Tenta assalto alle Poste |Catanese in manette - Live Sicilia

Tenta assalto alle Poste |Catanese in manette

Sono in corso le ricerche dei due complici.

ROCCALUMERA
di
0 Commenti Condividi

ROCCALUMERA – Dovrà rispondere delle accuse di tentato furto aggravato in concorso e ricettazione Carmelo Manganaro, pregiudicato catanese di 61 anni, arrestato in flagranza di reato all’alba di ieri dai carabinieri di Roccalumera e Mandanici, poco dopo aver tentato l’assalto ad un ufficio postale. Erano da poco passate le 3 e 30 del mattino quando è giunta una segnalazione alla Centrale Operativa da parte di un cittadino in merito alla presenza di tre persone incappucciate nelle vicinanze dell’ufficio postale di Roccalumera. L’arrivo tempestivo dei militari dell’Arma sul luogo segnalato ha consentito di sorprendere i malviventi mentre tentavano di scardinare, con una serie di attrezzi, l’ingresso principale dell’ufficio.

A quel punto è iniziato un rocambolesco inseguimento a piedi attraverso le viuzze del piccolo centro ionico. I carabinieri sono riusciti a bloccare e ad arrestare uno dei tre fuggiaschi, trovato in possesso di alcuni arnesi da scasso. Nonostante le ricerche siano proseguite per tutta la notte, non è stata trovata traccia dei due complici.

Individuato anche il mezzo usato dalla banda per raggiungere l’obiettivo. Si tratta di un furgoncino rubato, al cui interno sono stati trovati altri attrezzi per lo scasso. Carmelo Manganaro, trattenuto in una delle camere di sicurezza della Caserma dei carabinieri della Compagnia Messina Sud, sarà giudicato con rito direttissimo al tribunale di Messina. Intanto l’attività investigativa è in corso per identificare ed assicurare alla giustizia gli altri autori del tentato colpo.

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *