Scene da far west a Bergamo | Denis e Tonelli i protagonisti - Live Sicilia

Scene da far west a Bergamo | Denis e Tonelli i protagonisti

Rissa clamorosa tra l'attaccante argentino e il difensore, al termine della sfida terminata in parità tra Atalanta ed Empoli. E a seguire i due club si attaccano a vicenda.

calcio - serie a
di
0 Commenti Condividi

BERGAMO – Storie di un calcio che smette di essere un gioco, o comunque uno sport, e sfonda i confini della normalità per scadere nell’indecenza. Il tutto accade a Bergamo, nei minuti finali della sfida tra Atalanta ed Empoli. German Denis ha appena realizzato, di testa e in mischia, la rete del definitivo 2-2. Lorenzo Tonelli non deve aver preso bene la segnatura del bomber atalantino, e dopo il triplice fischio finale scoppia la rissa. Stando alle indiscrezioni provenienti da chi era nei pressi del luogo del misfatto, sarebbe stato il difensore empolese a provocare El Tanque, il quale ha però reagito nel peggiore dei modi, cioè attendendo Tonelli in compagnia del compagno di squadra Carmona e colpendolo con un pugno, provocando la rottura del setto nasale. Una situazione che gli addetti all’impianto bergamasco hanno provato a sedare in qualche modo, spegnendo le luci degli spogliatoi per non rendere visibile l’accaduto. Una volta calmati gli animi sono partite le accuse, una specie di fuoco incrociato che ha visto tutto l’Empoli inveire pubblicamente contro Denis, e di contro il dg dell’Atalanta Marino all’attacco di Tonelli e dei suoi modi poco cavallereschi. L’unica cosa certa è che il Giudice Sportivo ha preso nota di tutto e in settimana scatteranno provvedimenti non certi dolci per i due protagonisti di una vicenda troppo brutta per essere accostata ad un gioco e a uno sport.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *