Spina, i cani e gli animalisti | Ma il mercante di cuccioli c'è sempre - Live Sicilia

Spina, i cani e gli animalisti | Ma il mercante di cuccioli c’è sempre

"Affida i cani dietro pagamento di somme di denaro, li cede anche a minorenni, non si preoccupa del post-affido". A sostenerlo sono le associazioni animaliste che dopo il blitz delle forze dell'ordine della scorsa estate hanno segnalato nuovamente la presenza di Spina e dei suoi cuccioli in centro. L'uomo è stato più volte denunciato dai carabinieri e dalla polizia municipale. Ma torna sempre.

PALERMO - IL CASO
di
20 Commenti Condividi

PALERMO – Un divieto di dimora che scadrà tra qualche settimana e una sfilza di denunce alla Procura da parte dei carabinieri e della polizia municipale. Oltre a sanzioni per centinaia di euro e continue segnalazioni degli animalisti che fino a pochi giorni fa hanno nuovamente avvisato le forze dell’ordine. Una raffica di provvedimenti dopo i quali Nino Spina è ancora lì: “il ragazzo con il codino” che in città in molti conoscono per il suo appello “aiutateci ad aiutarli”, riferito ai cuccioli in cerca di una casa, è stato recentemente avvistato in piazza Castelnuovo, all’angolo con via Ruggero Settimo, facendo scatenare le ire di chi, la scorsa estate, aveva assistito coi propri occhi al blitz avvenuto sotto i portici del centro città, quando fu fermato dai carabinieri e i suoi cani furono affidati alle associazioni animaliste.

Le stesse che adesso sono sul piede di guerra e non si spiegano come sia possibile che Spina sia tornato alla carica, con tanto di cartoni, scatole, altoparlante e quattro o cinque cuccioli alla volta che – secondo i volontari – verrebbero ceduti sotto il pagamento di un corrispettivo in denaro. “Lucra sui cuccioli – affermano i volontari delle associazioni e non si occupa del post-affido -. Per non parlare delle condizioni igieniche e di salute di questi animali”.

“Ha spesso affidato dei cuccioli anche a minorenni – spiega Manuela Bommarito, volontaria Uada – non pensando minimamente alle conseguenze. Io ho un negozio di mangimi ed accessori per animali ed è già capitato spesso che qualcuno sia venuto qui per consegnarmi uno dei cani da lui ceduto. Un bambino, ad esempio, ha preso un cucciolo da Spina, si è reso conto che i genitori non volevano tenerlo e loro si sono rivolti a me perché lui era irreperibile, chiedendomi di occuparmene. E quel cane era stato pagato. E’ pure capitato che uno dei suoi quattrozampe sia stato trovato impaurito e spaesato in piazza Politeama, dopo una fantomatica adozione. Anche in quel caso chi aveva detto di potersene prendere cura, un ragazzino, ci aveva ripensato e l’ha lasciato per strada. Non possiamo rimanere indifferenti a tutto questo – prosegue la volontaria – è necessario un intervento risolutivo che fermi questo meccanismo e stiamo lavorando con le altre associazioni in tal senso”.

Eppure, a quella dei carabinieri sono seguite le denunce della polizia municipale per inottemperanza al divieto di dimora, oltre alle sanzioni sul fronte del decoro urbano. “Ma così non si ottiene alcun risultato – dice il comandante Vincenzo Messina – le multe non bastano, è una lotta senza fine. Abbiamo elevato diverse sanzioni nei suoi confronti, abbiamo bonificato le aree in cui staziona disponendo il suo allontanamento, ma come polizia municipale il nostro compito finisce qui. L’anno scorso abbiamo anche fatto intervenire un veterinario dell’Asp che ha accertato le buone condizioni di salute dei cuccioli che aveva con sé, quindi anche l’ipotesi dei maltrattamenti avanzata dagli animalisti non ha trovato riscontro. I nostri controlli sono quotidiani anche al fine della sua eventuale individuazione nel centro città, quando puntualmente lo mandiamo via, ma lui inveisce contro gli agenti, si allontana e dopo alcuni giorni si ripresenta nonostante le denunce”.

E chi fa parte delle associazioni animaliste, come Geraldina Piazza dell’Uada, lancia un appello, fornendo anche il “vademecum” da seguire nel caso ci si trovi di fronte a qualcuno che vuole affidare animali per strada, come nel caso di Spina. “Bisogna assolutamente diffidare di coloro che non chiedono i documenti personali a chi vuole prendere in adozione un cane e, soprattutto, di coloro che non vogliono vedere a breve l’animale. Ogni cucciolo, infatti, deve essere attentamente monitorato anche nel periodo successivo all’affidamento per verificare che sia in buone mani”.

“Inoltre – prosegue – abbiamo buone ragioni per pensare che i quattro zampe offerti da Spina non siano sempre vaccinati nonostante lui dica di sì. Per accertare ciò, chiunque voglia prendersi cura di un cucciolo, deve chiedere il libretto sanitario in cui devono necessariamente apparire la firma e il timbro di un veterinario riconosciuto dall’ordine professionale. Inoltre – aggiunge Piazza – è bene diffidare da chi non consiglia la sterilizzazione e non sottolinea l’obbligo di microchippare l’animale, provvedimenti fondamentali per limitare il fenomeno del randagismo. Ma soprattutto – conclude – non bisogna mai pagare qualcuno per strada in cambio di un animale”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

20 Commenti Condividi

Commenti

    A me in centro danno fastidio i tanti rom questuanti, non certo Spina e i suoi cuccioli. Ora dopo questa mia dichiarazione l’Assessore Giusto Catania mi faccia pure arrestare per vilipendio alla civiltà nomade.

    SE è veramente un delinquente e fa tutto il suo commercio in modo illegale dovrebbe andare in galera subito (a meno che chi dovrebbe acchiapparlo non si spartisce i soldi con lui…)… SE invece fa tutto in modo legale, sono le ambientaliste che lo hanno calunniato che dovrebbero andare in galera subito!!!

    Da LiveSicilia ” lui inveisce contro gli agenti”.

    Inveisce…?

    Oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale.
    Mai stato denunciato per questo?

    ma se ha un divieto di dimora in città che ci fa qui? che i carabinieri lo accompagnino fuori dall’abitato e se torna dritto in cascione

    Arrestatelo…dopo tre mesi al gabbio vedrete che non si ripresenta più!! Le multe tanto non le paga!

    Comunque sia non è giusto vendere animali così x strada .non .un .briciolo di rispetto .

    lo sanno pure i sassi che ci fa’ soldi in questa maniera !

    Non sono animalista, ma riconosco la faccia di questo individuo come farabutto, arrogante e sicuro di farla franca perchè sa che in Italia non va in galera nessuno. Ricordate il disturbatore televiso “Paolini”? Era stato arrestato, ma in questi giorni lo rivedete in giro a disturbare come prima. Anzi, in sua assenza c’era un sostituto. Lo potete individuare fra i giornalisti che intervistano e lui è quello (con la faccia da fesso) che avvicina una penna biro alla bocca, facendo finta di essere un giornalista. Troppo permissivismo, comprensione ingiustificata, connivenza nei comportamenti di chi dovrebbe intervenire.

    Conosco questo ragazzo poiché lavoro in centro. È il biglietto da visita della città di Palermo. Assieme a posteggiatori abusivi , lapinatori senza licenza , mendicanti con la rogna , buttane del bingo etc etc ….
    Così avete ridotto Palermo , u veru schifiu ! P.S nino non maltratta i cuccioli , ed avendo problemi (#) non va a delinquere in altri mali modi.

    perfettamente d’accordo con chi consigli di non prendere animali da chi li offre in strada…..specie se “con una piccola offerta”. state attenti.

    E Corona sta’ marcendo in galera!!!!!!!!!!!!!!!

    Approvo.
    A Palermo c’è di tutto e di più e si fissano con questo personaggio…mah!

    Concordo, la presenza Rom si è fatta ormai insopportabile ma sono autorizzati a fare quello che fanno dal silenzio-assenso dell’Amministrazione Comunale, che vuole per giunta dargli pure le case a discapito dei palermitani senza casa.

    ma perché siete sempre così im……..lli? Se si parla di un argomento, perché discutete di altro? strumentalizzatori a go go

    ma ora chi ci trasi corona, peraltro gran delinquente accertato??

    Susatemi. Mica la polizia municipale può perdere tempo ad occuparsi di quest’uomo, che tiene dei cani liberi di scorazzare lungo i marciapiedi del “salotto” buono della città, in mezzo ai turisti (che rimangono quantomeno basiti) e che cacano e pisciano ad ogni angolo dei portici e che mangiano e bevono nella stessa scodella, litigando tra di loro. Ma che fa scherziamo. I nostri beneamati poliziotti municipali devono fare ben altro che occuparsi di queste minuzie inutili. I cittadini, i negozianti e quanti altri si arrangino pure !!!!!

    vero…impegnatissimi a contrastare il BIVACCO di venditori ambulanti ABUSIVI a 3 metri da questo dottor Dulittle, anzi!!! A bloccare orde di posteggiatori abusivi che spadroneggiano a 8 metri dai cagnolini cacatori!
    Tutto regolarmente nel CENTRO, nel SALOTTO della città di Palermo.
    Figuratevi quello che c’è in periferia….

    Intanto abbiamo ridotto questa citta’ in queste condizioni poiche’ nessuno denuncia alle istituzioni… ci nascondiamo sempre davanti alla scusa ” tanto i vigili non vengono ” , ” tanto i carabinieri non rispondono ” . Ma se tutti noi cittadini dotati ( in teoria ) di senso civico , chiamassimo le forze dell’ ordine per ogni reato al quale assistiamo invece di FARCI I FATTI NOSTRI , questa citta’ sarebbe migliore!

    Sino ad ora i denunciati in questione sono solo chi sta continuando a diffamare il s
    Sottoscritto senza prova alcuna.fatevi le giuste domande e datevi le risposte.certo x essere puntualmente in possesso di nuovi cani vuol dire che i pseudo animalisti parlanos non fanno.a me interessa l’opinione di gente seria importante e che conta r non fu 4 moralisti da srapazzo che si vede non hanno nulla da fare.ce ne fossrro di persone che sanno amare e tenere i cani come nino il cisidetto Ragazzo dal codino, meglio un codino come il cane che non un cretino che sa solo giudicare.SVEGLIA

    Un asino che usa i cani per dimostrare che é una volpe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *