Oro falso, anziani nel mirino | Caccia a una banda di truffatori - Live Sicilia

Oro falso, anziani nel mirino | Caccia a una banda di truffatori

Nel giro di una settimana sei palermitani denunciati. Raggiri per migliaia di euro.

PALERMO
di
3 Commenti Condividi

PALERMO – Truffatori esperti, il quale ruolo è intercambiabile in base alle esigenze. A finire nel mirino sono soprattutto gli anziani, ne sono un esempio i due pensionati raggirati nel giro di una settimana a Camporeale, in provincia di Palermo, e a Ribera, nell’Agrigentino. In entrambi i casi, ad entrare in azione per “piazzare” finti gioielli e oro falso, sono stati dei palermitani. Una truffa che continua ad essere messa a segno con estrema facilità nonostante la tecnica sia ormai risaputa e la messa in scena sia sempre la stessa.

La vittima, infatti, crede di trovarsi di fronte ad un affare irripetibile e viene praticamente messa con le spalle al muro. Si rende conto di essere stata truffata soltanto quando è ormai troppo tardi. Così è stato per l’anziana di Ribera a cui erano state rifilate delle vere e proprie patacche al costo di migliaia di euro. Nel suo caso, però, la vicenda si è conclusa con la denuncia dei truffatori, che ha successivamente riconosciuto tra i clienti al mercato rionale. Ha subito avvisato i carabinieri e, dopo un breve inseguimento, i tre palermitani sono stati bloccati e denunciati per truffa aggravata e continuata in concorso.

La donna era stata avvicinata da un uomo, un finto commerciante di pietre preziose: con la scusa di dover rientrare al paese di provenienza e di aver bisogno di denaro in contante, le aveva proposto l’acquisto di gioielli d’oro ad un prezzo scontatissimo. Dopo qualche minuto, “casualmente” era arrivato un complice, “esperto” di pietre preziose, pronto a confermare che si trattava di un vero affare. Subito dopo, fingendo di essere un amico dello stesso esperto, si era avvicinato un terzo soggetto che, rendendosi conto della compravendita in atto, aveva mostrato il suo interesse, dicendo di voler concludere a tutti i costi l’acquisto.

A questo punto il finto commerciante di pietre preziose, “gentiluomo” che ha iniziato precedentemente la trattativa con la vittima, aveva affermato che i gioielli dovevano essere venduti necessariamente alla donna, arrivata per prima. Il tutto era stato reso ancora più credibile, dall’insistenza dell’altro acquirente, che aveva consegnato dei soldi (falsi) a titolo di acconto al finto commerciante, per indurre la vittima a prendere posizione velocemente ed a concludere quanto prima la trattativa. A finire in trappola anche un pensionato di Camporeale, i cui truffatori sono stati poco dopo individuati e, anche in questo caso denunciati.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    Qui non si tratta di anziani o meno anziani ma solo di gente disposta a buttare il proprio denaro. Se uno vuole comprare oro ci sono banche e società autorizzate alla vendita alle quali rivolgersi in tutta sicurezza.

    E’ una truffa che si perpetua nel tempo con poche varianti e che, pur essendo ben conosciuta, riesce sempre a mietere vittime.
    Una quarantina di anni fa ci incappò una mia zia: dovetti accompagnarla più volte in questura per tentare un riconoscimento dei malfattori attraverso la visione di centinaia di foto segnaletiche di possibili colpevoli che però, in quella circostanza, non portò ad alcun risultato.
    Qualche anno fa, per caso, assistetti dalla finestra della mia abitazione ad un tentativo di truffa ai danni di un ignaro passante, riconoscendone subito, per la mia precedente esperienza famigliare, le modalità di esecuzione.
    In quella circostanza, ebbi modo di “vendicare” il torto subito dalla zia, ormai defunta da tempo: chiamai subito la polizia che, prontamente intervenuta, arrestò in flagranza 2 dei 3 truffatori. La vittima non aveva capito nulla…..

    I truffati sono anche un po’ disonesti perché in linea di principio accettano il rischio di acquistare merce rubata, invece ne escono con le ossa rotte e ben gli sta. Comunque i criminali sono gli stessi dell’ormai nota truffa relativa alla vendita di falsi diamanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.