Perl, un debutto da favola: | "A Capo posso imparare tanto" - Live Sicilia

Perl, un debutto da favola: | “A Capo posso imparare tanto”

Il giovane giocatore ungherese, autore di una grande prova all'esordio contro Cantù con i canestri decisivi nel finale, ammette di essere pronto a migliorare in ogni allenamento e in ogni partita sotto la guida di coach Griccioli.

basket - serie a
di
0 Commenti Condividi

CAPO D’ORLANDO (MESSINA) – L’esordio stagionale l’ha risolto lui, con una giocata da circo a pochi secondi dallo scadere. Zoltan Perl, con i piedi sul parquet e un pallone tra le mani, dimostra ben più dei vent’anni certificati dalla carta d’identità. Nella sua prima partita in Serie A con l’Orlandina lo ha dimostrato, giocando da veterano e trovano punti fondamentali per la prima vittoria in campionato contro Cantù. La guardia ungherese, dal canto suo, evita di ingigantire quanto fatto e pensa a migliorarsi agli ordini di coach Griccioli: “Credo di essere un normale ventenne, niente di speciale – ha dichiarato Perl al sito ufficiale dell’Orlandina – in campo però sono davvero ambizioso. Voglio sempre migliorare in ogni allenamento e in ogni partita. Fuori dal campo penso di essere un ragazzo socievole, non molto loquace, ma mi trovo bene con i compagni e con la gente del posto”.

Per il giovane Zoltan non è solo la prima esperienza all’estero. Si tratta anche della prima esperienza fuori dalla sua città d’origine, dove è nato e cresciuto non solo come persona, ma anche come giocatore di basket: “Sono nato in Ungheria, a Szombathely, città a ovest vicino al confine con l’Austria. Ho iniziato a giocare a basket lì quando avevo otto anni. Ho giocato per un solo club in carriera prima di questa stagione. Ho fatto parte della prima squadra per due anni e mezzo, la passata stagione sono stato nominato capitano e per me è stato un onore”.

In estate, la svolta. Perl arriva a Capo d’Orlando per una serie di provini e ruba subito la scena a tutti. L’occhio lungo del ds Sindoni, che aveva già il suo nome nel proprio taccuino, e il via libera di coach Griccioli hanno fatto sì che per la guardia proveniente dallo Szombathely arrivasse un contratto da firmare: “Sono arrivato la prima volta a Capo a maggio, ma non ho avuto tempo per visitarla. Ora ho potuto e mi piace tanto la città, davvero bella. Non è un problema per me che sia una piccola città, in Ungheria vivo in un piccolo centro vicino la città, Capo anzi è grande. Qui la gente poi è molto gentile”.

Il suo impatto col basket italiano è stato senza dubbio positivo. Questo perché, tra le altre cose, la pallacanestro della Serie A si adatta al meglio alle sue caratteristiche: “Mi piace la pallacanestro italiana, il modo in cui le squadre giocano qui. È un basket veloce, mi trovo bene perché questo è uno dei miei punti di forza. Mi piace il gioco di squadra, ovviamente sono giovane e dovrò migliorare, ma questa è la ragione per cui sono qui. Posso imparare tanto dagli allenatori e dai giocatori più esperti. So che la Serie A è un ottimo campionato con tante grandi squadre e ogni gara sarà tosta, ma anche noi siamo una buona squadra e daremo tutto in ogni gara, cercando di vincerne il più possibile. Spero che al termine della stagione avremo tanti ricordi stupendi insieme”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *