMO – Il tema del convegno riguarda l’organizzazione e la formazione del “Sistema salute”. Ma anche il volantino che lo ha annunciato, affisso sui muri dell’ospedale Cervello ne ha svelato la sua “natura”: un convegno politico, in realtà, visto che, come il logo dimostra, è stato organizzato dal gruppo parlamentare all’Ars del Partito democratico.

Il volantino dell'evento (clicca per ingrandire)

E in effetti, ad aprire i lavori è stato il capogruppo Dem, Alice Anselmo, nell’Aula magna dell’ospedale palermitano, dando vita a un primo dibattito moderato da Aurelio Anselmo. Non è un caso di omonimia. Aurelio è il padre di Alice, è un docente universitario, così come la figlia-capogruppo, ed è presente al convegno in qualità di presidente dell’Aida (Associazione Internazionale di Diritto delle Assicurazioni). Il dibattito ha previsto anche la presenza del rettore di Palermo Fabrizio Micari e del suo predecessore Roberto Lagalla, entrambi avvistati in occasione delle Leopolde sicule di Davide Faraone, oltre al manager del Policlinico Renato Li Donni e al presidente della commissione Sanità, anche lui deputato Pd, Pippo Digiacomo.

 

Ma a far discutere è anche la “tempistica”. Il convegno di partito, dentro una struttura pubblica, a nove giorni dal voto referendario, ha fatto saltare sulla sedia il Movimento cinque stelle che ha annunciato una interrogazione urgente alla Camera dei deputati. “Mi ero illusa – ha detto la deputata Giulia Di Vita – che la professionalità dell’ospedale Cervello fosse garantita anche nella serietà delle scelte apolitiche e invece pare proprio di no. Un convegno – si chiede la parlamentare – su come valorizzare i professionisti e dare valore al sistema? Immagino che parleranno degli stessi professionisti che continuano a chiedere senza essere ascoltati il contratto cui hanno diritto, un piano sanitario regionale e un organico che non faccia arrancare le strutture sanitarie siciliane. Il Pd – conclude la deputata – è in piena campagna elettorale e nessun luogo, neanche quelli che non dovrebbero avere colore politico, sono esonerati dal contagio. Ho interrogato il ministro sul caso. Gli ospedali non sono una sede di partito”.

E critiche giungono anche dal sindacato dei medici ospedalieri Cimo: “E’ da stigmatizzare – fa sapere il sindacato – che durante una campagna elettorale, per una manifestazione promossa da un partito, qualsiasi esso sia, si occupino spazi di un’azienda sanitaria pubblica al solo fine di ottenere una visibilità ad altri negata. Con ciò approfittando – prosegue il Cimo – di una posizione di potere che gli consente questa indebita occupazione (a titolo gratuito? ) e camuffando da manifestazione scientifica quella che ha tutto il sapore e l’aspetto di una manifestazione politica. Neanche durante la prima repubblica – conclude il sindacato – si era arrivati a tali modalità  di ostentazione superando livelli di decenza istituzionale”.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

21 Commenti Condividi

Commenti

    Non è questione o meno di disperazione, non si può fare perchè è illeggittimo!
    Art. 9 comma 1 della legge 22 febbraio 200, n. 28. E’ FATTO DIVIETO ALLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE DI FARE ATTIVITA’ DI COMUNICAZIONE IN QUESTO PERIODO.
    C’è pure una bella circolare del Ministero dell’Interno del 7 ottobre 2016 e una nota della Prefettura di palermo inviata a tutte le amministrazioni pubbliche.
    E dovrebbe valere anche per loro….

    Insomma non va bene niente, non vedo la stranezza.

    e certo! e lo stesso è per la pomposa manifestazione Stati generali del turismo! tale e quale, campagna elettoralissima

    Non sanno più cosa inventarsi.Speriamo passino presto questi quindici giorni. E prepariamoci all’assalto finale. Speriamo perdano!

    I piddini…Uomini e donne al di sopra di ogni sospetto, baluardi di legalità’ e senso delle istituzioni…ma per favore!

    Ditegli si e poi votate NOOOOOOOOOO. Perderanno le poltrone.

    ma che disperati e disperati, la anselmo e amica di gucciardi, e cercano in tutti i modi di aiutarla per le prossime elezioni e sicuramente verra eletta. si alla circoscrizione.ahahahahahaha

    Non sono mai stato un estimatore di Cuffaro ne del centrodestra,però se queste cose le avessero fatte loro sarebbero intervenuti i caschi blu dell’Onu e la sinistra avrebbe gridato al voto di scambio e alle denunce in procura.

    Vabbe’ la compagna Anselmo (di sicura fede) può.

    E domani grande show all’ospedale dei bambini! Per l’occasione ripulito dal direttore Migliore per accogliere il ministro Lorenzin che viene a fare propaganda per il si! Signor Ministro domani troverá tutto perfetto…..poi ripiomberemo nello schifo di ogni giorno.

    non va bene affatto. La politica si fa nelle sedi opportune, di sicuro non negli ospedali e neanche una settimana prima di una elezione. La potevano fare senza simboli di partito giorno 5-6-7-8-9-10 dicembre, evidentemente fatta dopo non sarebbe servita a niente.

    Meschina ostentazione di potere, inopportuna e irrispettosa della pluralità delle forze politiche.
    Oltretutto, vantano la difesa della sanità pubblica a chiacchiere, mentre nei fatti la stanno logorando gradualmente, lentamente.
    Basta entrate all’interno dell’area di Pronto soccorso e osservare con quale rassegnazione sono costretti a vivere utenti e operatori; vengono in mente le pitture storiche di un lazzaretto. Vergogna.!

    Ben detto! sono peggio dell’era Cuffaro

    sicuro ma sicuro sicuro.ahahahaha

    a maggior ragione il 4 dic occorre votare un bel NO!

    pomposa? quella è ridicola, a cominciare dal nome!

    Ma in ospedale ci si può ancora andare senza tessera del pd?

    Di Giacomo immaginavo non commettesse una tale poco signorile scivolata di natura tutta politicante e adatta solo a soggetti contemporanei di Scilipoti pensiero.

    …puoi tesserarti lì, in tempo reale

    Vergogna che squallore morale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *