Il sindaco e lo sciopero della fame| "Sto bene, lo faccio per i precari" - Live Sicilia

Il sindaco e lo sciopero della fame| “Sto bene, lo faccio per i precari”

Il primo cittadino Paolo Garofalo da nove giorni rifiuta il cibo per sostenere la lotta dei precari. "Le mie condizioni sono ancora ottime".

Enna
di
0 Commenti Condividi

ENNA – Prosegue lo sciopero della fame del sindaco di Enna Paolo Garofalo che da nove giorni rifiuta il cibo per sostenere la lotta dei precari. “Rassicuro chi ha a cuore la mia salute che nonostante sia sceso sotto di cinque chili le condizioni sono ancora ottime”, dice il sindaco sul suo profilo facebook rispondendo ad una lettera di una precaria, Rosalia Savarino di San Biagio Platani che ha iniziato anche lei lo sciopero della fame. “Non mi fermo perché sono stanco di interventi tampone e dopo il 31 dicembre, data della scadenza dei contratti per i precari, – dice – già dall’uno gennaio bisogna lavorare per garantire un futuro dignitoso a questi lavoratori”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *