Stop ai vaccini: proteste all'ospedale Civico, poi il dietrofront - Live Sicilia

Stop ai vaccini: proteste all’ospedale Civico, poi il dietrofront

Somministrazione solo su prenotazione
1 Commenti Condividi

PALERMO – Sembra essere rientrata la protesta che questa mattina ha bloccato per alcune ore il centro vaccinale dell’ospedale Civico di Palermo, coinvolgendo alcuni palermitani che si erano presentati all’hub vaccinale per sottoporsi alla vaccinazione anti-Covid. Molte persone che non avevano effettuato la prenotazione, infatti, sono state respinte all’ingresso. Ed è scattata subito la protesta.

“Ieri pomeriggio – spiegano alcuni dipendenti della struttura ospedaliera – è arrivata una circolare in cui si dice che possiamo vaccinare solo i prenotati. Prima potevamo vaccinare chiunque si presentava, ma adesso no”. Una risposta che ha fatto infuriare gli utenti che si erano presentati questa mattina per sottoporsi al vaccino.

“Giovedì sono venuto e mi è stato detto che potevo tranquillamente venire sabato senza prenotazione. Adesso mi dicono che devo andare alla Fiera del Mediterraneo per vaccinarmi perché qui vaccinano solo i prenotati. E’ una cosa assurda – era stato il commento di un uomo stamattina, prima che la situazione tornasse alla normalità – Dovunque si sente dire che dobbiamo vaccinarci. Mi presento e mi dicono che non posso farlo e che la procedura cambia da un giorno all’altro. Una vergogna”.

Dopo alcune ore di agitazione la situazione è tornata sotto controllo e gli utenti presenti hanno potuto così ricevere la dose del siero anti-Covid. Ieri, i vertici dell’azienda avevano disposto la sospensione delle prenotazioni e delle somministrazioni, dopo un incontro con il commissario straordinario Covid, Renato Costa, che aveva chiesto di applicare la nota della Regione sulla chiusura dei centri vaccinali ospedalieri per lasciare aperti solo hub e ambulatori territoriali. Dunque, bisognava dunque garantite solo le prenotazioni fino al 23 novembre, mentre si fermavano subito gli open-day. Poi la marcia indietro a causa delle proteste di questa mattina.

L’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, ieri aveva spiegato che i centri ospedalieri possono restare aperti se questo non comporta “costi aggiuntivi per pagare il personale e non si pregiudica l’assistenza per i pazienti non-Covid”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Le scelte di questo Governo Regionale e di questo assessore alla Sanità lasciano senza parole. Non se ne comprendono i metodi, le ragioni e gli interessi che sicuramente hanno determinato questa scelta scellerata! Gli hub degli ospedali rappresentano il posto più sicuro dove vaccinarsi perché dotati di una assistenza completa necessaria nei casi di reazioni gravi al vaccino. Tali strutture per essere create ed avviate hanno necessitato di enormi investimenti sia sul piano umano che su quello finanziario ed ora con un colpo di spugna il nostro amato assessore Razza vuole distruggere quel poco che funziona della Sanità Siciliana. Del resto cosa potevamo aspettarci da una persona ( e sono generoso nel definirlo così) che finora era abituato a “SPALMARE MORTI”. E’ stato miracolato dopo lo scandalo scoppiato qualche mese fa ma evidentemente non vuole rinunciare ad essere ricordato come il PEGGIORE ASSESSORE ALLA SANITÀ. Si dimetta dall’incarico lei non è assolutamente all’altezza della situazione. Torni a fare ciò che faceva prima (non so cosa) sicuramente farà meno danni a questa terra già tristemente martoriata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.