Pogliese: "Occorre tutelare |imprese e lavoratori" - Live Sicilia

Pogliese: “Occorre tutelare |imprese e lavoratori”

Secondo l'eurodeputato "occorre salvaguardare i diritti dei lavoratori del Consorzio, preoccupati per i ritardi nel pagamento degli stipendi e il futuro lavorativo di 50 di loro, ma nel contempo tutelare le aziende agricole etnee".

la nota
di
0 Commenti Condividi

CATANIA – “La situazione del Consorzio di Bonifica 9 non è più sostenibile e necessità di un pronto intervento della Regione siciliana, fino ad ora rimasta cieca e sorda, innanzi ad una problematica che danneggia sia i diritti dei lavoratori del Consorzio sia gli imprenditori agricoli etnei ridotti letteralmente senz’acqua nel periodo più caldo dell’anno.”. Lo dichiara l’on. Salvo Pogliese, parlamentare europeo di Forza Italia-PPE, intervenendo sulla difficile situazione che sta vivendo il Consorzio di Bonifica 9 i cui lavoratori sono in stato di agitazione da settimane.

“Occorre salvaguardare i diritti dei lavoratori del Consorzio, preoccupati per i ritardi nel pagamento degli stipendi e il futuro lavorativo di 50 di loro, ma nel contempo tutelare le aziende agricole etnee – continua l’europarlamentare – che in un periodo cruciale dell’anno hanno necessità del perfetto funzionamento dei canali e delle reti di distribuzione idrica vitali per le colture.”.

“Il governo Crocetta – conclude Pogliese – invece di perdere tempo, ancora una volta, ad immaginare fantasiosi golpe di massonerie e servizi deviati si occupi, per una volta, di un concreto problema: metta finalmente mano ad un riordino della bonifica e garantisca le funzionalità dei Consorzi affrontandone l’enorme indebitamento e garantendo nel contempo i diritti dei lavoratori.”.

0 Commenti Condividi

Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *