Provocò incendio boschivo, arrestato piromane 82enne - Live Sicilia

Provocò incendio boschivo, arrestato piromane 82enne

Aveva appiccato il rogo nel bosco di Casaboli
NEL PALERMITANO
di
2 Commenti Condividi

PIOPPO – I carabinieri della stazione di Pioppo hanno eseguito una ordinanza di custodia cautelare, emessa dal Giudice per le Indagini preliminari di Palermo su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di un 82enne monrealese, ritenuto responsabile di incendio boschivo e già noto alle forze dell’ordine per fatti analoghi.

I fatti contestati

L’attività investigativa dei militari dell’arma ha consentito di individuare nell’odierno indagato il responsabile dell’incendio appiccato, il 17 agosto 2020, in località “Casaboli” del comune di Monreale, che divampando per oltre 24 ore ha causato la distruzione di 85 ettari di area boschiva. L’arrestato, è stato ristretto nella propria abitazione in regime di arresti domiciliari, il reato di cui risponderà prevede una pena fino a dieci anni di reclusione.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Ed i motivi per cui lo ha fatto? Anzicchè i domiciliari che sono del tutto inutili vista anche l’età andrebbe invece aggredito il suo patrimonio per risarcire la Regione Siciliana, il Comune di Monreale ma soprattutto la natura. Fateci caso, i piromani in Italia non pagano mai pecunariamente anzi loro stessi così come è successo più volte chiedono al giudice tramite i loro legali pene esclusivamente detentive magari anche pesanti pur di non uscire denaro per pagare i risarcimenti.

    certa gente è “malata” il vizio di appiccare il fuoco cesserà solo con la loro naturale dipartita. Di certo a 82 anni oramai avrà lasciato tutto a figli e/o parenti, comunque mi rifarei su di loro se ha donato qualcosa entro i 10 anni dall’arresto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.