Picchiati due adolescenti gay | "Ognuno ha diritto alla sua vita" - Live Sicilia

Picchiati due adolescenti gay | “Ognuno ha diritto alla sua vita”

I due ragazzi erano su una panchina di Villa Giulia

Palermo
di
12 Commenti Condividi

PALERMO – Due ragazzini di 15 e 16 anni sono stati aggrediti a Palermo, mentre chiacchieravano su una panchina di Villa Giulia, perché gay. Lo scrive il Giornale di Sicilia. Chiamata la polizia, uno dei due giovani ricorda oggi che era seduto col suo ragazzo “quando gli aggressori, dal nulla, si sono avvicinati, provocandoci. Io ho detto al mio ragazzo di ignorali, pensando che se ne andassero. Invece si sono avvicinati aggredendoci fisicamente. A me hanno sferrato un pugno in bocca e uno in faccia e un colpo di casco in testa; a lui un pugno nella faccia. Abbiamo contattato la polizia consegnato il numero di targa del mezzo di uno degli aggressori. I sanitari del 118 ci hanno portato all’ospedale Buccheri La Ferla alle 19, e siamo usciti a mezzanotte”. “Queste persone – conclude – non devono passarla liscia. Ognuno ha diritto alla propria vita e nessuno può permettersi di calpestare gli altri”.

(ANSA).


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

12 Commenti Condividi

Commenti

    E’ intollerabile che nella Capitale sia della Cultura che dell’Accoglienza e riconosciuta come tale in tutto il mondo avvengano questi gravissimi atti di intolleranza sessista o razziale che creano anche un irreparabile danno d’immagine alla Città. Che intervenga subito e con forza il Sindaco.

    E son stati fortunati che in questo periodo c’è meno ressa nei pronto soccorsi. Entrare alle 19 e uscire a mezzanotte è quasi un record.

    Riconosciuta come tale in tutto il mondo? ahhah, Orlando deve intervenire x cosa? la tutela dell’ordine pubblico e della sicurezza non attiene al Sindaco bensì al Prefetto, al Questore ed alle Forze dell’ordine agli stessi facenti capo

    Aggressione da condannare ma non avvenuta perchè omosessuali.

    Capitale sia della Cultura che dell’Accoglienza? Ma spara meno balle.

    Stabilire le motivazioni è compito delle autorità preposte.
    Polizia giudiziaria e magistratura

    da stabilirsi nelle rispettive sedi civile e penale

    se il signor Fabio sa che l’aggressione non è scaturita da intolleranza sessista o razziale dovrebbe andare dalle autorità preposte ad esporre le sue argomentazioni cosi da aiutare le indagini, se la sua è solo un considerazione personale, credo che sarebbe meglio tenersela per se

    sei comico giacomo.. ahahah ottima cultura, cucinala con aglio , erba cipollina prezzemolino, con contorno di stigghiole ,arancine etc

    giustizia!!!, è una mia considerazione personale non la tengo x me.

    massimo.certo stabile la condanna oppure assoluzione spetta alla magistratura nell’ eventuale processo nei 3 gradi di giudizio oltre motivazioni Ho espresso la mia opinione dove non do x scontato che l’aggressione sia avvenuta x orientamento sessuale ma solita maleducazione,inciviltà questo chiaramente lo decide la magistratura.

    Non credo alle aggressione cosiddette “omofobe” se non confermate dal terzo grado di giudizio della magistratura cioè la cassazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.