Sicilia, un mese fa il voto ma lo scrutinio è ancora fermo - Live Sicilia

Sicilia, un mese fa il voto ma lo scrutinio è ancora fermo

Manca ancora il risultato di 48 sezioni. A Messina sfida per l'ultimo seggio
REGIONALI
di
3 Commenti Condividi

PALERMO – Il sito che la Regione Siciliana dedica al risultato elettorale ha un contatore ancora impietosamente fermo al 25 settembre: “Risultati provvisori degli scrutini, 5.250 sezioni su 5.298”. A quasi un mese dalla vittoria di Renato Schifani alle elezioni regionali, la composizione della nuova Ars resta ancora in bilico. Alcune province, come quella di Palermo, hanno proclamato gli eletti a Sala d’Ercole ma i problemi rilevati sui verbali da alcuni tribunali, chiamati a convalidare l’esito elettorale, stanno rallentando la macchina per l’insediamento del futuro parlamento regionale. Nelle aule dei tribunali si sta cercando di venire a capo di quei pasticciati verbali.

Tempi lunghi per la nuova Giunta

Prima conseguenza dello scrutinio infinito in Sicilia è la gestione solitaria a Palazzo d’Orleans da parte di Schifani, che ha più volte esternato il suo disappunto per una legge che condiziona i poteri della Giunta al giuramento a Sala d’Ercole. Se il Parlamento non si insedia, va da sé che anche il nuovo governo dovrà attendere prima di essere ufficializzato ed entrare nella pienezza dei suoi poteri. Bisognerà prima riunire l’Ars e votare il successore di Gianfranco Miccichè alla presidenza dell’Aula, poi potranno avvenire la nomina e il giuramento del nuovo governo.

Tutte le sezioni bloccate

Trapani, Siracusa, Agrigento e Caltanissetta i collegi che bloccano il dato definitivo dello scrutinio in Sicilia e la nascita della legislatura. Gli errori sui verbali sarebbero in alcuni casi macroscopici. Il caso più eclatante è Siracusa: qui mancano all’appello i risultati di 43 sezioni su un totale di 422. A Trapani si attende l’esito dei verbali della sezione di Misiliscemi, mentre ad Agrigento due seggi bloccano la proclamazione definitiva degli eletti. Le ultime due sezioni rimaste in bilico sono quelle di Villalba, in provincia di Caltanissetta.

La ‘disfida’ di Messina

A tutto questo si aggiunge anche la ‘disfida’ di Messina, con l’ultimo seggio disponibile del collegio conteso tra Luigi Genovese (Popolari autonomisti) e Alessandro De Leo (Sud chiama Nord). IN un primo momento il seggio era stato attribuito al figlio dell’ex segretario regionale del Pd Francantonio, ma un primo riconteggio dei voti di lista ha fatto pendere la bilancia verso la formazione di De Luca. Tra i due, però, si preannuncia battaglia. L’ennesima grana legata allo scrutinio per questo tormentato inizio di legislatura all’Ars.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    Se invece di controllare gli errori madornali dei verbali e cercare di venirne a capo, avessero ricontrollato le schede, a quest’ora avrebbero già terminato da un bel po’! Ma si sa, la burocrazia, spesso, non va a braccetto con il buon senso!!!

    Sono l’inevitabile conseguenza di leggi elettorali fatte non per eleggere i rappresentanti del popolo ma per fregare gli avversari. Le leggi elettorali fatte a scapito di una parte con l’ottusa convinzione di favorire la propria “fazione” ( Calderoli, Rosato) stanno producendo un danno incalcolabile alla nostra democrazia. La Sicilia non è da meno, appena finirà questo indecoroso conteggio, degno di una dittatura africana, inizieranno i ricorsi. Vergogna a noi che abbiamo permesso tutto questo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *