Tragedia sulla Palermo-Sciacca | Tre morti e un ferito - Live Sicilia

Tragedia sulla Palermo-Sciacca | Tre morti e un ferito

La foto dell'incidente

Tre le vittime: due persone che viaggiavano a bordo di una motocicletta, una Suzuki 600, e un uomo a bordo di una Peugeot che viaggiava insieme a una donna, rimasta gravemente ferita.

tragedia della strada
di
6 Commenti Condividi

PALERMO – La strada maledetta nuovamente scenario di un tragico incidente. Sulla statale Palermo-Sciacca, all’altezza dello svincolo di San Cipirello, tre vittime stasera, due persone che viaggiavano a bordo di una motocicletta, una Suzuki 600 ed un uomo a bordo di una Peugeot che viaggiava insieme ad una donna, rimasta gravemente ferita. I motociclisti e l’automobilista sono morti sul colpo: per estrarre il corpo senza vita dell’uomo dall’auto ridotta ad un groviglio di lamiere sono intervenuti o vigili del fuoco del comando provinciale. La donna ferita è stata trasportata d’urgenza in ospedale: le sue condizioni sono critiche.

I nomi delle vittime
Alla guida dell’auto c’era Beraldo Angino, 64 anni. Sulla moto: Giancarlo Spina, 21 anni e Agostino Bufalo, 36 anni. Ricoverata in gravissime condizioni all’ospedale Civico di Palermo la moglie di Angino, Angela Barozzi, di 56 anni.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

6 Commenti Condividi

Commenti

    Dai morti sulle strade, si dovrebbe capire che si devono potenziare le ferrovie. Cav.Ing.Gaspare Barraco ( Coordinatore Comitato Pendolari della Derrovia).Marsala.

    Strada maledetta :O:O:O:O:O:O

    Se la strada è “maledetta” significa che, notoriamente, è pericolosissima.
    Quindi bisogna essere particolarmente prudenti, tutti, automobilisti, motociclisti, camionisti, ciclisti. TUTTI.

    Non ci sono strade maledette, ci sono strade pericolose e meno pericolose, maledette le facciamo diventare noi tutti nessuno escluso, con le nostre imprudenze, eccessi, negligenze e chi ne ha più ne metta. Condoglianze sentite alle famiglie.

    L’ultimo tratto che hanno asfaltato, i ponti che costeggiano Altofonte, fanno davvero pena è tutto un susseguirsi di dossi molto pericolosi. Alla velocità di 70 viene il mal di mare. chissà chi ha collaudato questi lavori. Purtroppo tra chi va troppo piano e chi corre come un pazzo, sorpassando anche in curva, hanno fatto diventare questa strada teatro di immense tragedie.

    Fermo restando il dispiacere per l’accaduto, la motocicletta avrebbe fatto ribaltare l’auto nell’urto?
    A che velocità andava??!!
    Possibile che l’automobilista non l’abbia sentita ed abbia tentato un’inversione?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.