Petralia, tempi lunghi in ospedale | M5s: "L'assessore Razza intervenga" - Live Sicilia

Petralia, tempi lunghi in ospedale | M5s: “L’assessore Razza intervenga”

Presentata un'interrogazione a firma del deputato pentastellato Siragusa.

SANITÀ
di
0 Commenti Condividi

PALERMO – Il deputato regionale del Movimento 5 Stelle, Salvatore Siragusa, ha presentato all’Ars un’interrogazione all’assessore alla Sanità Ruggero Razza e al presidente della Regione Nello Musumeci per “evidenziare la carenza di personale e i disagi per i pazienti all’ospedale Madonna Ss. dell’Alto di Petralia Sottana”. “Sono molteplici le segnalazioni di disservizi e inefficienze – spiega Siragusa, assieme agli altri componenti della commissione Sanità, Francesco Cappello, Antonio De Luca e Giorgio Pasqua – anche confermate dai mezzi di informazione. Nel presidio ospedaliero persiste infatti, da tempo, una carenza di personale medico e di altre figure sanitarie. Le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti: dai soli dati di maggio 2019 emergono liste d’attesa dilatate all’infinito, con tempi inaccettabili per l’erogazione dei servizi sanitari. Per esempio, servono 220 giorni per una visita cardiologica o un ecocardiogramma, 250 per un’ecografia; 300 per un eco color doppler. Ed è dei giorni scorsi la notizia di un blitz del Nas dei Carabinieri di Palermo per accertare anomalie nella gestione del reparto di Ginecologia e Ostetricia”.

Siragusa e tutto il gruppo parlamentare del M5S chiedono a Musumeci e a Razza, “se siano a conoscenza della situazione e quali soluzioni intendano adottare per tutelare il diritto alla salute dei cittadini e contrastare la grave situazione di inefficienza che, ad oggi, farebbe pensare all’avvio di un depotenziamento della struttura”.

(ANSA)


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *