Regolamento per i mercati generali| Primo sì in commissione - Live Sicilia

Regolamento per i mercati generali| Primo sì in commissione

"La commissione Attività produttive da me presieduta - dice Paolo Caracausi (Idv) - ha dato ieri parere favorevole al nuovo regolamento dei mercati generali, che presto approderà in consiglio comunale". Sala (Mov 139): "Diverse modifiche al testo di Di Marco".

comune
di
1 Commenti Condividi

PALERMO – “La commissione Attività produttive da me presieduta – dice Paolo Caracausi (Idv) – ha dato ieri parere favorevole al nuovo regolamento dei mercati generali, che presto approderà in consiglio comunale. Un regolamento fondamentale per garantire il funzionamento del mercato ittico e del mercato ortofrutticolo, ma soprattutto la legalità in due siti in cui troppo spesso la criminalità organizzata ha prosperato. Abbiamo più volte chiesto l’avvio di alcuni lavori urgenti, specie all’ortofrutticolo, ma siamo rimasti inascoltati”.

Il nuovo regolamento prevede la nomina di un direttore, il confronto con le associazioni di categoria, rigidi protocolli sanitari e un ampliamento dei servizi per gli operatori commerciali. “Il consiglio comunale adesso approvi al più presto il regolamento – conclude Caracausi – mentre l’amministrazione ci dica finalmente se intende spostare i mercati oppure no”.

“Al testo della delibera dell’ex assessore Di Marco – dice Toni Sala del Movimento 139 – abbiamo aggiunto il servizio di facchinaggio autonomo, la possibilità per i commercianti di vendere i prodotti a chilometro zero, la sospensione dell’attività da uno a quindici giorni in caso di violazione ripetuta delle regole, l’assegnazione degli stalli tramite sorteggio a parità di punteggio, più casi di revoca della concessione alla luce delle problematiche legate alla criminalità organizzata, specie dopo quanto accaduto all’ortofrutticolo. La gestione dei mercati sarà improntata su criteri di economicità e potrà essere diretta, indiretta o mista. In caso di decesso del titolare, la concessione potrà essere assegnata agli eredi solo se in possesso dei requisiti o se in grado di conseguirli entro dodici mesi. E’ importante – conclude Sala – che questo regolamento venga al più presto approvato dall’aula per dare un’immediata risposta in merito alle gravi vicende che hanno coinvolto il mercato ortofrutticolo”.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Se tutto viene regolamentato bene,merce fatturata etc etc si vedranno meno venditori abusivi e piu’ venditori con partita iva. Inoltre bisogna bloccare la vendita a cielo aperto sentenza corte di cassazione ,a Palermo questa sentenza non si fa rispettare perche? La merce venduta agli angoli delle strade si impregna di benzene polveri sottili smog NUOCE GRAVEMENTE ALLA SALUTE.Non capisco come mai il Ministero della salute non pubblicizza questa situazione e non capisco come mai le forze dell’ordine non intervengono per fare rispettare la sentenza.Mi domando ma in che mondo viviamo……….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *