Tangenti nella sanità: "Ho ceduto perché a Palermo funziona così"

Tangenti nella sanità: “Ho ceduto perché a Palermo funziona così”

Parla l'imprenditore Roberto Satta: "Io vittima. Era l'unico modo per lavorare, a Milano è diverso"
IL PROCESSO
di
12 Commenti Condividi

PALERMO – Stritolato dal sistema. Costretto a pagare per lavorare. Si difende Roberto Satta, responsabile operativo di Tecnologie Sanitarie, una delle aziende travolte dallo scandalo delle tangenti nella sanità siciliana. Ammette di avere pagato 220 mila euro al mediatore Giuseppe Taibbi, uomo di riferimento, secondo l’accusa, dell’ex manager dell’Asp di Palemro Antonio Candela.

Lo ha fatto però, così dice, perché ad un certo punto divenne l’unica strada per non perdere l’appalto e ritrovarsi ad affrontare conseguenze catastrofiche per l’azienda.

“Vittima di concussione”, si definisce. “Certe cose a Milano non esistono”, aggiunge Satta in aula rispondendo alle domande di accusa e difesa. Satta aveva chiesto di patteggiare la pena già fissata a 5 anni, ma il giudice per l’udienza preliminare ha respinto l’istanza non accogliendo la proposta della difesa di riconsiderare la data di commissione del delitto retrodatandola da maggio 2019 a gennaio dello stesso anno. E cioè prima dell’entrata in vigore della legge “spazzacorrotti” che non prevede la possibilità di espiare la pene con misure alternative alla detenzione in carcere.

E così Satta è finito sotto processo con il rito abbreviato assieme ad altri sei imputati: Fabio Damiani, manager dell’Asp di Trapani ed ex responsabile della Centrale unica di committenza che gestiva le gare di appalto a livello regionale; Antonio Candela, per ultimo coordinatore della struttura regionale per l’emergenza Covid-19 ed ex manager dell’Asp di Palermo; Giuseppe Taibbi, imprenditore legato a Candela; Francesco Zanzi, amministratore delegato della Tecnologie Sanitarie spa; Angelo Montisanti, responsabile operativo per la Sicilia di Siram e amministratore delegato di Sei Energia scarl; Salvatore Navarra, presidente del consiglio di amministrazione di Pfe spa; l’imprenditore agrigentino Salvatore Manganaro.

Satta racconta di avere subito pressioni da Taibbi che diceva di parlare a nome di Candela. Lui, però, l’ex manager lo ha incontrato una sola volta. Per lavorare dovette sottostare ai desiderata di Taibbi, così riferisce Satta, che si presentò come espressione di “un gruppo di potere” in grado di controllare gli appalti. Millantava amicizie con la politica, diceva di essere uomo dei servizi segreti e di potere interloquire persino con la presidenza della Repubblica. E Satta avrebbe ceduto perché era l’unico modo per continuare a lavorare.

Uno dei temi del processo è il transito della gara milionaria vinta da Tecnologie Sanitarie per la manutenzione di apparecchiature elettromedicali dal controllo dell’Asp alla regia della Centrale unica di committenza. Passaggio che avrebbe consentito maggiori guadagni a Tecnologie Sanitarie. Secondo Satta, invece, fu un’operazione vantaggiosa per le casse pubbliche e non per l’azienda.

Al contempo Tecnolgie Sanitarie, però, firmando un contratto smise si subire continue pressioni. Pressioni, ma anche minacce che in Sicilia inizierebbero con l’avvio della gara e proseguirebbero senza tregua. Raccomandazioni per i posti di lavoro, segnalazioni di fornitori e richieste di mazzette: lavorare nella sanità pubblica siciliana comporterebbe tutto ciò.

Ad un certo punto Taibbi, incontrato in aeroporto, gli chiese quale fosse “il suo riconoscimento economico”. E lo fissarono in 220 mila euro più Iva. Satta rivendica la professionalità della sua azienda, leader a livello nazionale, che lavora con l’Asp di Palermo dal 2003 senza avere avuto mai una rimostranza. Alla fine ha ceduto alla concussione perché a Palermo funziona così. L’esame dell’imputato è ancora all’inizio. Alla prossima udienza si addentrerà nei particolari di quel “sistema di potere” che ha appena accennato.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

12 Commenti Condividi

Commenti

    Si, magari sarà vero. A Palermo di lavora così. Già basta questa affermazione per averi danno all’immagine della città. Ma proprio perché di lavora così, sappiate che gli organi e la P.G., deputati al controllo, non dormono mica. Tutti lá andate a finire. Ar gabbio.

    ma siamo sicuri che a milano nn funziona così come a palermo? scusate ma ho dubbi…

    Il modo più facile per difendersi!

    Perché!????? La magistratura non lo sapeva????

    A Milano, storia insegna, sono maestri di tangenti

    si devono potenziare gli Organi di controllo interno nelle P.A.

    “Che le cose siano così, non vuol dire che debbano andare così. Solo che, quando si tratta di rimboccarsi le maniche e incominciare a cambiare, vi è un prezzo da pagare, ed è allora che la stragrande maggioranza preferisce lamentarsi piuttosto che fare.”
    Giovanni Falcone

    Damiani, Candela, Montante erano tutti nomi di punta dei cosiddetti professionisti dell’antimafia. Damiani aveva messo le mani su Trapani

    È evidente e innegabile che a Milano dopo mani pulite le cose funzionano meglio e diversamente. Qui invece la mafia ha distratto troppo le procure e i vertici politici sono stati sempre tenuti fuori dalle accuse, per cui le cose sono peggiorate sempre più, specie da qualche anno. Addirittura in certi casi per difendere importanti politici non si è avuta nessuna remora a bacchettare e delegittimare a tempo di record i magistrati. Parlo della politica perché certi personaggi non sono messi in certi posti per caso e se non si trova la persona “giusta” si preferisce lasciare vuoto il posto o prendere pensionati o nominare altri politici vestiti da tecnici. Ma questa è la Sicilia da cui i migliori giovani se ne scappano.

    Non dobbiamo certo giustificare questo modo di operare , ma dire che a Milano non necessita pagare tangenti per aggiudicarsi le forniture , chiedetelo a Formigoni& c.
    La differenza è che a Milano rubano ma fanno anche le cose , qui rubano e basta e .

    ho conosciuto alcune di queste persone, come molti di coloro che lasciano messaggi anonimi e sfogano le loro frustrazioni in questo modo. ho conosciuto persone perbene che facevano il loro lavoro ogni giorno . in questo momento affronteranno il loro dramma tra mille preoccupazioni. mi sento di stare umanamente accanto a loro e lasciando alla giustizia il compito di fare ciò che c’è da fare . il linciaggio mediatico è un atto ingiusto e così pure il giudizio morale. ricordo l’impegno e la dedizione al lavoro di queste persone. sono vicino al loro dramma umano , fermo restando che eventuali responsabilità saranno accertate dalla giustizia

    non metto in dubbio che a palermo e nel resto d’italia si lavora cosi’, ma quando pensate a cambiare le regole… e usare i soldi dei contribuenti in maniera corretta. ?!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *