Telecolor, si paventano |ventinove licenziamenti - Live Sicilia

Telecolor, si paventano |ventinove licenziamenti

E' ufficialmente aperta la vertenza per l'emittente siciliana. Sono gia arrivate le lettere ai sindacati e ai lavoratori dove si annunciano tagli al personale. Lunedi 4 novembre si terrà il primo incontro con l’esame congiunto tra i sindacati e l’azienda.

ASSEMBLEA DEI LAVORATORI
di
2 Commenti Condividi

CATANIA – Telecolor rappresenta un pezzo della storia dell’informazione siciliana. Il suo futuro è però nuovamente a rischio, la scure dei licenziamenti si è abbattuta nell’emittente televisiva. Il 23 ottobre ai sindacati è arrivata una lettera firmata dalla direzione dell’azienda con l’apertura della procedura per 29 licenziamenti tra amministrativi e tecnici. 29 dipendenti che già l’anno scorso per avere garantito il loro posto di lavoro avevano accettato il contratto di solidarietà. Una missiva, quella che si è presentata ai tavoli dell Flc Cgil e della Fistel Cisl che ufficialmente riapre la vertenza.

Una delle più importanti aziende dell’editoria siciliana rischia il tracollo. Uno dei punti di riferimento per l’informazione dell’isola è nuovamente nel vortice della crisi. E a questo punto, in attesa della convocazione già prevista per i primi di novembre di un tavolo tra azienda e organizzazioni sindacali per cercare una soluzione alternativa ai licenziamenti, chi dovrebbe prendere posizione è anche la Regione Siciliana.

Lo switch off dell’analogico con il conseguente passaggio al digitale terrestre ha schiaccato finanziariamente le emittenti locali che non hanno avuto nessun aiuto economico, come invece è avvenuto nelle altre regioni italiane, per affrontare l’aggiornamento tecnologico e dei softaware. Costi che hanno gravato in maniera pesantissima sui bilanci anche di aziende di successo come Telecolor. Neanche il gruppo Ciancio è rimasto indenne e questo fa comprendere la gravità della crisi che sta colpendo l’intero settore dell’editoria siciliana. Il ddl sull’editoria potrebbe portare una spinta, ma dopo l’approvazione alla commissione bilancio a metà ottobre, si attende il voto finale dell’Ars. Ma al momento tutto sembra “impantanato”.

I lavoratori per oggi hanno indetto un’assemblea per discutere della situazione che li vede protagonisti e decidere quali passi intraprendere. Nuccio Condorelli, dipendente di Telecolor non nasconde la propria “amarezza”. “Abbiamo vissuto un anno di sofferenza – commenta a LiveSiciliaCatania- ma neanche il contratto di solidarietà è riuscito a risolvere i problemi”. E’ cose se qualcuno avesse schiacciato il tasto rewind. Nella sede di Telecolor di Viale Odorico da Pordenone le lancette sembrano tornate indietro di 13 mesi. “I destinatari dei licenziamenti sono tutti lavoratori tra i 48 e i 58 anni e solo 4 sono vicini alla pensione – spiega ancora Condorelli – siamo veramente preoccupati”.

i

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    scusate ma di che vi meravigliate ? Dove eravate quando Telecolor vendeva le frequenze o la sede di via F. Crispi ? dove eravate quando i vostri colleghi sono stati licenziati ‘? a CHI E’ STATA VENDUTA LA SEDE ? Telecolor è stata svuotata e voi non vene siete accorti ? la mia solidarietà comunque…….. a tutti voi

    un progetto iniziato sin dall’acquisto di Telecolor da Mario Ciancio, un progetto chiaro a cui nessuno ha voluto credere anche se palese, dividi e impera, mai detto è stato più realistico, quando si viene decimati costantemente si resta soli e in pochi in una lotta impari ,non si ha più la forza di affrontare una vertenza che possa avere esiti positivi per i lavoratori, anche perché per l’azienda ora o mai più, è il momento di cavalcare l’onda.
    CHE VERGOGNA !
    Nell’esprimere la mia solidarietà a tutti i lavoratori, mi auguro che questa volta chi li rappresenta nella dirigenza abbia il coraggio di lottare per loro.
    un’amica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *