"Tutino non aveva i titoli" | "La nostra denuncia inascoltata" - Live Sicilia

“Tutino non aveva i titoli” | “La nostra denuncia inascoltata”

L'ospedale Villa Sofia di Palermo

Un anno fa il sindacato dei medici chiese di “revocare la nomina di Tutino a primario”. Oggi dicono: "Tutti sapevano e nessuno è intervenuto. Sarebbe stato evitato il caos aziendale prima e giudiziario poi".

IL SINDACATO CIMO
di
7 Commenti Condividi

PALERMO – Le carte sono quelle di sempre. Al Cimo si rammaricano che nessuno le abbia prese in considerazione. Eppure, dicono i rappresentanti del sindacato dei medici in conferenza stampa, sarebbe bastato che qualcuno accogliesse la loro richiesta di “revocare la nomina di Tutino a primario” e si sarebbe evitato il caos aziendale prima e giudiziario poi.

Secondo i sindacalisti, il primario non aveva requisiti necessari per vincere il concorso. Altri medici erano più qualificarti di lui. Il segretario regionale vicario Angelo Collodoro, quello provinciale Iacono e il rappresentante all’interno di Villa Sofia, Giuseppe Bonsignore, tirano fuori il documento con cui il ministero dell’Istruzione rispose all’azienda ospedaliera che aveva chiesto un parere sul “titolo conseguito all’Albert Einstein College of Medicine” di New York. “Trattandosi di titolo conseguito a seguito di un percorso formativo della durata di cinque mesi – scrissero dal Miur – non può trovare corrispondenza con titoli accademici rilasciati da università italiane e pertanto non può essere oggetto di riconoscimento”.

Una risposta che il Cimo inserì nella denuncia spedita alla Procura della Repubblica, alla direzione generale di Villa Sofia, al presidente della commissione Sanità dell’Ars, all’ordine dei medici e all’assessore regionale Lucia Borsellino. Ecco perché oggi Collodoro spiega che “tutti gli organi istituzionali erano al corrente di una situazione e nulla hanno fatto per evitarla”. La lettera stilata dagli avvocati Luigi Mazzei e Cristiano Dolce per conto del sindacato fu scritta e spedita mentre si attendeva l’esito del ricorso presentato da alcuni medici contro la nomina di Tutino. Nel giugno del 2014 il ricorso fu giudicato inammissibile. Il Tar si dichiarò incompetente e Tutino restò primario della Chirurgia plastica e Maxillo-facciale.

I ricorsi, presentati dai medici Francesco Mazzola e Dario Sajeva, furono respinti perché, si leggeva nella motivazione, “difettano, ad avviso del collegio, gli elementi qualificanti della procedura concorsuale, in quanto la selezione è stata effettuata mediante la valutazione dei curricula e il colloquio sulla base dei requisiti di professionalità e capacità manageriali, senza alcuna comparazione tra i candidati e soprattutto difetta l’elemento più significativo della procedura concorsuale, non essendo stata formata alcuna graduatoria con relativa assegnazione dei punteggi e proclamazione dei vincitori”. In sostanza, il provvedimento finale era stato “adottato dal direttore generale in base alla capacità e ai poteri del datore di lavoro privato”.

Il Tribunale, dunque, non era entrato nel merito del tema fondamentale della controversia e cioè i titoli di Tutino. Secondo i ricorrenti, il vincitore avrebbe dovuto dimostrare di avere la specializzazione e gli anni di servizio in entrambe le discipline: Chirurgia plastica e Maxillo facciale. Una simultaneità di cui, ribadiscono oggi i sindacalisti, Tutino non sarebbe stato in possesso. Il primario, dal canto suo, sgombrò il campo dalle polemiche legate alla specializzazione conseguita negli Stati Uniti e non riconosciuta dal ministero. Un titolo in più e irrilevante ai fini dell’idoneità: così l’aveva definita Tutino.

Ora, all’indomani dell’arresto di Tutino, l’azienda ospedaliera ha affidato l’incarico di reggere le sorti del reparto al chirurgo Giuseppe Termine. Alla stessa direzione generale il sindacato chiede un “ritorno al passato”, facendo rientrare in servizio i quattro chirurghi che in questi mesi sono stati costretti a trasferirsi per incompatibilità ambientale: impossibile operare, così hanno stabilito i commissari sanitari, in un clima di perenne conflitto con il primario. Colpevole, a loro dire, di una gestione fallimentare

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

7 Commenti Condividi

Commenti

    Vero che ci sono direttori generali senza titoli? Come sindacato avete controllato?

    Come siamo messi male

    Per gli incarichi ai dirigenti la discrezionalità, per asservire.
    Si legge:motivazione, “difettano, ad avviso del collegio, gli elementi qualificanti della procedura concorsuale, in quanto la selezione è stata effettuata mediante la valutazione dei curricula e il colloquio sulla base dei requisiti di professionalità e capacità manageriali, senza alcuna comparazione tra i candidati e soprattutto difetta l’elemento più significativo della procedura concorsuale, non essendo stata formata alcuna graduatoria con relativa assegnazione dei punteggi e proclamazione dei vincitori”. In sostanza, il provvedimento finale era stato “adottato dal direttore generale in base alla capacità e ai poteri del datore di lavoro privato”.

    Le motivazioni con cui è stato respinto il ricorso dei due medici sono un capolavoro. Ma perchè è stato chiesto un parere al Miur per poi non tenerne conto? Possibile che nessuno paghi per questo?

    Per dirla alla Josè Mourinho, ” Zeru Tituli “…….

    Come gia’ affermato e messo bene in evidenza ,tutti sapevano.In quel “tutti”,la logica occidentale prevede anche la collocazione del l’insieme dei vertici aziendali ,tutti ergo ” anche gli attuali”.
    Ovviamente secondo gradi di responsabilita’ .
    Il processo ,infatti, deve tendere a colpire non tanto i plurimi fatti oggetto di indagine, ma un certo stile gestionale che vede nelle figure dei manager e dei direttori dei deus ex machina capaci ,e resi abili persino dalle leggi, di fare e disfare a loro giudizio e piacimento le sorti di un servizio, di una struttura ,di un’azienda ospedaliera.Questi signori con le loro scelte hanno affossato un’intera azienda sanitaria ,e per lo stile espresso , senza correttivi, continueranno a farlo.

    andrei a verificare i nomi di tutti quelli operati a spese dell’ospedale, uscirebbero nomi importanti e sicuramente direbbero che sono stati operati senza saperne nulla…
    W Italy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *