Scopello, la guerra della Tonnara | Il Tar: "Stop al libero accesso" - Live Sicilia

Scopello, la guerra della Tonnara | Il Tar: “Stop al libero accesso”

La Tonnara di Scopello

I giudici hanno accolto il ricorso di uno dei proprietari contro la delibera del comune

Castellammare di Golfo
di
4 Commenti Condividi

PALERMO – La tonnara di Scopello torna ai suoi proprietari. Il Tar di Palermo, dopo aver sospeso l’ordinanza con la quale l’amministrazione comunale di Castellammare del Golfo aveva stabilito il libero accesso all’area, ha accolto anche nel merito il ricorso della Comunione Tonnara di Scopello&Guzzo, difesa dall’avvocato Gaetano Armao, e di uno dei proprietari del bene, difeso dall’avvocato Giovanni Puntarello. Il complesso monumentale, sottoposto a vincolo dalla Soprintendenza, tornerà dunque ad essere gestito dalla comunione dei comproprietari, che potranno limitare e regolare l’accesso alla tonnara attraverso un cancello pedonale ed il pagamento di un ticket.

L’ordinanza del comune impugnata, si legge nelle motivazioni della difesa riportate nella sentenza, ”muove dall’erroneo presupposto che tra l’area di proprietà della ricorrente ed il mare insista un’area demaniale alla quale deve essere garantito l’accesso”. Secondo l’avvocato Puntarello ”nessuna porzione di demanio esiste, in conseguenza del provvedimento di sdemanializzazione del 1874”, quando lo Stato Italiano alienò l’intera area in questione fino al mare. Una circostanza confermata, secondo il legale, ”dallo stesso Comune” che con la delibera puntava ”all’esproprio delle aree di cui si assume la demanialità”.

Una posizione accolta dai giudici amministrativi. Secondo i quali non risulta ”comprovata, ai fini dell’esercizio del potere esercitato, la sussistenza di un’area di demanio marittimo e di una baia antistante i faraglioni il cui accesso deve essere garantito liberamente dalla strada privata”, si legge nella sentenza. Ma è tutto. Il Tar ha ritenuto illegittimo il provvedimento del comune di Castellammare anche per ”violazione” delle disposizioni del Codice dei Beni culturali. Essendo la Tonnara sottoposta a vincolo monumentale e a tutela paesaggistica, per la fruizione dei beni culturali privati ”le modalità di visita sono concordate tra il proprietario e il soprintendente, che ne dà comunicazione al comune e alla città metropolitana nel cui territorio si trovano i beni”. Il provvedimento impugnato, scrivono i giudici nella sentenza, ”sul presupposto di dover garantire il libero accesso al mare, incide comunque sulla fruizione del bene culturale, senza l’adeguato e completo coinvolgimento della competente Sovrintendenza e per di più imponendo l’installazione di recinzioni con inaccettabile modifica dello stato dei luoghi”.

Un sentenza che ”ha messo la parola fine alla vicenda in questione. I proprietari, infatti, hanno sempre sostenuto che l’area in questione avesse natura di proprietà privata”, afferma il legale Puntarello. “Risulta così pienamente accolta la difesa dei ricorrenti che avevano sostenuto la radicale illegittimità dei provvedimenti comunali”, è il pensiero dell’avvocato Gaetano Armao, difensore della Comunione Tonnara di Scopello&Guzzo e di alcuni comproprietari.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI
4 Commenti Condividi

Commenti

    Mai una decisione di buon senso che soddisfi le aspettative dei cittadini.

    Sono favorevole alla pubblica fruizione della tonnara. Tuttavia, le “decisioni”, come lei le chiama, non vengono prese per buon senso o per compiacere il cittadino. Vengono adottate contemplando il quadro giuridico e giurisprudenziale.
    Si chiama diritto, in quel modo si chiamerebbe caos e incertezza.

    Mi scusi, se lei fosse al posto dei proprietari tollererebbe un’invasione di estranei a casa sua? Suvvia

    Meglio così, altrimenti diventava una nuova bellolampo.

    Brutta cosa l’invidia, anche quella pubblica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.