Teruar a Scicli: la fiera del vino etico

Teruar: la fiera del vino etico

Un bel ritorno, dopo due anni di fermo, per l'evento dedicato ai vini naturali
0 Commenti Condividi

In scena la seconda edizione di Teruar, che si è svolta il 14 e il 15 maggio negli eleganti saloni di Palazzo Busacca, a Scicli. Il format, nato dall’idea di Giuseppe Fiorilla, Pietro Russino e Bartolo Finielli dell’Associazione ARSURA – Sete Etica, mette al centro la figura del vignaiolo e l’idea di viti-cultura etica. Un inno alla produzione biologica o biodinamica, rispettosa della natura e della tradizione, non intensiva e sostenibile. Una produzione ancorata alle radici ma volta con lo sguardo al futuro. Due giorni, 42 vignaioli presenti, 5 distributori, banchi d’assaggio, 3 masterclass a cura di Matteo Gallello, Giorgio Fogliani e Maria Elena Boggio. E ancora gastronomia, artigianato, arte e musica. Una grande risposta da parte del pubblico e dei ristoratori. Dato significativo, questo, ad indicare un’inversione di tendenza che, negli anni passati, guardava con diffidenza a questa tipologia di produzione eticamente consapevole, rispettosa della natura e lontana dalle logiche di mercato. Il vino come espressione del territorio in cui cresce, sinonimo di genuinità e legame viscerale con la natura. Un vino che al calice possa donare sensazioni gusto – olfattive non convenzionali e non prevedibili. Vini artigianali, di terroir, frutto di un approccio che, in vigna, cerca di assecondare quanto più possibile la natura, mentre in cantina, di accompagnare con il minimo intervento il processo di fermentazione dell’uva. Sostenibile e rispettoso, dunque, ma anche consapevole, attraverso uno studio metodico, scientifico, oltre che esperienziale della vite e delle fermentazioni. La riduzione degli interventi umani, come l’abolizione di diserbanti, di lieviti selezionati e di anidride solforosa, riconduce il territorio al ruolo di protagonista. Esso diviene, difatti, il carattere unico e determinante del vino. Un’agricoltura sostenibile che non consuma le risorse della Terra e dei terreni ma, anzi, ne assicura la salute e la produttività.

Tra le etichette degustate, tante conferme e altre piacevoli scoperte. Non delude il progetto di vinificazione naturale di Simone e Andrea Foti per I Vigneri, incantano i fratelli Alessandro e Aldo Viola. La natura vulcanica dell’Etna si ritrova nei vini di Emilio Sciacca, l’eleganza e la finezza del rosato nel “Camelie” di Stanza Terrena. Manlio Manganaro: il lavoro di un produttore visionario (e forse un po’ folle) crea due declinazioni di Grillo straordinarie e sorprendenti. Mare, profumo di mare per i vini di Vite ad Ovest. Cedro, fico, mandorla et voilà, Calogero Caruana: la Trinacria nel calice. Passione familiare e scrigno di ricordi per le etichette di Francesco Modica, in particolare “Nonno Ciccio”. Puliti e identitari i vini di Nuzzella, autentici e concreti quelli di Arianna Occhipinti. Fausta Mansio: egregia espressione del Moscato di Siracusa. Le belle sorprese: Giuseppe Cipolla e Vini Scirto.

Una menzione speciale va, senza dubbio, all’azienda Nepeta, main sponsor dell’evento e che ha presentato, accanto ai suoi ormai rinomati amari made in Sicily, una nuova linea di distillati contemporanei siciliani col marchio Hyble Spirits e di cui sentiremo molto parlare. Interessante il “Gin Satra”: timo arbustivo, acqua marina e ginepro. Perfetto per la miscelazione e anche in purezza.

In cantiere già l’organizzazione della terza edizione, volta al coinvolgimento di cantine di carattere internazionale e del nord- est italiano. Scardinare convenzioni e barriere, dunque. E, in un momento storico in cui abbiamo bisogno di ponti e non di muri, certamente ci sembra possa essere il migliore degli auspici. Non solo per il mondo del vino.

I vignaioli

Vigneri SICILIA
Aldo Viola SICILIA
Azienda Agricola Ludovico ABBRUZZO
Mortellito SICILIA
Scirto SICILIA
Giuseppe Lazzaro SICILIA
Rocco di Carpeneto PIEMONTE
Eduardo Torres SICILIA
Bruno Ferrara Sardo SICILIA
Azienda Agricola Sofia SICILIA

Calogero Caruana SICILIA
Sièman VENETO
Fattoria La Castellina TOSCANA
Le chiuse SICILIA
Emilio Sciacca SICILIA
Il Moralizzatore VENETO
Fausta Mansio SICILIA
Maria Paola Dicato ABBRUZZO
Badalucco SICILIA
Tre mi la SICILIA
Nerina Cardile SICILIA

Meridio SICILIA
Nuzzella SICILIA
Podere Anima Mundi TOSCANA
Salvatore Marino SICILIA
Giovanni Sallemi SICILIA
Manlio Manganaro SICILIA
Giardini ColeRinger SICILIA
Francesco Modica SICILIA
Le Furie SICILIA
Alessandro Viola SICILIA

Sergio Genuardi SICILIA
Giuseppe Cipolla SICILIA
Stanza Terrena SICILIA
Arianna Occhipinti SICILIA
Vite ad Ovest SICILIA
Istinto Naturale SICILIA
Armosa SICILIA
Natalino del Prete PUGLIA
Cantina Malopasso SICILIA
Cantina del Malandrino SICILIA
Tenuta l’Armonia VENETO

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.