Abbigliamento, cene e un Rolex | "Così usava i soldi del sindacato" - Live Sicilia

Abbigliamento, cene e un Rolex | “Così usava i soldi del sindacato”

Foto d'archivio

Sotto inchiesta il leader dei pensionati iscritti alla Fnpr Cisl. Convocato per l'interrogatorio.

14 Commenti Condividi

PALERMO – Capi di abbigliamento, cene, generi alimentari e persino un Rolex. Ecco per cosa sarebbe stata spesa una parte dei soldi dei pensionati iscritti al sindacato Fnpr Cisl.

Ne è convinta la Procura che ha convocato per l’interrogatorio il segretario generale per la Sicilia, Alfio Giulio. È indagato per una presunta appropriazione indebita di 26 mila euro. Avrebbe abusato della propria autorità per spendere le quote di iscrizione “per finalità del tutto estranee all’associazione”.

In particolare, si fa riferimento a “presunte regalie fra un cui un orologio marca Rolex dell’importo di 6.200 euro”, regolarmente fatturato nel 2013. Nell’elenco delle contestazioni scaturite della indagini del Nucleo di polizia tributaria della guardia di finanza di Palermo ci sono poi una sfilza di conti pagati in diversi ristoranti: 890 euro alla trattoria “da Enzo”, 600 euro alle “Antiche Mura”; 500, 650 e 665 euro euro “al Grattacielo” (sono tutti locali palermitani); 800, 780, 850 e 500 alla “Pentolaccia”, 730 euro “da Tullio”, (entrambi ristoranti di Roma), 680 euro al “Porticciolo” (Siracusa), mille e 100 euro da “Quattro amici” a Firenze. Secondo la Procura della Repubblica, si tratterebbe di pasti “non legati alle attività sindacali”.

Giulio, 67 anni, è originario di Misterbianco, nel Catanese. È stato rieletto di recente al suo secondo mandato come leader dei pensionati dopo avere ricoperto vari incarichi nel sindacato. Le sue prime parole dopo l’elezione le aveva rivolte alla questione povertà: “Un dramma sociale – disse – esploso in questi anni in maniera spaventosa. Quasi un siciliano su due è a rischio povertà e, quanto ai pensionati, mediamente vivono con 650 euro al mese. In tantissimi non riescono neppure a curarsi. Serve un nuovo welfare che coinvolga istituzioni e mondo delle associazioni. Noi lavoreremo per questo”.

Spetta ad Alfio decidere di rispondere al magistrato per respingere le accuse o avvalersi della facoltà di non rispondere.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

14 Commenti Condividi

Commenti

    Vorrei chiedere un parere a Barbagallo e Caronia per capire cosa pensano.
    Certo così come la politica ha abdicato i valori che ci hanno lasciati in eredità’ Calamandrei, La Pira, Pertini, Moro e Berlinguer il sindacato ha messo nel retrobottega il pensiero di Di Vittorio!
    Ora che ci penso invece chiederò a Landini cosa pensa della questione, mi sembra più adatto.

    Se le accuse contestate verranno confermate, questa persona ignobile dovrebbe pagare non solo restituendo tutto quello che ha derubato, non solo pagando con una pena pecuniaria, direttamente proporzionale all’entita del danno arrecato, ma anche svolgendo l’attività di collaboratore domestico per tutti gli iscritti al suo sindacato. VERGOGNA

    Se indagassero sui conti di tutti i sindacati, salterebbero cose che nemmeno Mafia Capitale.

    Dignità, correttezza, onestà , trasparenza sono ormai parole obsolete. Speriamo per lui ci sia un equivoco; diversamente merita il disprezzo di chi arranca per tirare avanti.

    Condivido e sottoscrivo il pensiero di e-
    lettore con la espressione del mitico Totò: alla faccia del bicarbonato di sodio!!

    IL sebatorio finanziario dei sindacati confederali è la federaizone dei pensionati. Permette introiti incredibili mese per mese. Basta leggere i consuntivi INPS sulla sindacalizzazione dei pensionai in Italia e potete farvi un’idea. Sta per leggersi un’altra brutta pagina del sindacalismo italiano.

    chiedete ai segretari aziendali!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    In quale Paese Europeo esistono sindacati che fanno solo politica , (ITALIA ) dopo che il diritto dovrebbe essere lo stato “italiano ” a garantirli , bel Paese il Nostro www il paese dell’ignoranza , www il paese Fallito , da questi confederati sindacali .

    ma quanto mangia questo sindacalista dei pensionati ?
    speriamo che i magistrati gli facciano fare una adeguata bella digestione!!!

    speriamo che si possa veramente leggere……….

    lo penso anch’io, ma non si può! Troppi intrecci con i politici da formula 1 !

    Se è stato rieletto di recente al suo secondo mandato come leader dei pensionati è perchè evidentemente come sindacalista ha lavorato bene altrimenti, è ovvio, la base non lo avrebbe riconfermato.

    Prima la Vicari, ora questo qua… si regalano Rolex come fossero noccioline!

    E’ prassi comune!

    Ma perchè a me niente? Vivo in un altro posto e non lo so?

    Faccio una considerazione da cattolico: per anni, soprattutto dalla fine degli anni 70 alla fine degli anni 90, i comunisti e i loro adepti e sovraordinati senzaDio, ci hanno bombardato la testa con l’idea che fosse tutta una questione di morale, o questione morale. Ho sempre sostenuto che era un problema di etica e che occorreva stare attenti alla morale e soprattutto ai moralisti. Adesso che lo scorrere degli anni, di accadimenti me ne ha mostrato, mi convinco sempre più della necessità di fare studiare seriamente quel meraviglioso testo di etica pura che si chiama “Vangelo e atti degli apostoli”. Il tempo conferma, anche grazie all’attività della magistratura, che molti sindacalisti sono come i farisei che attaccavano Cristo.
    Tanta gente ha voglia di credere che dentro le persone ci sia la bontà a spingerle, purtroppo l’assenza di etica sta mostrando sempre più frequentemente che si tratta di falsi profeti, che inneggiano e si celano dietro alla questione morale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *